Archive for aprile 25th, 2011

aprile 25, 2011

Rasoio elettrico ricaricabile a mano.

Il rasoio elettrico Piranha venduto a 33,90 euro  sfrutta per essere ricaricato il vecchio sistema della dinamo e della manovella. Hervé 34 anni lo ha testato e ha pubblicato la sua recensione su ConsoGlobe. Piranha è però un vero oggetto geek avendo anche un cavo con cui collegarlo alla porta Usb del pc o a un ricarica batteria fotovoltaico come Solio.

L’idea del rasoio elettrico ricaricato a manovella nasce per un uso in contesti particolari: durante un viaggio o in luoghi in cui risulta difficile trovare prese elettriche. Ma l’idea del test nasce perché giustamente si è voluto comprendere se un oggetto di questo tipo sia diversamente usabile tutti i giorni al posto del rasoio elettrico alimentato in maniera tradizionale.

Secondo Hervè considerati i punti di forza e i punti di debolezza individuati (dopo il salto), il rasoio elettrico a manovella è valido, è ben funzionante, ma usabile solo in circostanze particolari come in viaggio, ad esempio.

aprile 25, 2011

Partigiani per sempre.

Il Comitato nazionale dell’Anpi-Associaziona nazionale partigiani italiani, ha lanciato un appello per il 25 aprile, festa della Liberazione: «Cari compagni, ora tocca a noi. Andiamo a raggiungere gli altri tre gloriosi compagni caduti per la salvezza e la gloria d’Italia. Voi sapete il compito che vi tocca. Io muoio, ma l’idea vivrà nel futuro, luminosa, grande e bella. Siamo alla fine di tutti i mali. Questi giorni sono come gli ultimi giorni di vita di un grosso mostro che vuol fare più vittime possibile. Se vivrete, tocca a voi rifare questa povera Italia che è così bella, che ha un sole così caldo, le mamme così buone e le ragazze così care. La mia giovinezza è spezzata ma sono sicuro che servirà da esempio. Sui nostri corpi si farà il grande faro della Libertà». Giordano Cavestro (‘Mirko’), 18 anni, studente di Parma, medaglia d’oro al valor militare, scrisse questa lettera appena prima di essere fucilato dai nazifascisti il 4 maggio 1944. Il 25 aprile ha il suo nome. Il 25 aprile ha il nome di tutti quei meravigliosi ragazzi e ragazze che immolarono la loro breve vita, senza alcuna esitazione, alla causa della liberazione del proprio Paese dalla tirannia nazifascista. Il 25 aprile avremo i loro nomi nel cuore, nella coscienza, e li diffonderemo nelle piazze, ne faremo una ragione di impegno, ancora, per il futuro di una democrazia che, come sappiamo, come vediamo, non è data una volta per tutte, non vive di respiri propri, ma va irrobustita, vivificata, giorno per giorno. Il 25 aprile diremo il nome di Giordano Cavestro a quei senatori della destra, che stanno tentando, con una ignobile proposta di legge, di abrogare la XII disposizione transitoria della Costituzione che vieta la riorganizzazione del partito fascista. Diremo NO! È una vergogna, un oltraggio ai caduti per la libertà. All’Italia intera. Il 25 aprile diremo che dalla Liberazione non si torna indietro. Da tutte le piazze, vie, scuole, caserme, mostreremo ancora una volta, e questa volta di più, il volto dell’Italia più bella e civile: quella che non dimentica. L’Italia democratica e antifascista.

aprile 25, 2011

Resistere, resistere, resistere!

aprile 25, 2011

IDV contro Grillo

Nuova puntata dello scontro Italia dei Valori-Beppe Grillo. Dopo le uscite del comico genovese che aveva sparato a zero contro Luigi de Magistris – e avevamo notato come tale atteggiamento poteva nascondere una lite basata sul vil denaro, complice la Casaleggio & Associati che gestisce, nell’ombra, la comunicazione di Grillo e che gestiva quella di IdV fino alla rottura – ora è Italia dei Valori che tronca qualsiasi rapporto con il comico genovese.

CONTRO GRILLOOccasione sono le elezioni amministrative, e la voce è quella di Massimo Donadi, capogruppo alla Camera dei dipietristi: Beppe Grillo è il miglior amico di Berlusconi (quando paragona Pisapia alla Moratti), dice Donadi, intervistato da AffariItaliani.

“Finge di mettersi fuori da tutto e da tutti e in realtà fa soltanto un’operazione cinica di affermazione personale e di speculazione sull’insoddisfazione e sulla voglia di cambiamento radicale di tanti giovani. Ma seguendo Grillo Berlusconi e il Centrodestra vincono per i prossimi cinquant’anni”. Il capogruppo dell’Italia dei Valori alla Camera, Massimo Donadi, sceglie Affaritaliani.it per lanciare un durissimo attacco al leader del Movimento Cinque Stelle. “Chiede consenso per un progetto che è basato su un’utopia antagonista e l’unico che si frega le mani è il premier”. E ancora: “Quando dice che la Moratti e Pisapia sono la stessa cosa è la quinta essenza del populismo, dell’anti-politica e di chi vuol far credere che tutto è marcio sempre e comunque”.

Nuova puntata dello scontro Italia dei Valori-Beppe Grillo. Dopo le uscite del comico genovese che aveva sparato a zero contro Luigi de Magistris – e avevamo notato come tale atteggiamento poteva nascondere una lite basata sul vil denaro, complice la Casaleggio & Associati che gestisce, nell’ombra, la comunicazione di Grillo e che gestiva quella di IdV fino alla rottura – ora è Italia dei Valori che tronca qualsiasi rapporto con il comico genovese.

CONTRO GRILLOOccasione sono le elezioni amministrative, e la voce è quella di Massimo Donadi, capogruppo alla Camera dei dipietristi: Beppe Grillo è il miglior amico di Berlusconi (quando paragona Pisapia alla Moratti), dice Donadi, intervistato da AffariItaliani.

“Finge di mettersi fuori da tutto e da tutti e in realtà fa soltanto un’operazione cinica di affermazione personale e di speculazione sull’insoddisfazione e sulla voglia di cambiamento radicale di tanti giovani. Ma seguendo Grillo Berlusconi e il Centrodestra vincono per i prossimi cinquant’anni”. Il capogruppo dell’Italia dei Valori alla Camera, Massimo Donadi, sceglie Affaritaliani.it per lanciare un durissimo attacco al leader del Movimento Cinque Stelle. “Chiede consenso per un progetto che è basato su un’utopia antagonista e l’unico che si frega le mani è il premier”. E ancora: “Quando dice che la Moratti e Pisapia sono la stessa cosa è la quinta essenza del populismo, dell’anti-politica e di chi vuol far credere che tutto è marcio sempre e comunque”.

aprile 25, 2011

la resistenza continua.

“La Resistenza e il Movimento Studentesco sono le due uniche esperienze democratico-rivoluzionarie del popolo italiano. Intorno c’è silenzio e deserto: il qualunquismo, la degenerazione statalistica, le orrende tradizioni sabaude, borboniche, papaline.”

Pier Paolo Pasolini

Gennaro Carotenuto su http://www.gennarocarotenuto.it