The Birds – Mr Tambourine man – Buonanotte compagni

L’esordio dei Byrds ha tanta importanza storica e formale quanta pochezza artistica e sostanziale. L’importanza sta nel segnare il passaggio, tramite la chitarra elettrica (tramite McGuinn) dall’epoca classica della canzone america (folk, country) all’epoca del rock. L’operazione riesce tramite un “post-rock n’ roll” smorzato dai vocal group. In realtà, l’esordio dei Byrds va considerato un singolo e non un album. Basta “Mr. Tambourine Man” (Dylan) [2:29] N. 1 Pop Singles, perché i Byrds dicano tutto ciò che avevano da dire. Il fatto che “Mr. Tambourine Man” sia di Dylan, che sia stata scritta proprio nel 1965, non ha alcuna importanza. Poteva essere qualsiasi altro brano folk. Del resto, la versione dei Byrds è, di fatto, un’altra canzone. Ed è il brano proto-rock americano più importante di sempre. La grazia, il magone, l’onirismo del brano sono paragonabili solo a “Sunday Morning” dei Velvet Underground. Per volere della casa discografica, nel singolo “Mr. Tambourine Man” il solo Byrds a suonare è il leader McGuinn e la sua Rickenbacker 12 corde; gli altri strumenti sono suonati da session men stagionati. Il brano segna anche il trionfo dei cosidetti jingle-jangle chitarristici, che saranno destinati a rimanere il marchio di fabbrica del gruppo.

One Trackback to “The Birds – Mr Tambourine man – Buonanotte compagni”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: