Archive for ottobre 3rd, 2010

ottobre 3, 2010

TUTTA COLPA DEI COMUNISTI.


“Un compleanno di merda”
Così il piccolo premier avrebbe festeggiato il suo 74° compleanno, commentando malanni dovuti all’età e guai politici …
ottobre 3, 2010

Ricette light veloci: spezzatino di coniglio, secondo piatto di carne, solo 490 calorie a porzione.

Lo spezzatino di coniglio rappresenta un pasto completo, può essere considerato un secondo piatto a cui abbinare un piatto di verdure come contorno oppure, se preferisci, un piatto unico considerando che fra gli ingredienti dello spezzatino di coniglio ci sono anche melanzane e peperoni. Poco più di mezz’ ora di tempo fra preparazione e cottura, la difficoltà di preparazione è assolutamente molto bassa.

Ricetta spezzatino di coniglio – solo 490 calorie a porzione

Ingredienti per 4 persone
– 800 g di coniglio tagliato a pezzi
– 200 g di peperoni
– mezza melanzana
– 1 spicchio di aglio
– 1 trito di prezzemolo
– 3 cucchiai di olio extravergine di oliva

Preparazione
Tagliate il coniglio a pezzetti e rosolatelo in una padella con l’ olio e l’ aglio.
Quando il coniglio sarà ben colorito toglietelo dalla padella.
Affettate i peperoni e la melanzana tagliati a pezzetti, incoperchiate e cuocete per 15 minuti.
Rimettete il consiglio nella padella e portare a termine la cottura, unendo il prezzemolo tritato all’ ultimo minuto.
Mescelatelo e servitelo.(mondo benessere)

ottobre 3, 2010

Computer quantistici: realta’ che si avvicina.

Un gruppo di ricerca internazionale guidato da scienziati dell’Università di Bristol nel Regno Unito ha sviluppato un nuovo metodo per la computazione quantistica che potrebbe essere presto usato per fare calcoli complessi impossibili con gli odierni computer. La ricerca è stata in parte finanziata dal progetto QUANTIP (“Quantum integrated photonics”) che ha ricevuto poco più di 2 Mio EUR nell’ambito del tema “Tecnologie dell’informazione e della comunicazione” (TIC) del Settimo programma quadro (7° PQ). Lo studio è stato presentato sulla rivista Science.

Per questo studio, gli scienziati hanno sviluppato un chip di silicio che potesse essere usato per effettuare calcoli e simulazioni complessi usando particelle quantistiche. Secondo loro questo dispositivo rappresenta una nuova via verso un computer quantistico – un potente tipo di computer che usa bit quantistici (qubit) invece dei tradizionali bit usati nei computer attuali.

Diversamente dai bit o transistor tradizionali, che possono trovarsi in uno di soltanto due stati in ogni momento (1 o 0), un qubit può essere in diversi stati allo stesso tempo e può essere usato per contenere ed elaborare una quantità molto maggiore di informazioni più velocemente.(liquidarea)


ottobre 3, 2010

Colin Finlay: fotografo e ambientalista.

Catturare in uno scatto i disastri climatici, i cambiamenti negli equilibri degli ecosistemi terrestri, la fame in Africa, l’inquinamento, la deforestazione.
Riuscire a rappresentare con delle foto vivide e terribilmente reali tutto quello che sta accadendo oggi nel mondo.
Ci riesce alla perfezione Colin Finlay, fotografo ormai celebre in tutto il mondo, da sempre impegnato in campagne a favore delle cause ambientali.
Persino la regina Elisabetta è una sua devota ammiratrice e segue con interesse i suoi lavori e presto verrà insignito del titolo di cavaliere per il merito di aver saputo portare alle masse i problemi del riscaldamento terrestre e dei mutamenti climatici.

Con i suoi scatti Finlay riesce infatti a fare molto di più di mille discorsi retorici pronunciati al G8 o sui giornali, riesce ad arrivare all’anima sensibilizzando le coscienze con immagini che non possono non scuotere l’umanità, risvegliando ai problemi ambientali e sviluppando il senso civico.
La foto sopra è una chiara testimonianza dell’abilità di Finlay di colpire con pochi scatti l’immaginario collettivo: potenza dell’arte al servizio dell’ecologia.

ottobre 3, 2010

Osama Bin Laden diventa ecologista.

Osama bin Laden è apparso con uno dei suoi messaggi audio diffusi in rete per criticare le operazioni di soccorso in Pakistan e ha chiesto provvedimenti contro il cambiamento climatico. Si tratta di una delle tante invettive del capo di al-Qaida per prendersela con l’Occidente, o davvero ci tiene alla salute dell’ambiente?

Il messaggio audio è durato circa 11 minuti, ed è stato trasmesso con un video che mostra immagini di Bin Laden e dei disastri naturali. Qui descrive il destino del popolo pakistano in seguito alle inondazioni catastrofiche, dicendo:

Milioni di bambini sono fuori all’aria aperta, privi del sostegno di base per la vita, compresa l’acqua potabile, con conseguente contaminazione dei loro corpi e, successivamente, la loro morte.

Bin Laden non si è voluto occupare solo della tragedia che più l’ha colpito, e cioè le inondazioni in Pakistan, ma ha anche toccato altri temi, come quello del riscaldamento globale. Si tratta della seconda volta che il cambiamento climatico rientra tra i temi principali delle sue dichiarazioni.

Il cambiamento climatico sta influenzando l’intera nostra nazione e sta causando grandi catastrofi in tutto il mondo islamico. Non è più sufficiente mantenere la stessa attività di soccorso come in precedenza, come le attività fondamentali nella fornitura di tende, cibo e medicine

Ha spiegato ancora il terrorista. Gli istituti di beneficenza islamici, alcuni con sospetti legami con gruppi militanti, sono stati più veloci rispetto al governo pakistano nel prestare soccorso alle vittime dell’alluvione. I funzionari pakistani e degli Stati Uniti hanno ripetutamente espresso la preoccupazione che i talebani e altri gruppi militanti potrebbero sfruttare il caos a seguito delle inondazioni in Pakistan per guadagnare reclute.

Bin Laden esorta ad una “grande trasformazione” del modo in cui il lavoro di soccorso è amministrato, e suggerisce che il numero di vittime del cambiamento climatico è di gran lunga superiore al numero delle vittime della guerra. Egli accusa i Paesi della regione di spendere una “parte enorme” del loro budget per finanziare gli eserciti senza avere alcun impatto sulla causa palestinese. Soldi spesi inutilmente secondo il Qaedista, e che potrebbero essere dirottati altrove. (the guardian)

ottobre 3, 2010

23 miliardi di minuti al giorno su Facebook.

Alla conferenza Virus Bulletin 2010 che si tiene a Vancouver, il boss del reparto anti-malware di Facebook, Nick Bilogorskiy, ha reso pubblico un dato che ha dell’incredibile, riferito da Graham Cluley di Sophos. Ogni giorno i 550 milioni di utenti di Facebook spendono sul loro social network in totale 23 miliardi di minuti: una media di circa tre quarti d’ora a testa.

Un altro dato intrigante: gli autori del worm Koobface, che circola su Facebook da un paio d’anni, hanno incassato in media 35.000 dollari la settimana nel corso del 2009, vale a dire 1,8 milioni di dollari l’anno. Mica male, ma Bilogorskiy ha detto che si sa chi sono e che le forze dell’ordine stanno indagando.

Se siete preoccupati che qualcuno vi rubi la password di Facebook e usi al posto vostro la vostra identità nel social network, Bilogorskiy ricorda che da qualche mese Facebook mette a vostra disposizione una funzione che vi avvisa via mail o SMS in caso di accesso al vostro profilo Facebook effettuato da un computer diverso da quelli che avete autorizzato.(il disinformatico)