ATOMO, IL LOBBISMO SI FA SCIENZA.

 L’Enel commissiona uno studio sui costi del nucleare. Nel Comitato guida ci sono manager dell’Edf, pr, parlamentari Pd e Pdl e il giornalista Carlo Rossella. Così la “ricerca” si trasforma in propaganda Il governo ha già deciso di costruire otto nuove centrali. Enel e i colleghi dell’Edf ci investiranno una ventina di miliardi. E al centro del dibattito non c’è solo la sicurezza della tecnologia, ma anche la convenienza economica del ritorno all’energia atomica. Adesso però un’analisi prodotta dell’European House-Ambrosetti e definita “ricerca” dimostra che l’operazione è un affare. Nonostante l’opinione contraria di altri esperti come il Nobel Carlo Rubbia (VIDEO). Forse perché lo studio è stato finanziato da chi gli impianti li deve costruire. E i dati sono stati forniti dalla Word Nuclear Association, secondo la quale nei prossimi 20 anni nel mondo nasceranno altri 460 reattori. Le 300 pagine, insomma, più che uno studio sono un manuale di lobbying. Tanto che a un certo punto si legge: “Bisogna contrastare la diffusione di disinformazione che causa il propagarsi di paure collettive, diffondendosi a grande velocità su Internet”(il fattoquotidiano)

2 Responses to “ATOMO, IL LOBBISMO SI FA SCIENZA.”

  1. Stiamo facendo un sondaggio: ” SI o NO ” al nucleare ? se volete fateci sapere la vostra opinione con motivazioni, il blog è : http.ourplanetlife.wordpress.com
    Marialuisa della redazione di http://www.ourplanet.it sito ecologico

Trackbacks

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: