Per la Prestigiacomo le Regioni non possono vietare il nucleare.

Il ministro dell’ambiente Stefania Prestigiacomo, in una intervista per Tg2.it si pronuncia in merito alle dichiarazioni della Corte dei Conti per quanto riguarda il ruolo delle regioni nell’identificazione dei siti che ospiteranno le centrali nucleari.

«Le regioni, -ha spiegato la Prestigiacomo-, vanno consultate con una richiesta di parere non vincolante per la questione della localizzazione dei siti».

Certo, ha precisato il ministro dell’Ambiente, la legge prevede già un coinvolgimento degli enti locali e delle regioni «che fanno parte di tutto il procedimento ma ovviamente non hanno potere di veto. Non si può pensare, su un tema strategico come quello energetico, di negare al Paese uno sviluppo nel settore nucleare soltanto per ragioni ideologiche. L’Italia credo abbia pagato enormi ritardi a causa di questi poteri di veto».

Il nucleare del resto, tiene a chiarire la Prestigiacomo, «è assolutamente sicuro. L’incidente di Chernobyl è stato determinato da un errore umano che oggi non sarebbe possibile perchè le nuove tecnologie hanno superato questo tipo di problemi». «La fiducia accordata al nucleare è poi testimoniata dal fatto che ci sono 58 centrali in costruzione in questo momento nei paesi più sviluppati del mondo»

«L’Italia – conclude il ministro dell’Ambiente – si prepara a rientrare nel nucleare utilizzando le più moderne tecnologie».

One Trackback to “Per la Prestigiacomo le Regioni non possono vietare il nucleare.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: