Continua l’odissea dei dannati di Rosarno. Dalla Calabria a Castel Volturno

Dalla Calabria si sono trasferiti a Caserta, ora sono in attesa del permesso che consentirebbe loro di lavorare. Castel Volturno, solo in due su 250 hanno lo status di rifugiati.

di TIZIANA COZZI

Sono i lavoratori schiavizzati a Rosarno. Quelli che, in fuga dalla Calabria, hanno cercato rifugio a Castel Volturno e nella provincia di Caserta. Sono gli africani sfuggiti alle persecuzioni e approdati sui nostri lidi. Rifugiati di nome ma non di fatto. Perché dopo mesi di attesa, non hanno ricevuto lo status di rifugiato. Ad alcuni è stato negato, altri restano ancora in attesa di risposta. Uno scandalo, secondo l’associazione Ex Canapificio di Caserta. Negli ultimi quattro mesi, da marzo 2009 a luglio 2010, su 250 persone che hanno fatto richiesta di asilo tramite l’associazione alla Commissione per il riconoscimento della protezione internazionale di Caserta, soltanto due hanno ottenuto il riconoscimento di rifugiato. “In quattro mesi, è stato bocciato l’84 per cento delle richieste – precisa Mimma D’Amico, operatrice dell”Ex Canapificio -, 220 hanno ricevuto un diniego secco, solo 43 persone (il 16 per cento) hanno ricevuto protezione umanitaria, cioè il permesso di soggiorno per un solo anno, mentre con lo status di rifugiato il permesso di soggiorno è a tempo indeterminato. Sono dati allarmanti. Queste persone hanno storie tragiche alle spalle, completamente ignorate dalle istituzioni” (INFORMAZIONE LIBERA)

One Trackback to “Continua l’odissea dei dannati di Rosarno. Dalla Calabria a Castel Volturno”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: