Archive for marzo 9th, 2011

marzo 9, 2011

Galan qui, Romani là: il rimpasto dell’impunità.

IMG

La riforma della giustizia è solo l’ultimo tassello della strategia del premier contro le toghe e contro i processi. La «provocazione finale» ragionano i tecnici di giustizia nel pd che fanno notare come «il gradimento della magistratura sia tornato ai livelli del -95-96 intorno al 50 per cento» e come questo non sia certo un bene agli occhi del Cavaliere. La riforma, anche, come la creazione di un «grande incidente», l’alibi utile al premier per poter poi dire: «Mi condannano anche perchè io ho fatto quello che l’Italia chiede da vent’anni». Illuminante il titolo di Libero ieri a pag.3: «Sciopero ad personam, l’ultimo assalto dei giudici al Cavaliere». Peccato che l’Anm non abbia lo sciopero all’ordine del giorno. «Non lo abbiamo deliberato nè lo stiamo discutendo» precisa Giuseppe Cascini, segretario dell’Anm. «Se poi la riforma cosiddetta epocale dovesse camminare, allora, solo in quel caso, faremo sentire la nostra voce in modo altrettanto epocale». Le toghe, quindi, non abboccano alla provocazione. Saggiamente scansano, per ora, il conflitto.

Annunci
marzo 9, 2011

“FUORI I TERRONI DAGLI ALPINI”

Nel corpo degli Alpini, secondo alcuni parlamentari del Carroccio, ci sono troppi meridionali. Da qui l’ultima trovata padana. Proporre una legge per favorire il reclutamento delle penne nere tra le genti del nord: il luogo di nascita influirà sul punteggio del concorso per entrare nel corpo. Chi è originario di Feltre così sarà avvantaggiato rispetto a chi è partito, sacco in spalla, da Ragusa. “Come la pummarola sta a Napoli – spiega il deputato bellunese Franco Gidoni, primo firmatario del testo – l’alpino sta alle nostre montagne, quelle di Veneto, Friuli, Lombardia e Piemonte. Il resto con le penne nere c’entra poco”. La proposta è già materia di discussione in Parlamento e dopo avere ottenuto il parere positivo in commissione, verrà ora votata a Montecitorio. E visto l’aria che tira, gli uomini del senatùr sperano che il traguardo venga raggiunto. Ma non tutti sono d’accordo: l’ultra leghista Giancarlo Gentilini, ex sindaco e ora vice sindaco di Treviso, dice che una legge così non serve a nulla, “meglio ripristinare la naja, i giovani hanno bisogno di disciplina”  

..e quelli che sono morti nella prima guerra mondiale? e quelli che si sono persi nelle nevi della Russia?

Il mio paese, Candida, ha un monumento alla memoria con il nome di 115 alpini morti sul Piave nella prima guerra mondiale.

Siete solo dei fascisti di merda.