Beyoncé – 4 – Buonanotte compagni

Beyoncé è superdotata. e non è (solo) per la voce da dio che si ritrova in gola, con Diamanda Galas forse quella femminile più impattante della nostra era. Non è nemmeno per i camion di dischi venduti, per gli 87 milioni di dollari annui che incassa, per il record di Grammy vinti da una donna in una botta sola (sei!). Queste son tutte cose secondarie quando di mezzo c’è l’ex bimba del destino.
Beyoncé è superdotata, perché sa cosa fare per ottenere il massimo. E lo fa. Talento disumano, d’accordo, ma anche volontà, sacrificio, coraggio: verrebbe in mente una versione upgrade di Madonna, se solo Madonna c’entrasse coi concetti di “voce” e “canto”. Ci si limiti a ’sta cosa della voce, per capirci. Con una super-dotazione tipo Beyoncé, sorta di John Holmes dell’ugola, una Mariah Carey qualsiasi ci avrebbe fatto sì una carriera multi-milionaria, ma asservita ai propri frizzi vocali, ai lazzi timbrici, a qualche acuto da record. Risultato: canzonette intonate da una dea dell’Olimpo, ma perlopiù buone per la doccia. No, Beyoncé ha sempre fatto in modo che fossero i suoi 30 centimetri di onnipotenza canora a inchinarsi all’intuizione produttiva, all’azzardo armonico, alla sfida ritmica. Tant’è, 4 è ancora un disco esemplare di tale intransigente superiorità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: