Archive for marzo 29th, 2011

marzo 29, 2011

badlands – Bruce Springsteen- Buonanotte compagni.

Riflettendo su questa canzone, il cantautore americano Peter Case osservò come il suo linguaggio diretto ne fosse il vero punto di forza. “Non capita spesso che qualcuno sia in grado di esplicitare con tanta crudezza un sentimento di ribellione e di disapprovazione  verso il mondo che lo circonda.”, disse l’ex Plimsouls, aggiungendo “penso ai ragazzi e a quanto sia logico per loro credere a uno che si esprime così, senza mezzi termini.”

For the ones who had a notion, a notion deep inside
That it ain’t no sin to be glad you’re alive
I wanna find one face that ain’t looking through me
I wanna find one place, I wanna spit in the face of these
Badlands…

Troverò il mio posto per poi sputare in faccia a queste terre difficili…..

Annunci
marzo 29, 2011

Fora da i ball la lega.

“Fora da i ball”. Bossi usa un’espressione dialettale lombarda e risponde così ai cronisti a Montecitorio che gli chiedono quale sia la soluzione per l’emergenza immigrati a Lampedusa a causa dell’esodo dal Nord Africa. “Si troverà una soluzione, se troviamo qualcuno con cui parlare”, aggiunge il leader del Carroccio facendo riferimento agli accordi con la Tunisia.

Praticamente Bossi ha dimostrato di essere il classsico scemo di guerra. E questo è quello con cui Bersani vuole dialogare.

Dinanzi a simili stronzate, non si sa bene se ridere o bestemmiare di gusto. Nel dubbio ci concediamo il lusso di entrambi.

marzo 29, 2011

Il comune di Milano combatte le infiltrazioni mafiose.

Milano, arrivano i vigili con lo spray al peperoncino.

Proprio quello che ci voleva per combattere la ‘ndrangheta.

marzo 29, 2011

Leggere a letto fa bene alla salute.

Julius di Bruno Olivieri

Etichette:

marzo 29, 2011

Tumore al colon: nuovo marker tumorale potenzialmente valido.

Il risultato può essere considerato una base per lo sviluppo di un farmaco che possa essere tossico per le cancerose una volta attivato dall’

Un potrebbe consentire una più agevole e precoce del del : a scoprirlo sono stati i ricercatori dell’Università del Colorado Cancer Center guidati da Vasilis Vasiliou.

 

Il laboratorio di Vasiliou è specializzato nello studio del ruolo degli enzimi nel metabolismo dei farmaci nei disturbi metabolici nelle normali e e nelle staminali.

Come riferito sulla rivista Biochemical and Biophysical Research Communications il gruppo di Vasiliou ha analizzato i campioni di tessuto tumorale di 40 pazienti, riscontrando in 39 di essi livelli straordinariamente alti dell’ denominato , che normalmente è presente solo nelle staminali.

marzo 29, 2011

Vaccinazione anti HPV: L’UE d’accordo con l’introduzione vaccino anche per uomini

Non solo le ragazze: contro il Papillomavirus umano (Hpv) vanno vaccinati anche gli uomini. Un recente studio pubblicato su ‘Lancet’ ha infatti dimostrato come nel corso della vita il 50% degli uomini, 1 su 2, potrebbe contrarre un’infezione da Hpv.

 

Alla base di malattie non pericolose come i , ma anche di vari tipi di . A evidenziarlo sono le tre più importanti società scientifiche che si occupano di patologie maschili, riunitesi oggi a Roma per la presentazione, in anteprima nazionale, della prima conferenza di consenso sulle patologie da Papillomavirus umano nel maschio.

A dare impulso all’iniziativa sono state la Società italiana di andrologia (Sia), la Società italiana di urologia (Siu) e la Società italiana di andrologia e medicina della sessualità (Siams), che hanno coinvolto anche alcuni tra i massimi esperti provenienti da vari campi della medicina: andrologia, urologia, dermatologia, ginecologia, igiene, virologia, pediatria, infettivologia.

marzo 29, 2011

Usa, 32 anni fa l’incidente nucleare di Three Mile Island.

Il 28 marzo del 1979 a causa di un guasto tecnico e di errore umano alla centrale nucleare di Three Mile Island si verificò il tristemente famoso incidente. Three Mile Island è anche un isoletta sul fiume Susquehanna nello stato della Pennsylvania su cui fu costruita la centrale nucleare.

In questi giorni, molti esperti hanno ribadito che le modalità di fusione dei reattori nucleari che si stanno verificando Fukushima Daiichi ricordano quelle di Three mile Island. I due incidenti però, si sono verificati in contesti molto diversi: negli Usa si ebbe un guasto meccanico a una valvola, in Giappone un terremoto e uno tsunami.

Dunque, cosa accadde quel 28 marzo del 1979? Lo spiega molto bene in una dettagliata ricostruzione il blog Il graffio News che scrive:

La fusione alla centrale di Three Mile Island in Pennsylvania fu innescata quando un errore meccanico e uno spegnimento automatico delle pompe idriche principali del sistema di raffreddamento secondario fecero chiudere le valvole, con ciò causando un surriscaldamento dell’acqua del sistema di raffreddamento primario che ricopriva il nucleo radioattivo.

marzo 29, 2011

I comuni verdi e autosufficienti danno lezione.

Un comune su otto in Italia è autosufficiente dal punto di vista elettrico grazie a sole, vento, biomasse e geotermia; a Lecce si produce più elettricità verde di Friburgo, la celebrata capitale tedesca del fotovoltaico; nel 94% dei municipi italiani è presente ormai almeno un impianto rinnovabile. Accusate di essere troppo costose, marginali e inaffidabili, le fonti verdi si prendono la loro rivincita e lo fanno con “Comuni Rinnovabili 2011”, il dossier di Legambiente che fotografa la diffusione delle micro centrali ad energia alternativa sul territorio nazionale.

marzo 29, 2011

Lampedusa:occupato il Municipio.

”Se domani l’isola non si svuota perche’ non arrivano le navi a Lampedusa avremo una bomba pronta ad esplodere”. Lo dice l’assessore alla Salute della Regione siciliana, Massimo Russo, in conferenza stampa a Lampedusa con il coordinatore dell’ufficio regionale sull’isola, l’assessore regionale Gianmaria Sparma, e gli ispettori sanitari. Per avvalorare il rischio di disordini, Sparma ricorda che ieri e’ stato bloccato il porto e oggi e’ occupato il consiglio comunal

marzo 29, 2011

La prescrizione breve salverà Berlusconi.

Otto anni fa, il 17 giugno 2003, il Cavaliere era presente come imputato nell’aula del processo Sme. Il giorno dopo il Parlamento approvò il primo degli innumerevoli scudi che si sono sin qui avvicendati e nei fatti quel processo finì per lui quel giorno. Ieri mattina è tornato come indagato nel processo Mediatrade e con la consapevolezza che da qui a un mese dei quattro processi in corso a suo carico ne resteranno in piedi uno – Ruby – e forse un altro mezzo, il Mediatrade appunto, grazie alla legge sulla prescrizione breve che l’aula di Montecitorio approverà tra oggi e domani e il Senato dovrebbe licenziare definitivamente entro un mese.

Verrebbe da pensare che il premier si sente rassicurato ad andare in aula – e ieri per l’appunto è stato anche un indagato modello, rispettoso della funzione dei giudici – solo quando sa di avere già in tasca la scappatoia legislativa. Forse è solo un pensar male gratuito. Ma la coincidenza è suggestiva. Terminata l’udienza preliminare e riconsegnata un po’ di normalità al palazzo di Giustizia, in Procura ieri mattina cercavano di fare qualche conto. E i conti tornano più per le difese che per l’accusa.