SALUTE: VECCHIAIA E OSTEOPOROSI NON SONO SINONIMI. BASTA PENSARCI PRIMA.

Non ci sono solo i farmaci come “ultima spiaggia” per curare l’osteoporosi. Affrontare affrontare il problema per tempo con esami diagnostici appropriati e l’attività fisica allontana il rischio. “Le donne che hanno avuto una madre affetta da fratture vertebrali o di femore devono sottoporsi a un controllo dopo la menopausa per valutare la massa ossea con la densitometria a raggi X. Solo così lo specialista può tracciare una strategia preventiva che contempla farmaci, ma anche una regolare attività fisica e un adeguato apporto di calcio e vitamina D”, spiega Carlo Trevisan, primario di Ortopedia e Traumatologia all’ospedale SS Capitanio e Gerosa a Lovere (Bergamo), ospite al VII Congresso “Rachide e Riablitazione” di Isico (Istituto Scientifico Italiano Colonna vertebrale), il 26 marzo al Centro Milanofiori di Assago.

Invecchiamento delle ossa non vuol dire sempre e comunque osteoporosi: è stato stimato che quasi il 60% di donne in Italia, tra i 70 e gli 80 anni, non ne sono affette e queste percentuali scendono ulteriormente tra gli uomini. Evitare la sedentarietà è fondamentale per combattere la perdita di tessuto muscolare. “Gli esercizi sono fondamentali non tanto per l’incremento della massa ossea – continua Trevisan – quanto per assicurare un discreto stato di salute generale e contrastare quel rischio di caduta rilevante per ridurre le fratture”.

One Trackback to “SALUTE: VECCHIAIA E OSTEOPOROSI NON SONO SINONIMI. BASTA PENSARCI PRIMA.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: