Beehive PV: il pannello fotovoltaico a nido d’ape integrato alle finestre.

solaror-beehive

L’energia solare non è certo la più utilizzata al mondo, ma è di sicuro quella che ha conquistato il maggior numero di persone, sia nelle grandi metropoli dei paesi occidentali, sia in sperduti villaggi dell’Africa continentale. L’attuale tecnologia è però ancora distante da una perfetta integrazione architettonica. Non è un caso se proprio l’integrazione con gli edifici sia al centro degli studi condotti da molti dei team di ricerca del settore, che puntano in un modo o nell’altro a rendere muri e finestre un tutt’uno con i pannelli fotovoltaici. L’ultimo progetto in questo senso si chiama Beehive PV e consiste in un pannello solare con superficie a nido d’ape.

La start up, presentata di recente in via ufficiale alla fiera internazionale di San Francisco InterSolar, è un’idea della SolarOr, giovanissima azienda israeliana (2007) fondata da un gruppo di ricercatori specializzati proprio nel fotovoltaico. Il pannello solare da loro ideato si distingue per la trama a nido d’ape delle celle solari, in grado, grazia alla forma esagonale, di concentrare e allo stesso tempo amplificare la radiazione solare.

In questo modo un metro quadro di Beehive PV è in grado di produrre – dice Avi Sasichief operational officer di SolarOr – fino a 140 watt di energia elettrica, pari a un’efficienza di circa il 14%, poco al di sotto quindi dagli attuali standard (16-18%).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: