Archive for aprile 18th, 2011

aprile 18, 2011

The birds – fifth dimension – Buonanotte compagni.

The Byrds sono stati un gruppo musicale pop-rock californiano in auge particolarmente nella seconda metà degli anni sessanta. Mossero i primi passi suonando in piccoli locali della costa occidentale degli Stati Uniti raggiungendo presto una certa notorietà. Sono stati a lungo considerati «la risposta americana al “fenomeno” Beatles»[senza fonte], dai quali mutuarono talune sonorità poi personalizzate attraverso riff di stile inconfondibile diventati quasi un “marchio di fabbrica” del loro particolare stile sonoro.

Del gruppo dei Byrds hanno originariamente fatto parte musicisti che, nel corso degli anni, hanno poi goduto di successo come solisti o internamente ad altri gruppi rock.

I cinque Byrds co-fondatori del gruppo sono stati: Jim McGuinn – che nel 1966 ha adottato il nome di Roger McGuinn (chitarra Rickenbacker a dodici corde e voce) – il cantante e chitarrista David Crosby, Gene Clark (autore di molti brani, voce, chitarra, tamburello e percussioni, morto nel 1991), Chris Hillman (basso, chitarra, mandolino) e Michael Clarke (batteria, percussioni, deceduto nel 1992).

aprile 18, 2011

Comunali: a Bologna 19 liste per dieci candidati sindaco.

A sorpresa anche ‘Willie’, lo ‘sciamano’ del mondo alternativo bolognese ha raccolto in tempo le firme necessarie. Sostenuto da ‘liberi cittadini underground’ e completamente tatuato, ‘Willie’ e’ uno dei personaggi piu’ conosciuti del suo ambiente e il suo slogan e’ ‘La politica e’ sacra’. Rimane fuori per la seconda volta consecutiva Beppe Maniglia, storico chitarrista di strada. I candidati sindaco sono Massimo Bugani, Anna Montella, Manes Bernardini, Michele Terra, Daniele Corticelli, Virginio Merola, Stefano Aldrovandi, Elisabetta Avanzi, Angelo Carcano, Willie (Massimo Ferrero).

aprile 18, 2011

Stafania Craxi ha un sussulto di dignità. Ma è troppo poco.

“E’ ora di aprire una stagione nuova. Con idee nuove, uomini nuovi, linguaggi nuovi. Perché, direbbe mio padre, non era questa l’Italia che sognavo; derisa all’esterno e miserabile al suo interno”. Così Stefania Craxi, sottosegretario al ministero degli Esteri, attacca Silvio Berlusconi in un’intervista al settimanale ‘A‘. ”Silvio deve uscire di scena nel modo giusto, non può essere travolto dal ridicolo. Deve smetterla di raccontare queste barzellette oscene: non gli fanno onore e non fanno ridere”. L’esponente del Pdl parlerebbe per il troppo affetto nei confronti del premier e per l’amicizia che li lega da tempo, come lei stessa racconta. E su Arcore commenta: “La magistratura deve perseguire il reato e non moralizzare la società. Ma tutto quello che è successo non è stato un spettacolo bello”.

Belle parole ma tardive e inutili. Sarebbe più giusto dimettersi e abbandonare lo Psiconano al suo delirio senile.

aprile 18, 2011

Gaza rende onore a Vittorio Arrigoni.

Una bara di compensato coperta da una bandiera italiana e una palestinese e da petali, gli slogan e il pianto degli amici, onori funebri solenni, ma non di massa. Si è consumato così, oggi, nella Striscia di Gaza, l’ultimo viaggio dell’attivista italiano Vittorio Arrigoni, assassinato da estremisti salafiti. Il feretro, passato il valico di Rafah, e’ ora in viaggio per il Cairo. Hamas ha tenuto un profilo basso ai funerali.

aprile 18, 2011

Era ora!

“La scelta che oggi annunciamo per il prossimo Giorno della Memoria – afferma Napolitano – costituisce anche una risposta all’ignobile provocazione del manifesto affisso nei giorni scorsi a Milano con la sigla di una cosiddetta “Associazione dalla parte della democrazia”, per dichiarata iniziativa di un candidato alle imminenti elezioni comunali nel capoluogo lombardo. Quel manifesto rappresenta, infatti, innanzitutto una intollerabile offesa alla memoria di tutte le vittime delle BR, magistrati e non. Essa indica, inoltre, come nelle contrapposizioni politiche ed elettorali, e in particolare nelle polemiche sull’amministrazione della giustizia, si stia toccando il limite oltre il quale possono insorgere le più pericolose esasperazioni e degenerazioni. Di qui il mio costante richiamo al senso della misura e della responsabilità da parte di tutti”.

Con queste parole il Presidente Napolitano ha dato quel segnale che tutti aspettavano. Spetta ora agli elettori di Milano rispondere al segnale dato dal Presidente della Repubblica negando alla lista del candidato sindaco Moratti il consenso, che ha dimostrato di non meritare per  aver candidato nelle proprie liste un fascista che ha offeso in modo così grave  le istituzioni della Repubblica nate dalla guerra di liberazione.

aprile 18, 2011

Il delatore.

Big Bang di Massimo Cavezzali

aprile 18, 2011

Niente caffè dopo un pasto al fast food.

Per chi segue un’alimentazione sana e per chi è a dieta il cibo dei fast food non è proprio indicato, anzi, sarebbe meglio evitarlo del tutto, però a volte non è possibile: vuoi perché ci vogliono andare i bambini, vuoi perché gli amici insistono per provare l’ultimo panino, a volte ci ritroviamo a pranzare con hot dog e patatine.

Cerchiamo almeno di contenere i danni: basta semplicemente di evitare di prendere il caffè subito dopo; a sostenerlo è uno studio condotto dall’Università di Guelph, in Canada, e pubblicato sul “Journal of Nutrition“. Secondo gli esperti infatti, dopo aver mangiato al fast food, i livelli di zuccheri nel sangue sono alti e si rischia di farli alzare ancora di più se si assume a fine pasto del caffè o una bevanda contente della caffeina.

Leggi tutto l’articolo

aprile 18, 2011

Cancro al Pancreas: in GB al via trial vaccino – 56 gli ospedali.

Un per il contro il tumore al e’ appena iniziato in 56 ospedali della Gran Bretagna. Lo annuncia la Bbc, secondo cui sono piu’ di mille i pazienti coinvolti nella sperimentazione di un farmaco da associare alla .

Il , chiamato , non funziona in maniera tradizionale per prevenire la malattia, ma ha il compito di stimolare il contro le cellule tumorali. Per far cio’ e’ ‘caricato’ con una parte dell’enzima telomerasi, prodotto in grande quantita’ dai tumori. Il farmaco dovrebbe ‘insegnare’ al a riconoscere l’enzima nelle cellule del .

aprile 18, 2011

Tim Jackson presenta in Italia gli 11 passi per la prosperità senza crescita

Tim jackson presenta le sue teorie per una prosperità senza crescita

Non è necessario essere neo francescani per rispettare l’ambiente. Il benessere, le comodità e i vantaggi si possono ottenere anche senza sprecare le risorse del Pianeta. Come sarebbe possibile? Lo spiega bene Tim Jackson docente di sostenibilità (ebbene sì esiste una cattedra del genere!) all’università del Surrey nonché membro della Sustainable Development Commission del Governo britannico.

Ospite del WWF a Roma, Jackson, ha tenuto una lezione su come sia possibile vivere bene senza per questo sfruttare le risorse. Tra l’altro i paradigmi della sua economia sostenibile sono presentati nel libro:Prosperità senza crescita (Ed.Ambiente, 24 Euro), che può sembrare un ossimoro.

Prende di mira Jackson le fondamenta stesse del consumismo che si basa sul debito e sullo spendere più di quello che si ha. Che non sia la strada giusta lo stiamo capendo. Capiremo anche quale strada intraprendere? Dopo il salto in 11 punti le proposte di Jackson.

Continua a leggere: Tim Jackson presenta in Italia gli 11 passi per la prosperità senza crescita

aprile 18, 2011

Chernobyl Day 2011: azioni contro l’energia nucleare

A 25 anni dal disastro nucleare di Chernobyl si terranno i Chernobyl Day. Molti eventi si sono già svolti ma ovviamente i più interessanti ci saranno proprio questa settimana, essendo il 26 aprile il 25esimo anniversario dell’esplosione della centrale nucleare in Ucraina.

Gli eventi sono coordinati dal gruppo francese Sortir du nuclèaire e da RNA Rete Nazionale Antinucleare – Italia.

Nel nostro Paese la mobilitazione contro il ritorno delle centrali nucleari è molto vivace e culminerà il prossimo 12 e 13 giugno con le votazioni al referendum. Per consultare i prossimi eventi, in cui sono incluse manifestazioni per far luce sul caso Quirra in Sardegna potete consultare il calendario qui.