Archive for marzo 25th, 2011

marzo 25, 2011

Charles Mingus – The Black Saint and The sinner Lady – Buonanotte compagni.

Sebbene sia chiaramente ispirato dalla tavolozza orchestrale di Duke Ellington, Mingus si avventura in unterritorio emotivamente infiammabile. La particolarità di the black saint and the sinner lady  è che fu registrato solo tre mesi dopo il disastro più grande di Mingus, il famigerato concerto alla Town Hill ed è chiaro quindi che il bassista non si fece bloccare da quella debacle.

Annunci
marzo 25, 2011

Vendola fa incazzare Formigoni.

Partiamo dalla risposta del presidente Formigoni al suo omologo pugliese Nichi Vendola. Dice il governatore lombardo: “Vendola è un miserabile”. Perché tanto malanimo? Per capire bisogna tornare alle prime ore di questa mattina, quando Vendola arriva a Milano per alcuni incontri politici. Pochi dopo le undici e trenta, parte la stoccata. Argomento: ‘ndrangheta, politica e sanità. Temi caldi dell’ultime inchieste antimafia.  ”La Lombardia – dice Vendola – è la regione più mafiosa di Italia”.

Ecco, allora spiegato l’insulto. Eppure Vendola non sembra aver detto nulla di così clamoroso. Per capire basta sfogliare le ultime inchieste della Dda di Milano. Si parte con il primo luglio: la squadra mobile arresta i membri del clan Valle. Ed è già lì, tra le pieghe delle informative, che spuntano i primi legami con la politica. I pm fanno nomi e cognomi, disegnano scenari e, attraverso le intercettazioni, fanno emergere un risiko mafioso capace di infiltrarsi nei comuni dell’hinterlamd. Il 13 luglio successivo, l’operazione Infinito spariglia le carte: oltre 150 indagati solo in Lombardia, 500 affiliati, 20 locali di ‘ndrangheta. Ed è di nuovo politica. Con l’aggiunta della sanità. Chiedere a Carlo Antonio Chiriaco, ras dell’Asl pavese, finito in carcere assieme ai boss padani. Quindi, pochi giorni, fa le carte dell’operazione Caposaldo addirittura presentano gli ospedali milanesi come luoghi di summit tra boss di prima grandezza come Paolo Martino e Giuseppe Flachi.

marzo 25, 2011

Scrivere storie d’amore gay? In Cina costa la galera.

Nelle provincia cinese di Henan sono state arrestate trentadue giovani donne, perchè avevano pubblicato su internet storie erotiche di amori omosessuali. 20110321355 China Flagge b250 Scrivere storie d’amore gay? In Cina costa la galeraCome riferito dal quotidiano online in lingua inglese Shangai Dailyam, le donne lavoravano per un sito pornografico per gay registrato nella città di Zhengzhou. Il sito, che è stato nel frattempo chiuso dalle autorità, aveva pubblicato circa ottantamila brevi racconti erotici per i suoi seicentomila abbonati. Tra le arrestate c’è anche una giovane ragazza di diciassette anni, così come la responsabile della pagina web, una ventottenne. La polizia ha riferito che circa millecinquecento storie aveva un contenuto pornografico tale da essere vietato in Cina. Le storie d’amore gay sono state scritte dalle donne, che avrebbero ricevuto anche un piccolo compenso per la redazione dei racconti erotici – cifra massima intorno ai dieci euro. Una delle arrestate ha dichiarato che sarebbe diventata autrice delle storie di amore omosessuale per semplice curiosità, dato il grande successo di questo genere sulla rete cinese.

marzo 25, 2011

Sono addolorato per Gheddafi!

Turbato da un’inevitabile processo di proiezione che porta il nostro dittatorello bananiero ad identificarsi col l’amichetto tripolino, il Nano da cortile confida:

“Quello che accade in Libia mi colpisce personalmente. ”S.Berlusconi (20/03/2011)

marzo 25, 2011

In giappone aumenta il pericolo di disastro nucleare.

Continua a destare preoccupazioni la situazione in Giappone. Oggi l’Agenzia nipponica per la sicurezza nucleare ha indicato che potrebbe rialzare la valutazione della crisi dell’impianto di Fukushima numero uno a livello sei, anche detto ‘grave incidente’, il penultimo della scala. Il livello sette e’ stato assegnato solo al disastro di Chernobyl. Intanto il governo ha invitato alla ”evacuazione volontaria” tutti gli abitanti che risiedono in un raggio di 30 km dalla centrale nucleare, mentre truppe americane forniranno acqua dolce, invece di quella marina che rischia di corrodere l’impianto, per raffreddare i reattori.

marzo 25, 2011

VENTI DI GUERRA … AL MASSIMO VENTUNO.


L’Italia, paese pacifista per costituzione, non resiste alla tentazione della guerra.
Chiamato dagli alleati alle operazioni in Libia, il Paese prepara le sue sofisticatissime armi.
marzo 25, 2011

Biosimilari e Governance: i provvedimenti di Campania e Toscana.

Insieme nel favorire l’utilizzo dei per assicurare il risparmio sanitario regionale e garantire nuove risorse all’innovazione terapeutica

Roma, 24 marzo 2011 – Organizzato da , oggi a Roma, un Convegno sui modelli di governance delle Regioni in materia di . Tra i temi del dibattito, la verifica sulle delibere già adottate dalla Toscana e dalla Campania, e l’intento di fornire spunti per la definizione di una normativa nazionale, su cui dibatte la Commissione Sanità del Senato.

I Giudici Amministrativi si sono espressi a favore dei , disponendo che un biosimilare (molecola ottenuta con la tecnica di ingegneria genetica – tecnologia del Dna ricombinante – prodotta utilizzando cellule o microrganismi geneticamente modificati in modo da poter produrre sostanze normalmente non riproducibili in laboratorio), nonostante non possa essere considerato allo stato attuale come un generico, non è un farmaco inferiore rispetto all’originator.

Le Regioni Campania e Toscana, supportate dalle evidenze dell’Agenzia Europea per i Medicinali (), in termini di qualità, sicurezza ed efficacia del prodotto, e dalle recenti pronunce del Consiglio di Stato hanno intrapreso due percorsi diversi, ma che vedono nei un’opportunità per ottenere un sistema sostenibile di governance della spesa sanitaria regionale.

marzo 25, 2011

Sicurezza alimentare: accordo tra Liguria e Toscana per migliorare i controlli

Un protocollo d’intesa per la collaborazione in tema di sicurezza alimentare tra Regione Liguria e Regione Toscana è stato siglato ieri mattina a Roma dagli assessori regionali alla salute Claudio Montaldo e Daniela Scaramuccia. Il protocollo riguarda un percorso di collaborazione tra le due regioni per migliorare le attivitàaccordo liguria toscana di controllo in materia di sicurezza alimentare, adeguandole ai criteri stabiliti dalla Conferenza dei presidenti delle Regioni e delle Province autonome. Il protocollo si inserisce nell’ambito dell’accordo stabilito tra le due regioni nel settembre 2010 per l’attuazione del nuovo patto per la salute che ha come obiettivi il miglioramento della qualità dei servizi, l’appropriatezza delle prestazioni e la garanzia dell’unitarietà del sistema. In base al protocollo, nel 2011 e nel 2012 è previsto lo scambio di competenze e di buone pratiche per migliorare i servizi in materia di sicurezza alimentare e sanità pubblica veterinaria. Tra le iniziative in programma, l’elaborazione ed esecuzione di progetti comuni in ambito regionale, nazionale ed europeo, la realizzazione di progetti di formazione, il miglioramento degli standard di sicurezza alimentare delle imprese, dell’appropriatezza delle analisi e dei controlli

marzo 25, 2011

E a Bolzano studiano la geotermia.

L’attenzione causata dall’incidente nucleare in Giappone ha spinto la Giunta provinciale altoatesina rinnovare il proprio impegno per l’energia alternativa e rinnovabile. Accanto alle fonti gia’ note, si e’ aperta una discussione circa l’opportunita’ di puntare anche sulla geotermia: i dubbi sull’utilizzabilita’ o meno di questa risorsa in Alto Adige verranno fugati da una ricerca.

Per dare una risposta ai dubbi ancora presenti, la Giunta provinciale ha deciso di incaricare la Ripartizione innovazione di effettuare un’analisi e una ricerca completa. ”Vale la pena studiare a fondo la questione – ha detto il governatore Durnwalder – per capire se la geotermia e’ una fonte energetica che anche in Alto Adige si puo’ sfruttare in maniera efficiente dal punto di vista ambientale ed economico”.

marzo 25, 2011

……….e tornano pure le mozzarelle blu.

Tornano le mozzarelle blu. Per Copagri �¨ un "attentato alla salute"

Dopo i casi registrati l’estate scorsa in varie parti d’Italia è ritornata sulle nostre tavole la mozzarella blu. Anzi, peggio: è tornata in una mensa scolastica di Genova destanto allarme tra i genitori degli alunni. Ovviamente la mensa non c’entra nulla, il colore blu viene da chissà dove…

Però torna, e anche con una certa frequenza. Niente di strano, quindi, che chi lavora nel settore stia iniziando a infastidirsi come il presidente di Copagri, Franco Verrascina, che ha commentato senza giri di parole:

è un problema che va trattato in modo adeguato a come si configura e cioè un attentato alla salute umana ed all’economia di un settore che produce onestamente. Serve, dunque, la certezza della pena e pene severe. Accertati i responsabili, vanno interdetti dalle attività di produzione industriale e commercializzazione, perché troppo spesso succede che con un semplice cambio di ragione sociale soggetti che definire malfattori è un eufemismo tornano a operare e a reiterare gravissimi reati