Bossi difende Berlusconi.

 

Bossi: "Silvio non doveva chiamare la polizia" "Poteva telefonare a me o a Maroni" Umberto Bossi

 Un po’ di fastidio per quella telefonata fatale fatta dal premier alla questura di Milano, Umberto Bossi lo aveva già espresso tre giorni fa, durante la segreteria della Lega. Adesso il Senatùr ci torna su. A modo suo. “Non so niente – risponde a chi gli chiede se sia ancora arrabbiato – e comunque mi pare non ci sia nulla di penalmente rilevante; ma è chiaro che la telefonata Berlusconi poteva farla fare a qualcun altro”. Insomma, “quelle cose lì è meglio non farle”, almeno poteva consultarsi. Con chi? E qui il leader del Carroccio non si sa se scherza o dice sul serio: “Poteva chiamare me, oppure Maroni…”.

Eccolo qui il saluto del ministri delle Riforme alla festa della zucca, appuntamento che i leghisti tengono ormai da qualche anno a Pecorara, nel Piacentino. C’è anche Giulio Tremonti, che ha casa da queste parti. E con il ministro del Tesoro, – indicato come possibile guida di quel governo tecnico che, almeno a parole, i leghisti dicono di vedere come fumo negli occhi – sono tutte rose e fiori. L'”amico” Giulio non parla di politica: “L’unico messaggio che possiamo dare – scherza dal palco – è che abbiamo la zucca dura”.

One Trackback to “Bossi difende Berlusconi.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: