L’economia sommersa vale il 17% del Pil: circa 263 miliardi.

L’economia sommersa vale il 16-17% del Pil. Lo ha detto il presidente dell’Istat, Enrico Giovannini, incaricato di guidare uno dei quattro gruppi di lavoro del Tesoro con le parti sociali per la riforma fiscale, a margine del convegno Global peace index. Dunque, considerando che un punto di Pil corrisponde a poco più di 15,5 miliardi di euro, l’economia sommersa che frena l’Italia che produce, oscillerebbe fra 248 e 263 miliardi. Il 17%, ha detto Giovannini, «è una media: ci sono alcuni settori a zero, come la pubblica amministrazione, e altri con quote molto più alte, come edilizia, agricoltura e commercio al dettaglio». Al Tesoro, secondo la proposta del ministro Giulio Tremonti, Giovannini presiederà il tavolo sull’economia “non osservata”.

Il compito dell’Istat, ha spiegato il presidente, «non è indicare proposte per ridurre l’evasione fiscale, ma disporre una base informativa per consentire a chi deve prendere le decisioni politiche di prenderle». I tempi «sono abbastanza ristretti. Abbiamo una base informativa ricca e discuteremo con le parti sociali per capire come impostare le valutazioni».

One Trackback to “L’economia sommersa vale il 17% del Pil: circa 263 miliardi.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: