Si aggrava la disoccupazione giovanile arrivata a due milioni di unità.

  Il lavoro per i giovani nel nostro Paese è ormai una chimera. A confermarlo è l’Istat nell’indagine “Noi Italia” del 2011. Tra le cifre fornite dall’Istituto di statistica, però, il fenomeno della disoccupazione giovanile mostra stavolta la sua faccia forse peggiore: l’assenza di speranza per un futuro migliore.

Secondo l’Istat, infatti, il tasso di disoccupazione tra i 15 e i24 anni) “è pari al 25,4 per cento, in aumento di oltre quattro punti” rispetto al 2008 “e superiore a quello medio dell’Unione europea (19,8 per cento)”. A colpire, però, è soprattutto il numero dei giovani che abbandonano gli studi e non cercano lavoro. L’Italia è prima in Europa per numero di giovani che abbandonano gli studi e che non lavorano dai 15 ai 30 anni.(rassegna.it)

One Trackback to “Si aggrava la disoccupazione giovanile arrivata a due milioni di unità.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: