La Val di Susa resiste.

130 milioni di euro al chilometro. E 700 milioni l’anno per la manutenzione. I numeri dell’Alta velocità in Piemonte non hanno eguali in Europa. In Portogallo, dove il progetto è stato sospeso a causa della crisi, il prezzo per il tratto Lisbona-Madrid si aggirava sui 38 milioni al chilometro. Cinque anni di proteste hanno prodotto sconquassi politici, specie nel centrosinistra che anche su questo tema si è giocato la conferma della presidenza regionale, ma non hanno fermato le revisioni e gli aggiornamenti ai progetti. Il cunicolo esplorativo, appaltato alla Cooperativa muratori e cementisti, si è trasformato in una vera e propria galleria di servizio al tunnel di base. Con nuove opere collegate. E costi lievitati. Un cambio d’uso che potrebbe far perdere i contributi di Bruxelles: l’Europa si era infatti impegnata a sostenere soltanto i lavori di indagine sul terreno. Ieri in Val di Susa sono tornati i cortei organizzati dai sindaci per protestare contro l’opera. E la ripresa delle manifestazioni fa agitare un nuovo spettro per i fondi europei: uno dei vincoli dei finanziamenti Ue alle opere transfrontaliere è che queste siano condivise dalle popolazioni coinvolte.(il fatto quotidiano)

2 Responses to “La Val di Susa resiste.”

  1. We would not wish to risk our skin for possible damages
    as it will beat the purpose of using a skin bleaching product.

Trackbacks

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: