Libera Terra fotovoltaica.

Cantina CentopassiUn’altra buona notizia rinnovabile arriva dai terreni confiscati alla mafia di Palermo. Il Consorzio di Comuni Sviluppo e Legalita’, Libera e Centopassi, hanno inaugurato un impianto solare fotovoltaico installato sulle pensiline della cantina della Cooperativa Sociale Placido Rizzotto Libera Terra.
L’impianto, da 20 KW, coprira’ l’80% del fabbisogno energetico della cantina.
Come scrive Ecoblog: “Su quelli che una volta erano terreni in mano ai mafiosi oggi si costruisce un’economia moderna e pulita a tutti gli effetti”.

2 Responses to “Libera Terra fotovoltaica.”

  1. Onestamente la notizia mi lascia l’amaro in bocca..
    Il fotovoltaico è una “TRUFFA”.
    Un disastro economico, sociale e ambientale.

    Recente:
    Legambiente coinvolta nel business del fotovoltaico. Le associazioni denunciano
    Ossia 26 ettari di solari-deliri, motivati da INCENTIVI pari a OTTO volte il valore dell’energia erogata, quindi nostre “TASSE”, per devastare un P.A.R.C.O ?
    Un Parco che è stato istituito per salvare un’area di alto pregio paesaggistico, dove vivono rarissimi e protetti animali

    /—————/

    Le energie alternative sono una frode?
    Solo dal punto di vista “AMBIENTALE”, vi consiglio questi art.

    (L’agricoltura secondo Vendola, piantare pannelli solari ed irrigarli con finanziamenti)
    La corsa al business non si limita a danneggiare l’ambiente deve colpire anche le tasche dei cittadini Gia’ dal 2010 gli incentivi per le rinnovabili circa 2,3 miliardi hanno superato i contributi del Cip6.
    Questa accelerazione farà crollare il prezzo dei certificati verdi e toccherà allo stato comprarli a prezzo protetto scaricandone sulle bollette il costo .

    Ma ancora più compromessa e drammatica sarà la condizione economica e lavorativa dei piccoli proprietari terrieri in Puglia…con un euro si possono comprare terreni di ottima qualità , istallare pannelli fotovoltaici e dopo 20 anni, terminata la concessione d’uso, trasformare le aree un tempo a destinazione agricola in territori EDIFICABILI con un innalzamento del valore di 200, 300 sino a 500 volte superiori a quello con cui si è svenduto. Senza contare poi i costi per lo smantellamento degli impianti

    (MAFIA ED ENERGIE RINNOVABILI IN SALENTO)

    Un quadro assurdo catastrofico, che l’Arpa Puglia (Agenzia Regionale per la Prevenzione e l’Ambiente), in una lettera a firma del suo direttore, l’epidemiologo di fama mondiale, Prof. Giorgio Assennato, ha già chiesto mesi fa al Presidente Nichi Vendola di fermare!

    Oggi invece abbiamo visto Vendola volare con soldi pubblici in Cina, per chiedere anche ai cinesi di venire in Puglia ad investire in fotovoltaico, altro fotovoltaico che sia aggiunge a quella devastazione coloniale, a quella rapina di incentivi pubblici, attuata da spagnoli, austriaci, tedeschi, americani, danesi, olandesi, ecc. persino russi tra poco, con la collusione dei politici locali! Un mercimonio del nostro futuro che le parole non bastano a condannare!
    FONTE: http://www.iltaccoditalia.info/sito/index-a.asp?id=12104

    (Fotovoltaico: speculazioni in Puglia grazie a Vendola)
    Questa regione , che è diventata il luogo dove poter accedere ai lauti finanziamenti pubblici collegati alla produzione delle eco-energie, con un euro si possono comprare terreni di ottima qualità , istallare pannelli fotovoltaici e dopo 20 anni, terminata la concessione d’uso, trasformare le aree un tempo a destinazione agricola in territori “E.D.I.F.I.C.A.B.I.L.I”

    Per riflettere e comprendere bastano i titoli:

    1”–“La nuova bolla spagnola? Il fotovoltaico”
    ..La risposta è semplice: la corsa della Spagna alle fonti rinnovabili, a causa dei generosi incentivi, è stata troppo veloce e, soprattutto, troppo sostenuta artificiosamente..

    2”– (“Energia pulita, quanto ci costi”: Der Spiegel e le fonti rinnovabili “a caro prezzo”)
    Germania: “..per realizzare i piani energetici rispettosi dell’ambiente, il prezzo dell’energia elettrica nei prossimi 25 anni risulterà quasi quadruplicato, poiché “alla produzione un Kwh verrà a costare 23,5 centesimi, mentre il prezzo attuale è di 6,5 centesimi”.. conseguenze ancora più DRAMMATICHE per l’OCCUPAZIONE, ..poiché già adesso molte industrie hanno nel cassetto i piani per delocalizzare gli impianti all’estero, in Paesi dove l’energia è più a buon mercato..

    3”( Germania, i costi delle energie rinnovabili fanno fuggire le imprese )

    4” ( Industrie in fuga dalla Germania per il caro bolletta )
    Ma noi stiamo peggio.. considerando una recente analisi dell’Autorità per l’energia, le piccole imprese italiane pagano una bolletta più cara delle Pmi tedesche: il costo in Italia di ogni singolo chilowattora (per questa classe di consumatori industriali) è di 28,16 centesimi di euro, contro i 23,47 della Germania e una media europea ancora più bassa, di 19,40 centesimi di euro.

    5”– Rinnovabili: Ortis, Senza Riforma Peseranno 20% Su Bollette
    ..arrivano soldi dall’Unione Europea e dal governo” ma ”il grosso sono soldi dei nostri concittadini che arrivano ogni bimestre dalle bollette”. ”Solo per quest’anno – ha ricordato – escluse le fonti assimilate, arriveremo a 3.000 milioni di euro. Stiamo caricando le bollette con qualcosa come l’8% e se non si aggiusta il meccanismo rischiamo di arrivare al 2020 al 20%”.

    Sinteticamente e correttamente:
    Rinnovabili. Brunetta: Sono ‘pippe’ a costi inaccettabili

    Questa eco-giostrina finirà con un ennesimo DISASTRO AMBIENTALE?
    Ecco cosa contengono i “VERDI” pannelli:

    Tellururo di cadmio (CdTe)
    Solfuro di cadmio (CdS)
    Arseniuro di gallio (GaAs),
    Diseleniuro di indio rame (CIS),
    Diseleniuro di indio rame gallio (CIGS)

    Il cadmio e’ vietato in tutta la comunita’ europea con l’unica eccezione dei pannelli solari (Normativa ROHS) Il cadmio come il mercurio si concentra nella catena alimentare, anche piccole quantità sono estremamente tossiche

    Concludo dicendo che si paga l’energia OTTO volte il valore, spesso grossi industriali, appoggiati da associazioni pseudo-ambientaliste piegano le amministrazioni locali nel requisire i terreni agli agricoltori, terreni che saranno poi.. EDIFICABILI.

    Si stà coprendo l’Italia con queste eco-idiozie, che scopriremo essere il nuovo amianto.

    Tutto sommato mi spaventa molto più il fotovoltaico della stessa mafia.
    Le eco-mafie in giacca e cravatta, parlando di sviluppo e tutela, stanno devastando il paese.

    Cordialmente.

    Piero Iannelli

Trackbacks

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: