Elezioni, tutti le vogliono tranne Berlusconi.

«Il Paese attraversa una crisi democratica gravissima. Se Berlusconi non si dimette, l’unico modo di evitare l’impasse e il caos politico-istituzionale è andare alle elezioni anticipate. Chiedendo agli elettori di promuovere quel governo di responsabilità nazionale che è necessario al Paese, per uscire da una crisi così profonda. Lancio un appello alle forze politiche di questo potenziale schieramento: uniamoci, tutti insieme, per superare il berlusconismo». Il presidente del Copasir, Massimo D’Alema, apre per la prima volta al voto anticipato, in un’intervista pubblicata su un quotidiano nazionale.

D’Alema illustra la sua idea per superare la «crisi» e invita le opposizioni a «mettere da parte politicismi e interessi personali». D’Alema sfugge al “toto-nomi” o l’ipotesi di un governo tecnico affidato a Draghi o a Monti e non indica un candidato premier: «Non spetta a me questa indicazione». Piuttosto, D’Alema mette in guardia dalla «legittimazione autoritaria usata contro il principio di legalità: è questo il vero atto eversivo.”

2 Responses to “Elezioni, tutti le vogliono tranne Berlusconi.”

  1. Amico mio, questa immagine, tra pochi secondi è su FB, non puoi tenere tesori come queste solo per pochi intimi… è troppo bella.
    Antonio.

Trackbacks

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: