Happy hour una tragedia per la linea.

Happy hour? Attenti alla linea Quante insidie in un aperitivo

 

ROMA – L’ora più felice della giornata? Quella dell’aperitivo, è chiaro. Il lavoro finisce, comincia la notte. C’è chi lo prende di rito, per forza in compagnia: un bicchiere e due stuzzichini, vera goduria della prima serata. Ma non c’è da stare troppo allegri: ridendo e scherzando, con l’happy hour, si assumono più calorie che con un pranzo completo.  Lancia l’allarme Giuseppe Fatati, presidente della Fondazione ADI, coordinatore del progetto “Obesity Day”, l’iniziativa presentata oggi che dal 10 ottobre chiamerà a Roma esperti e curiosi per approfondire i rischi correlati a una alimentazione scorretta.

“Gli aperitivi – spiega Fatati – soprattutto quelli mascherati da succo di frutta debolmente alcolico, chiudono la giornata con quella accattivante allegria del ‘fine del lavoro’. E sono ormai di tendenza. Ma è difficile dire quante calorie si introducono quasi per gioco”. Il problema è proprio la disattenzione: ciotoline e vassoi ci fanno allungare la mano quasi senza accorgercene.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: