Detenuto muore per tumore. «Stava male, non gli credevano»

Graziano Scialpi nel 1996 a Trieste uccise la cognata e ferì la moglie, che rimase cieca. In settembre aveva denunciato: solo adesso scoprono che ho un cancro.

È morto all’ospedale di Padova Graziano Scialpi, 48 anni, detenuto nel carcere Due Palazzi dopo aver ammazzato la cognata e ferito la moglia, affetto da un anno da un tumore ai polmoni e alla spina dorsale. Il 28 settembre aveva denunciato a Radio radicale la sua situazione: «E’ da un anno che stavo male, ma solo oggi scoprono che ho un tumore ai polmoni e alla spina dorsale». Scialpi da un anno accusava terribili dolori e chiedeva ai medici visite in ospedale che, secondo Radio Carcere, gli sono state fatte fare solo recentemente.

2 Trackbacks to “Detenuto muore per tumore. «Stava male, non gli credevano»”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: