Archive for marzo 14th, 2011

marzo 14, 2011

Backstreet – Bruce Springsteen – Buonanotte compagni.

Impressionante la bellezza di questa canzone. Un inno all’amicizia.

Annunci
marzo 14, 2011

Anche il PSI contro il nucleare.

Una volta tanto mi sento in perfetta sintonia con il psi che ha diramato un comunicato contro il nucleare che vi ripropongo:

PIEDI D’ARGILLA

Come già fu per Chernobyl, anche dal disastro di Fukushima ci arriva una terribile lezione: il sistema di produzione dell’energia attraverso megacentrali che impattano sul territorio e l’ambiente è il passato, non il futuro.

Noi socialisti italiani abbiamo indicato questi temi almeno dal 1987 e siamo dunque in piena sintonia con i socialisti europei quando affermano che ‘l’impiego dell’energia nucleare non è sostenibile e deve essere gradualmente ridotto in tutta l’Unione Europea’.
Le grandi centrali nucleari, in particolare, sono giganti dai piedi d’argilla.
Il futuro è nelle energie rinnovabili e in tecnologie governabili in maniera democratica, senza quei problemi di trasparenza, sicurezza e verifica delle informazioni a cui stiamo assistendo in queste ore.

Perfettamente d’accordo!
marzo 14, 2011

Il Giappone chiede aiuto agli Usa per raffreddare i reattori.

Il Giappone ha chiesto agli Stati Uniti aiuto per contribuire a raffreddare le centrali nucleari danneggiate: lo rende noto la Us Nuclear Regulatory Commission, l’organo federale di controllo. Come indica la Nrc Usa, ‘il governo giapponese ha ufficialmente richiesto l’aiuto degli Stati Uniti’ e l’ente ‘sta studiando le risposte possibili, tra cui una consulenza tecnica’. In precedenza il presidente Obama aveva ribadito che gli Usa ‘faranno tutto cio’ che possono’ per aiutare il Giappone.

marzo 14, 2011

Il fumo nuoce gravemente alla salute! Ma non per tutti

il sito di Ippo di Stefano Frassetto

Etichette:

marzo 14, 2011

L’Africa e l’indifferenza della sinistra

La sinistra italiana ed europea si limita a paingere il genocidio perpetrato da Gheddafi e il bagno di sangue avvenuto in Egitto e in Tunisia. Al massimo ci si accontenta di criticare le posizioni del governo, meravigliandosi dell’assoluta immobilità del governo italiano. A questo non si può chiedere di più impegnato com’è a divorare lo Stato a difendere il suo capo dalla galera e  a smontare la Costituzione. “Bisogna fare qualcosa” si dice da più parti, ma non si dice cosa e chi lo dovrebbe fare. Non certo Maroni che ha una linea chiara ed inequivocabile improntata al più bieco razzism ed alla xenofobia più retriva. Senza vole rfare l’interventista dell’ultima ora ricordo a me stesso che Che Guevara si trasferì nel Congo nel 1965. Sappiamo come è andata a finire. D’Altronde se aspettiamo che tribù locali, giovani senza un progetto politico, masse arrabbiate e affamate dallo sfruttamento trovino uno sbocco positioo alle loro istanze da sole è pura follia o peggio ancora malefede. Che fare?

Prima di tutto dovremmo chiedercelo in maniera autonoma e collettiva noi tutti della sinistra senza gridare alla luna, poi vedere chi siamo e cosa sia giusto fare. Perchè? Perchè questa “rivoluzione” è anche la nostra. Prima di tutto perché è pacifica e perché crediamo nella globalizzazione dei diritti umani, della libertà e della democrazia. Restare a guardare indifferenti i massacri di quesi giorni in Libia non è giusto e non è da socialista.

marzo 14, 2011

Mafia, affari e politica in Lombardia: 35 arresti. Le telefonate tra Lele Mora e i boss

Campagne elettorali organizzate e seguite dai boss. Il controllo dei locali notturni, di cui uno noto acquistato attraverso intermediari, della distribuzione della Tnt (ex Traco) e soprattutto continue telefonate tra Paolo Martino, il capobastone inviato dalle ‘ndrine in Lombardia per gestire i business più importanti, e Lele Mora (non indagato), il manager accusato di sfruttamento della prostituzione per aver portato decine di ragazze ad Arcore. Sono alcuni degli aspetti evidenziati dalla nuova inchiesta su mafia politica e affari al nord che questa mattina mattina ha fatto scattare le manette ai polsi di 35 persone. Tutti uomini che avevano avevano come punti di riferimento i tre boss Pepé Flachi, Paolo Martino e Giuseppe Romeo. L’operazione  è stata condotta dal nucleo di Polizia tributaria della Guardia di Finanza di Milano, dei Carabinieri del Ros, in collaborazione con la Polizia locale. E sono stati sequestrati anche beni per due milioni di euro.

marzo 14, 2011

Anche la polizia non ne può più di Berlusconi.

Pochi minuti fa il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, è uscito dalla sua villa ad Arcore per incontrare i sindacati di Polizia che protestavano davanti alla sua residenza contro i tagli del governo al comparto sicurezza.

Berlusconi, secondo quanto si apprende, si è impegnato con i rappresentanti dei poliziotti per stanziare le risorse richieste nel prossimo Consiglio dei ministri in programma il 23 marzo.

marzo 14, 2011

Da farmacia a laboratorio analisi test su sangue, urine e gravidanza

Primo passo per la nascita della cosiddetta farmacia dei servizi. Dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, avvenuta oggi, tra 15 giorni entrerà infatti in vigore il decreto ministeriale (16 dicembre 2010) “sulle prestazioni analitiche di prima istanza rientranti nell’ambito dell’autocontrollo”. Il provvedimento fa da preludio all’allargamento alle farmacie di tutta una serie di accertamenti diagnostici per i quali oggi è necessario rivolgersi a ospedali, centri specializzati o ambulatori.

Diventerà possibile, col progetto a regime, effettuare in farmacia test per glicemia, colesterolo e trigliceridi; test per misurazione in tempo reale di emoglobina, emoglobina glicata, creatinina, transaminasi, ematocrito; test per la misurazione di componenti delle urine quali acido ascorbico, chetoni, urobilinogeno e bilirubina, leucociti, nitriti, pH, sangue, proteine ed esterasi leucocitaria; test ovulazione, test gravidanza e test menopausa per la misura dei livelli dell’ormone Fsa nelle urine; test colon-retto per la rilevazione di sangue occulto nelle feci. L’elenco delle analisi sarà periodicamente aggiornato dal ministero della Salute previa intesa con la Conferenza Stato-Regioni.

marzo 14, 2011

IL Partito Socialista Europeo contro il nucleare.

Hydrogen explosion at the Fukushima nuclear power station, JapanHydrogen explosion at the Fukushima nuclear power station, Japan

PES environment ministers called on the EU to take note of the situation in Japan and stop nuclear energy production by 2050

Social democratic and socialist ministers and state secretaries for environment, who met ahead of today’s Environment Council in Brussels, agreed that nuclear power constitutes a major security and environmental risk.

Humberto D. Rosa, Portuguese Environment State Secretary emphasized: “In the light of the nuclear melt-down in Japanese power plants, Member States need to reconsider their energy policy and related security measures. Nuclear power is neither a safe option, nor is it sustainable. In the past decades, we have not managed to prevent accidents and to find a solution for the storage of highly toxic nuclear waste. We need to adopt common binding EU standards on the security of reactors and on nuclear waste storage.”

Teresa Ribera, Spanish Environment State Secretary, added: “While we are able to accept binding rules on the consolidation of public households and productivity, the EU does little to transform our energy production. In order to ensure safe, sustainable and economic viable energy supply, we need to gradually phase out fossil and nuclear energy and replace it with renewable energy. To make this possible, energy efficiency needs to be improved considerably. Adopting a binding EU target of 20% energy efficiency improvements by 2020 is a must.” Paul Magnette, Belgian minister for Climate and Energy Policy added: ”What the European heads of governments adopted during the energy summit on 4th February is not sufficient. Clear targets to replace fossil and nuclear energy by 2050 and to reduce energy use by at least 40% in the same period need to be set. Ambitious policies to reach these targets need to be implemented on European and national levels.”

marzo 14, 2011

Assistenza circolatoria: impiantato dispositivo definitivo al S Filippo Neri – Roma

E’ stato effettuato a Roma, all’Ospedale San Filippo Neri, il primo di di un di definitivo. L’, eseguito dalla e’quipe cardiochirurgica diretta dal dr. Paolo Sordini, e’ stato effettuato su un paziente affetto da scompenso cardiaco intrattabile, non candidabile a trapianto cardiaco, nell’ambito di un programma alternativo al trapianto stesso, avviato presso il Dipartimento di Malattie Cardiovascolari.

l’immagine potrebbe non essere il descritto nell’articolo

E’ stato utilizzato il nuovo sistema di pompa assiale messo a punto dalla Jarvik Heart. Tale , approvato a livello europeo anche come destination therapy, consta di una micro-turbina che viene impiantata direttamente nel ventricolo sinistro, supportandone la funzione anche a lungo termine.
Questo colloca il S. Filippo nel ristretto gruppo di Ospedali italiani dello studio David (branca italiana di un piu’ ampio studio multicentrico europeo) di valutazione a medio e lungo termine dell’applicazione clinica del , che si propone come realistica alternativa al trapianto cardiaco.