Milleproroghe: stop agli abusi edilizi dei “Cetto Laqualunque del Pdl”.

Ci voleva il no del presidente Giorgio Napolitano (visto che a poco erano valsi gli appelli degli ambientalisti) per fermare la sanatoria legalizzata prevista dal primo decreto Milleproroghe. Quello nuovo, che verrà votato con la fiducia domani alla Camera dei Deputati, per fortuna è stato ripulito di alcuni scempi.

Ferma restando la proroga del pagamento delle multe per le quote latte, che faceva parte di uno scambio di favori tra i deputati della Lega e quelli del sud, saltano i due contrappesi: lo stop alle demolizioni delle prime case abusive in Campania e la proroga delle concessioni edilizie ai piedi dell’Etna. Legambiente ringrazia:

Una vittoria per i cittadini onesti e per i tanti magistrati che, in un clima intimidatorio, hanno riaperto una nuova primavera della legalità. In un paese civile e democratico l’illegalità si combatte e non si può autorizzare. Ringraziamo il presidente Napolitano per aver garantito il rispetto delle leggi a tutela della sicurezza dei cittadini e del territorio. Ora proseguiamo a vigilare, tenendo alta la guardia, perché i tanti ‘Cettolaqualunque’ del Pdl ci riproveranno facendo rientrare da qualche finestra legislativa quello che oggi è stato bloccato dalla porta principale.

One Trackback to “Milleproroghe: stop agli abusi edilizi dei “Cetto Laqualunque del Pdl”.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: