I socialisti europei aprono agli eurobond.

L’idea di puntare alla creazione di un bilancio dell’Unione, attraverso la nascita di obbligazioni europee, non sta creando tensioni solo tra gli Stati membri. Anche molti Paesi sono scossi da tensioni politiche. Almeno in Francia e in Germania l’opposizione di sinistra è favorevole a una soluzione osteggiata per ora dai Governi nazionali.
Questa settimana in un incontro a Parigi, socialisti francesi e socialdemocratici tedeschi hanno firmato un documento congiunto in cui hanno preso posizione a favore degli eurobond, esortando i rispettivi Governi a discuterne apertamente: «Possono essere un mezzo importante per risolvere la crisi di rifinanziamento dei Paesi indebitati».
Secondo Jean-Marc Ayrault e Frank-Walter Steinmeier, capigruppo rispettivamente del Ps all’Assemblea nazionale e dell’Spd al Bundestag, l’introduzione delle obbligazioni europee deve essere legata «a rigide disposizioni concernenti la politica finanziaria e di bilancio degli Stati membri dell’Unione Europea».

Per ora, sia il presidente francese Nicolas Sarkozy che il cancelliere Angela Merkel sono contrari nel perseguire questa strada. Ambedue credono che gli eurobonds debbano essere l’ultimo stadio di un processo di convergenza anche istituzionale (proprio in questo senso ieri la signora Merkel ha proposto che la Corte di giustizia dell’Unione vigili sul rispetto delle regole del Patto di stabilità), e non possono essere lo strumento attraverso il quale risolvere la crisi dall’oggi al domani.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: