Emmy The Great – Virtue – Buonanotte compagni.

C’è stato un periodo, non più indietro di un paio d’anni fa, in cui spuntavano cantautrici bravissime da ogni angolo. Il problema era sempre lo stesso: capire (e descrivere) cosa le differenziava l’una dall’altra, perché erano tutte buone canzoni per chitarra acustica, tutti bei dischi, punto, e a volte sarebbe bastata una riga. Correva l’anno, appunto, 2008 quando poi spuntò dal nulla Emmy The Great, e mi si impose su tutti gli altri ascolti, in maniera quasi naïf, devo dire, e forse un po’ insensata. Perché, appunto, non ci sono dei motivi per cui questa ragazza sia più brava, o più valida delle altre sue colleghe. La verità è che è una grande cantastorie e una grande compositrice: cosa che prova una volta di più con Virtue, il suo secondo lavoro, che per certi versi mi pare pure migliore del primo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: