Archive for febbraio, 2011

febbraio 28, 2011

Proteine etichettate guidate dalla superficie cellulare.

In un nuovo studio pubblicato sulla rivista Nature Structural and Molecular Biology, ricercatori dell’Università di Umeå, in Svezia, mostrano come la cellula garantisce la corretta distribuzione di proteine al suo interno, fornendo un quadro dettagliato delle proteine distribuite con una sorta di etichetta che serve a guidare le proteine attraverso la membrana cellulare.

La maggior parte degli organismi con una struttura complessa è composta di innumerevoli , che a loro volta sono anch’esse ricche di forme complesse. Le cellule riescono a raggiungere un livello di organizzazione così sofisticato, in larga misura perché sono in grado di fare in modo che le loro varie proteine finiscano nel posto giusto. Come ci riescano è oggetto di grande interesse per gli scienziati.

Se riuscissimo a capire come fanno le cellule a stabilire quale deve andare e dove, all’interno della cellula, e quali devono essere esportate, potremmo essere in grado di riprogettare il sistema a nostro vantaggio. Eppure, il meccanismo in base al quale diverse famiglie di proteine sono inviate nel luogo appropriato all’interno della cellula resta una delle domande irrisolte più affascinanti della biologia.

febbraio 28, 2011

Elettrosmog, Radio Vaticana prescritta ma dovrà risarcire le vittime.

Elettrosmog, Radio Vaticana prescritta ma dovrÃ�  risarcire le vittimeIl processo per elettrosmog contro Radio Vaticana è finito: reato prescritto. La radio era accusata di “lancio di cose pericolose”, per le onde elettromagnetiche provenienti dalle antenne di Santa Maria di Galera. Le parti civili, però, verranno risarcite perché la Cassazione ha confermato, oltre alla prescrizione del reato già dichiarata nel 2009, anche l’indennizzo alle vittime.

In primo grado, tra l’altro, Radio Vaticana era stata condannata ma in appello la sentenza è stata rovesciata perché il fatto non costituisce reato. O meglio: non esiste una legge che preveda il reato tanto è vero che si suppone che da quelle antenne siano state “lanciate cose pericolose”.

Ed è proprio questo il problema e la questione da chiarire. C’è chi dice che le onde elettromagnetiche facciano malissimo, chi dice che sono totalmente innocue. Certo è solo che siamo circondati da emissioni elettromagnetiche di ogni tipo e frequenza e non sappiamo realmente se siano pericolose. Radio Vaticana, nel frattempo, è sotto accusa anche in un altro processo: quello per il sospetto aumento delle leucemie nel comune di Cesano, vicino Roma. Anche in questo caso a creare il danno sarebbero state le antenne.

febbraio 28, 2011

Franco Battaglia: “Nucleare? Si, per favore”. E le scorie le vorrebbe vicino casa sua.

Franco Battaglia vivrebbe accanto a un deposito di scorie nucleari Franco Battaglia, noto ambientalista alla stregua di Chicco Testa, non ha dubbi: vivrebbe accanto a un deposito di scorie nucleari. Io, intanto, se davvero ci vuole dimostrare che non c’è da avere paura, lo inviterei a trasferirsi a Saluggia dove appunto Sogin è stata autorizzata dal Ministero dell’Ambiente a costruirne uno.

Poi, se si tratta dell’ennesima provocazione per ri-pubblicizzare il suo libro Energia Nucleare? Si, perfavore (Hoepli, pagg.190 euro 15,00) allora forse è un altro discorso.

Intanto la Gazzetta di Modena ha raccolto le sue perle ambientaliste (tra cui l’elettrosmog non esiste; i cibi Ogm sono più sani di quelli biologici, ecc. ecc.) in merito anche alle energie rinnovabili:

Il contributo delle rinnovabili alla sola produzione elettrica mondiale è passato dal 22% nel 1980 al 18% oggi, a dispetto nei faraonici sforzi economici compiuti nel mondo in installazioni eoliche e fotovoltaiche. La ragione è semplicemente tecnica: noi usiamo l’energia con una modalità molto particolare: essa deve essere disponibile nel momento stesso in cui serve, dove serve e con la potenza che serve, né di più né di meno. Se si aggiunge che, a parità di energia annua erogata, un impianto eolico costa il doppio di uno nucleare e uno Fv costa 20 volte quello nucleare.

febbraio 28, 2011

Sit-in e scioperi per difendere la scuola.

gelminibocciata,studentiinrivolta

-FIRMA L’APPELLO DELL’UNITA’
-I PRIMI FIRMATARI
-LE ADESIONI DELLA POLITICA


SCUOLA, DOMANI SIT-IN DEL PD

Domani, 1° marzo il Pd ha promosso un sit-in sotto Palazzo Chigi (via del Corso, lato Galleria Colonna), a difesa della scuola pubblica, garanzia della libertà di pensiero. Lo si apprende da fonti del Pd. La manifestazione avrà luogo alle 17,30.

UN MESE DI SCIOPERI
DALL’8 AL 25 MARZO

L’8 marzo sarà il turno dello sciopero della scuola con Sisa e Usi Ait che hanno proclamato uno sciopero nazionale riguardante il personale a tempo determinato e indeterminato, docente o Ata, impiegati presso il ministero dell’istruzione, dell’Università e della Ricerca, nelle scuole e istituti o nei servizi esternalizzati. Sempre in tema di scuola, il 18 marzo, l’Anief ha proclamato un altro sciopero del personale docente e Ata del comparto, mentre il 25 marzo sarà la volta della Flc Cgil che fermerà l’operatività del personale docente, educativo, dirigente e Ata in Italia e all’estero.

GIULIETTI: «SI’ ANDIAMO IN PIAZZA IL 12
PER LA SCUOLA E PER LA COSTITUZIONE»

«L’assalto di Berlusconi alla scuola pubblica è un altro colpo alla Costituzione e al principio di uguaglianza. Dario Franceschini ha proposto una grande giornata unitaria senza bandiere di partito e non vi è dubbio che la giornata unitaria del 12 marzo ‘A difesa della Costituzione’ potrà e dovrà mettere al centro dell’attenzione la difesa della scuola pubblica che è parte essenziale della Carta». Ad affermarlo è Giuseppe Giulietti, a nome del Comitato promotore della manifestazione del 12 marzo. «Sulla difesa della scuola pubblica dagli ultimi attacchi del Premier – prosegue Giulietti – c’è trasversalità e volontà di difesa comune. Le dichiarazioni che vanno da Italo Bocchino a Nichi Vendola, da Antonio Di Pietro alla Federazione della sinistra e di tante associazioni di diverso orientamento politico, vanno nello stesso senso. Dopo avere minacciato giudici e giornalisti, ora vorrebbero imbavagliare professori, studenti e famiglie; ormai è un delirio – conclude Giulietti – che va arrestato, mettendo insieme, sotto i simboli del tricolore e della Costituzione, chiunque abbia a cuore la legalità repubblicana».

febbraio 28, 2011

La scuola è di tutti. Sconfiggere le menzogne.


scuola

E’ paradossale e inaccettabile che un presidente del Consiglio, chiamato a incarnare e tutelare la cosa pubblica, attacchi frontalmente la scuola statale pubblica, conquista democratica, e quindi milioni di persone, docenti, operatori, ma, soprattutto studenti, che in questa credono e alla quale quotidianamente dedicano, in condizioni spesso molto difficili, la loro personale fatica: DIFENDIAMOLA.

FIRMA ANCHE TU

I PRIMI FIRMATARI

Don Luigi Ciotti – Associazione Libera
Marco Rossi Doria – Scrittore e insegnante
Nicla Vassallo – Professore Università di Genova
Luca Formenton – Presidente gruppo editoriale il Saggiatore
Raffaele Cantone – Magistrato
Vittorio Lingiardi – Professore Università La Sapienza
Evelina Christillin – Presidente Teatro Stabile di Torino
Chiara Valerio – Scrittrice
Mila Spicola – Insegnante e scrittrice

Goffredo Fofi – Scrittore
Luigi Manconi – Presidente di “A buon diritto”

Fabrizio Gifuni – Attore
Moni Ovadia – Scrittore
Sonia Bergamasco – Attrice
Pippo Del Bono – Autore teatrale
Vincenzo Consolo – Scrittore
Lirio Abbate – Giornalista e scrittore
Emma Dante – Regista
Giancarlo De Cataldo – Scrittore e magistrato
Roberta Torre – Regista
Mimmo Pantaleo – Segretario Flc Cgil

Benedetto Vertecchi – Professore Università Roma Tre
Beppe Sebaste – Scrittore

LE ADESIONI DELLA POLITICA

FIRMA ANCHE TU

febbraio 28, 2011

Berlusconi accelera sul nuovo bavaglio.

Tante ammissioni, ma anche troppi vuoti di memorie. L’ex igienista dentale del premier racconta la notte in questura tra il 27 e il 28 maggio e le cene ad Arcore . L’interrogatorio inizia con la richiesta di conferma a Nicole Minetti delle due interviste rese dalla Consigliera regionale al Giornale e a Vanity Fair proprio nei giorni di gennaio in cui i pm inoltrarono alla Giunta per le autorizzazioni di Montecitorio la richiesta di perquisizione degli uffici di Giuseppe Spinelli, con conseguente pubblicazione dei contenuti su tutti i giornali. Minetti conferma il contenuto delle due interviste, con una precisazione che riguarda i rapporti sessuali avuti con Berlusconi. Il Cavaliere, intanto, affila le armi per far fronte all’emergenza Ruby  e punta dritto sul nuovo bavaglio per annullare il potere probatorio delle intercettazioni relative all’inchiesta di Milano. Con un emendamento che, probabilmente, verrà votato in commissione Giustizia già questa settimana quando riprenderà l’esame del ddl. Il provvedimento diventerà un arma a triplo taglio. Su suggerimento dell’avvocato-deputato Niccolò Ghedini e con l’assenso di Pietro Longo e Maurizio Paniz, il disegno di legge intercettazioni modificato solo in alcune parti, colpirà non solo la possibilità di pubblicazione e quella d’indagine da parte dei magistrati, ma anche “l’incauta intercettazione” e, appunto, la possibilità del suo utilizzo con valore probatorio durante il processo.

febbraio 27, 2011

Joan Baez – wildword flower – Buonanotte Compagni.

Il brano è stato utilizzato da Woody Guthrie per i versi della sua canzone “Il naufragio della James Reuben.La canzone è stata scritta nel 1860, con le parole di Maud Irving e musica di Giuseppe Philbrick Webster. Con questo disco Joan Baez contribuì notevolmente a rivitalizzare la musica folk anericana a favore delle nuove generazioni.

febbraio 27, 2011

Gheddafi sempre più solo.

Gheddafi sempre più solo. Zawia, 20 km da Tripoli, va ai ribelli. Hillary Clinton offre aiuti Usa agli insorti e anche il ministro russo Lavrov definisce inaccettabile l’uso della forza contro i civili. Ora ‘inevitabile’ che il rais se ne vada, dice Frattini. Intanto a Bengasi nasce un governo ad interim della opposizione. ‘Colpa di stranieri e Al Qaida, resterò in Libia‘, dice il Colonnello alla tv serba e ammonisce: ‘Risoluzione Onu non ha alcun valore’. Tornano altri italiani.

febbraio 27, 2011

Protesta ambientalisti, no decreto ‘blocca-solare’.

Gli ambientalisti ed aziende delle energie rinnovabili temono uno stop della marcia dell’Italia verso la crescita di queste fonti. Domani manifesteranno di fronte al ministero dello Sviluppo economico, tentando di fermare quello che ritengono un decreto ‘blocca-solare’, le cui norme dovrebbero giungere sul tavolo del pre-consiglio dei ministri di martedì prossimo. Secondo le associazioni – tra cui Legambiente, Wwf Italia, Kyoto club, Fondazione per lo sviluppo sostenibile, insieme con le aziende del settore – in questo modo non sarebbe possibile offrire un ‘eco-futuro’ all’energia italiana. La richiesta sarà pertanto di fermare questo decreto legislativo (che arriva anche in attuazione della direttiva 2009/28/CE).

 Al cuore del provvedimento in questione, proposto dal dicastero di Via Veneto, c’é l’intenzione di porre un ‘tetto’ al fotovoltaico, un limite, presumibilmente 8.000 Megawatt (Mw) – pari a circa 6 volte in meno rispetto a quello fissato dalla Germania – riferito alla potenza installabile oltre cui non è possibile andare. Inoltre, c’é in ballo la revisione del sistema degli incentivi, i quali, secondo il ministro dello Sviluppo economico Paolo Romani, hanno avuto un impatto molto pesante. Dal 2000 al 2010, secondo i dati diffusi dallo stesso ministro in settimana, sono stati pagati 20 miliardi in bolletta per aggiungere un 4% di energia rinnovabile.

febbraio 27, 2011

Piro Fassino vince le primarie a Torino.

Sono 52.922 gli elettori che hanno votato nelle primarie di Torino per la scelta del candidato del Centrosinistra alla carica di sindaco del capoluogo piemontese. Il dato ufficiale dei votanti è stato reso noto dal Centro Operativo delle stesse primarie e si riferisce a tutti e 76 i seggi allestiti in città e rimasti aperti dalle 8 alle 20. Si tratta del record di votanti in primarie a Torino: a quelle del 2009 i votanti erano stati 39.000; nel 2007 erano stati 36.000.

Piero Fassino è in netto vantaggio nelle primarie del Centrosinistra a Torino. Quando è stato scrutinato il 25% delle schede, Fassino ha raccolto il 55,53% dei voti; seguono Davide Gariglio con il 27,59%, Gianguido Passoni con l’11,96%; Michele Curto con il 3,86% e Silvio Viale con lo 0,83%.

Finalmente ce lo leviamo dalle palle.