Archive for settembre 24th, 2011

settembre 24, 2011

Nel 2010 in Italia un lavoratore su dieci è irregolare.

Nel 2010 in Italia un lavoratore su dieci è irregolare
Nel 2010 in Italia oltre 2,5 milioni di lavoratori, tra dipendenti e autonomi, sono irregolari. La cifra è composta da 2.102.200 lavoratori dipendenti irregolari e da 446.400 lavoratori autonomi irregolari. Emerge dalle tabelle pubblicate dall’Istat sulla misura dell’occupazione non regolare nelle stime di contabilita’ nazionale, e relative agli anni 1995-2010.

Poiche’ in Italia nel 2010 le persone occupate, sia regolari sia irregolari, ammontano a 24.643.000 unità, il lavoro irregolare rappresenta il 10,3%.

L’occupazione, regolare e irregolare, ha subito nel 2010 un calo di 196.000 unità rispetto al 2009. Il calo è ascrivibile quasi interamente all’occupazione regolare (191.000 occupati in meno) mentre l’occupazione irregolare rime stabile.

settembre 24, 2011

Il Tunnel della Gelmini.

In rete è già un cult. La gaffe della Gelmini sul «tunnel tra il Cern e il Gran Sasso» sta facendo il giro del Web. Sui Twitter l’hashtag “#tunnelgelmini” sembra destinato a scalare la classifica dei “trending topics”. Tutto nasce da un comunicato diffuso dal ministero dell’Istruzione. Nella nota il ministro plaude alla «scoperta del Cern di Ginevra e dell’Istituto nazionale di fisica nucleare” sui neutrini. «Un avvenimento scientifico di fondamentale importanza». Fin qui tutto normale, ma poi arriva lo scivolone: « Alla costruzione del tunnel tra il Cern ed i laboratori del Gran Sasso, attraverso il quale si è svolto l’esperimento, l’Italia ha contribuito con uno stanziamento oggi stimabile intorno ai 45 milioni di euro».
Questi sono matti da legare! ………ed è un ministro che siede dietro la scrivania che fu di Francesco De Sanctis.Povera Italia!

settembre 24, 2011

A tutto Ska con The Special & Casino Royale.

In questa variopinta serata dell’Alcatraz si è riproposta una band di assoluto culto (promossa ai tempi da un grande del Rock, Elvis Costello), THE SPECIALS, che insieme ai Madness sono stati simbolo dello Ska britannico
Una imperdibile serata milanese, nell’ambito di un lungo tour europeo. Fin da subito si batte il ritmo con pezzi tipo “A Message to You Rudy”, “Monkey Man”,  “Too Much Too Young”, “ Do The Dog”,  “Rat Race”,  “Hey Little Rich Girl”,  “Concrete Jungle”,  “Do Nothing”. Energia allo stato puro, che elettrizza il pubblico, sicuramente già ben scaldato in apertura dai Casino Royale.
I The Specials nella loro reunion del 2009, che li ha portati in tour in 13 paesi europei, negli Stati Uniti, Canada, Australia, New Zealand e Giappone hanno ricevuto diversi premi tra cui il Q Inspiration AWARD e l’Outstanding Contribution to Music agli NME Awards.
Questo esilarante show del Tour 2011, finirà sicuramente a consolidare e rafforzare la fama dei fantastici ed intramontabili The Specials, che hanno determinato uno stile ed un punto di riferimento per molti gruppi che hanno seguito.

settembre 24, 2011

Free Palestine II°

settembre 24, 2011

Free Palestine

https://i2.wp.com/farm7.static.flickr.com/6174/6175815973_cde6824d60_b.jpg

settembre 24, 2011

SALUTE: RENI E CUORE, UNA ‘RELAZIONE PERICOLOSA’.

SALUTE: RENI E CUORE, UNA ‘RELAZIONE PERICOLOSA’. ECCO GLI ESAMI PER LA PREVENZIONE

Chi ha i reni malati ha un rischio cardiovascolare 10 volte più alto del normale. È quanto emerge da uno studio frutto della collaborazione tra la Società Italiana di Nefrologia (Sin), l’Istituto Superiore di Sanità (Iss) e l’Associazione Nazionale Medici Cardiologici Ospedalieri (Anmco) al centro del 52* Congresso Nazionale di Nefrologia della Sin, in programma fino al 24 settembre a Genova.

I risultati dello studio mostrano che in totale l’8% della popolazione generale italiana, uomini e donne, ha un danno renale cronico. Di questo 8% totale, il 5% ha una forma iniziale e il 3% una forma più avanzata. Il dato rilevante è che si è visto che esiste una stretta correlazione tra rene e cuore: un rene che funziona male compromette anche il funzionamento del cuore. “Si stima che un soggetto con il 40% della funzione renale ha un rischio di incidenti cardiovascolari 10 volte maggiore rispetto ad un soggetto con normale funzione renale – spiega Francesco Pizzarelli, segretario Sin e direttore del reparto di Nefrologia all’Ospedale S.M. Annunziata di Firenze -.

settembre 24, 2011

Metabolismo, quali sono i fattori che lo influenzano e come accelerarlo.

La dieta e l’attività fisica sono due fattori importantissimi per il corretto funzionamento del metabolismo: seguire una dieta sana ed equilibrata e svolgere una costante e leggera attività fisica sono i primi due sistemi per accelerare il metabolismo: se non è possibile intervenire sull’età, la menopausa e i fattori genetici, è almeno possibile lavorare sull’alimentazione e sullo sport.

Innanzi tutto non mangiate quando vi capita e nelle quantità che volete; non saltate i pasti: non solo non vi aiuterà a dimagrire, ma vi farà diminuire il metabolismo e vi porterà a mangiare di più in quelli successivi.

Aumentate l’assunzione di frutta, verdura e alimenti integrali: eviterete gli sbalzi di glicemia fornendo all’organismo dell’energia bilanciata; bevete il tè verde: molti studi scientifici hanno dimostrato che fa aumentare il metabolismo senza stressare l’organismo come invece fa la caffeina.

Bevete tanta acqua, oltre a combattere la ritenzione idrica, vi libera dalle tossine e fa aumentare il metabolismo.

Fate attività fisica: dal cardiofitness ai pesi, passato per il nuoto o anche solo per una semplice passeggiata al parco o al fare le scale al posto di usare l’ascensore, vi permetteranno di rinforzare i muscoli, aumentare il metabolismo e, quindi, bruciare le calorie.

settembre 24, 2011

Nel mondo 2-4% automobilisti pronti acquisto auto elettriche.

Nel mondo 2-4% automobilisti pronti acquisto auto elettriche Nel mondo 2-4% automobilisti pronti acquisto auto elettriche

ROMA – Una buona fetta, circa il 2-4%, di automobilisti di tutto il mondo e’ pronta a comprare veicoli elettrici consentendo un risparmio per le proprie tasche e, allo stesso tempo, aiutando a mantenere l’ambiente pulito. E’ quantoemerge dallo studio ‘Unplugged: Electric Vehicle realities versus consumer expectations’, condotto dal Deloitte Global Manufacturing Industry Group, e presentato nell’ambito del salone di Francoforte. Secondo la ricerca, gli automobilisti si aspettano pero’ che le vetture a emissioni zero siano in grado di percorrere una distanza maggiore, abbiano un tempo di ricarica inferiore e un prezzo di listino piu’ basso rispetto a quanto oggi le diverse case sono in grado di offrire.
In particolare, secondo l’85% degli automobilisti intervistati, la comodita’ di ricarica, l’autonomia e il costo di ricarica sono fattori estremamente o molto importanti per considerare l’acquisto o il noleggio di una vettura elettrica. Lo studio compie inoltre una panoramica sulle tecnologie attualmente disponibili analizzando, per esempio, per alcuni prodotti annunciati per il 2013, l’autonomia della batteria. Per la maggior parte dei costruttori, l’autonomia dei veicoli elettrici puri e’ di molto inferiore alle attese del consumatore. Secondo

settembre 24, 2011

Efficienza energetica: circa 6 mld risparmi l’anno

FESTIVAL DELL'ENERGIA A FIRENZE FESTIVAL DELL’ENERGIA A FIRENZE

Sono efficienza e risparmio le parole d’ordine per il sistema energetico nazionale. E l’Italia, secondo stime di Edison, potrebbe arrivare a ridurre del 15-17% i consumi di energia elettrica, pari a 55 Twh, con un risparmio di 5,8 miliardi di euro l’anno, investendo 35 miliardi di euro.
Nel concreto, secondo i dati resi noti da Federutility, le aziende associate alla federazione hanno sviluppato oltre 600 milioni di euro di investimento per energia, acqua, e rifiuti con l’obiettivo di conseguire risparmi di circa 40 milioni annui sul piano economico, e, a livello ambientale, con una riduzione di 588 milioni di tonnellate annue di Co2 in atmosfera.

Questo quanto emerso oggi a Firenze alla giornata di apertura della quarta edizione del Festival dell’Energia promosso da Aris (Agenzia di ricerche informazione e società) in partnership con Federutility (la Federazione che riunisce le aziende di servizi pubblici locali che operano nei settori energia elettrica, gas e acqua).