Archive for settembre 5th, 2010

settembre 5, 2010

Neil Diamond.Buonanotte compagni.

Neil Diamond è il mito dell’easy listening e di quello che gli americani chiamano adult contemporary music. Autore di alcune grandi canzoni tuttora adorato negli usa. A brooklyn dove è nato ha cantato con Barbra Streisard nel coro della scuola. Sarà protagonista con Barbra in un grande duetto su “You don’t bring me flowers“.  Sweet Caroline è una delle canzoni più cantate negli stadi americani, In particolare è un’istituzione per i Boston Red Sox di baseball: viene cantata sempre dal pubblico fra l’ottavo e il nono inning. . Nel 2007 Diamond ha rivelato che Caroline è dedicata a Caroline Kennedy di cui Diamond aveva visto una foto da ragazzo.

settembre 5, 2010

I nostri santi laici: Carlo Alberto Della Chiesa.

Alle ore 21.15 del 3 settembre del 1982, la A112 bianca sulla quale viaggiava il prefetto, guidata dalla moglie Emanuela Setti Carraro, fu affiancata, in via Isidoro Carini, a Palermo, da una BMW dalla quale partirono alcune raffiche di Kalashnikov AK-47 che uccisero il prefetto e la giovane moglie [1].

Nello stesso momento l’auto con a bordo l’autista e agente di scorta, Domenico Russo, che seguiva la vettura del prefetto, veniva affiancata da una motocicletta dalla quale partì un’altra raffica che uccise Russo.

Per l’omicidio di Dalla Chiesa, della Setti Carraro e di Domenico Russo sono stati condannati all’ergastolo come mandanti i vertici Cosa Nostra, nelle persone di Totò Riina, Bernardo Provenzano, Michele Greco, Pippo Calò, Bernardo Brusca e Nenè Geraci [19].

Nel 2002, sono stati condannati in primo grado quali esecutori materiali dell’attentato, Vincenzo Galatolo e Antonino Madonia entrambi all’ergastolo, Francesco Paolo Anzelmo e Calogero Ganci a 14 anni di reclusione ciascuno.

Carlo Alberto Dalla Chiesa un uomo che ti fa credere che è ancora possibile salvare questa nostra Repubblica, cosi umiliata da chi la governa.

settembre 5, 2010

Dove ci porta nencini?

Era l’aprile del 2009, poco più di un anno fa e Nencini attuale segretario del PSI presentando il programma di sinistra e libertà affermava solennemente che «La forza di Sinistra e Libertà sta anzitutto nel suo nome. Riportare a Sinistra la parola libertà, usata e soprattutto abusata negli ultimi anni, è la cifra distintiva di questa nuova aggregazione: una forza plurale ma omogenea, con una grande carica riformatrice, una visione chiara dell’Italia». Nencini allora affermava che Sinistra e Libertà era  «qualcosa di più di un cartello elettorale» in quanto «raccoglie forze che guardano al Manifesto del Partito Socialista Europeo, che sono omogenee in alcuni caratteri fondanti come la laicità e la rivendicazione di una nuova stagione per i diritti civili, la lotta al precariato per un nuovo Welfare”

Dopo pochi mesi Nencini accusato di essersi venduto al PD per uno scranno di assessore alla Regione Toscana dichiarò “”Già nell’anno scorso arrivarono offerte del genere e furono da me cortesemente declinate. Altrettanto è avvenuto quest’anno e la notizia resta destituita di ogni fondamento. Sono indignato che ci sia chi mette in giro queste voci perché queste notizie vengono evidentemente diffuse da chi ha intenzione di far saltare del tutto il progetto di Sinistra e Libertà, facendola diventare un appendice di Rifondazione comunista e se così fosse, tanti auguri”.Sappiamo tutti come è andata a finire.

 Nencini poi  al congresso del Partito fa una apertura a Casini lanciando il progetto per l’Italia “con una vera e propria carta che si fonda su cinque punti: merito, inclusione, rigore, autorità, identità.  Il  Psi e’ favorevole ad una alleanza del centrosinistra con il Partito della Nazione di Casini e Rutelli. No invece ad una alleanza con i populisti Di Pietro e Grillo.”

Infine l’illuminazione: il 26 agosto 2010 Nencini dichiara ““La svolta di Bersani e’ il segnale che aspettavamo. Il Nuovo Ulivo e’ la strada da intraprendere, la sola per costruire un’alternativa di governo credibile, che consenta a tutti i riformisti di stare assieme e di gettare le basi per un centrosinistra vincente. E’ un progetto cui guardiamo con interesse perche’ presenta agli italiani un volto riformista competitivo”.

Nencini ha rinnegato il progetto di “sinistra e libertà” per un posto di assessore. vende l’anima a Bersani senza alcuna riserva per far eleggere quattro o cinque deputati e dire che il Partito Socialista è ancora vivo. Questo è il segretario Nazionale del Partito Socialista Italiano.

settembre 5, 2010

Suspense.

Big Bang di Massimo Cavezzali

settembre 5, 2010

Mafia pensaci tu e maurizio va a pranzo dal boss.

A Vibo Valentia era tutto pronto per accogliere l’allora deputato di An. Per un imprevisto il programma saltò ma l’antimafia di Catanzaro l’ha ricostruito.

Prima un comizio nella piazza del paese, poi il pranzo a casa del boss che avrebbe garantito il suo appoggio elettorale. A Limbadi, piccolo centro della provincia di Vibo Valentia, sembra che tutto fosse pronto per accogliere il deputato. Ma qualcosa, quel giorno, non andò per il verso giusto e la cosca dovette rivedere tutti i suoi programmi. Pure l’onorevole, a quanto pare. Il boss è Panataleone Mancuso, uno dei più potenti uomini della ‘Ndrangheta. Il parlamentare, invece, è Maurizio Gasparri, oggi capogruppo del Partito di Berlusconi a Palazzo Madama e ras degli uomini di An in Calabria. Il racconto è agli atti dell’operazione Minosse 2, condotta tra il 2000 e il 2003 dai Carabinieri di Vibo Valentia e coordinata dalla Dda di Catanzaro. La prima udienza del processo c’è stata solo lo scorso 23 giugno, subito aggiornata a ottobre. Ma l’apertura del dibattimento ha reso disponibili tutti i documenti.
settembre 5, 2010

Traffico di rifiuti: sequestrati 11 container nel porto di Napoli.

I finanzieri del Comando provinciale di Napoli e i funzionari dell’Agenzia delle dogane hanno sequestrato 11 container, di proprieta’ di una societa’ campana, destinati illecitamente ad un cementificio in Malesia, contenenti circa 300.000 kg. di rifiuti speciali che, per legge, dovevano essere invece trattati per il recupero.
  La normativa su gestione, raccolta e smaltimento di rifiuti speciali o pericolosi impone obblighi molto severi agli operatori del settore, prescrivendo limiti precisi al trattamento, al commercio degli stessi e vincolando l’esercizio di tali attivita’ al rilascio di specifiche autorizzazioni degli organi competenti.
  In questo caso la societa’ pur non disponendo delle necessarie autorizzazioni, tentando di sottrarsi ai controlli doganali, aveva intenzione di esportare illegalmente pneumatici usati al fine di aumentare illecitamente il volume delle vendite eludendo la vigente normativa di settore perseguendo, cosi’, notevoli profitti illeciti.
  Il rappresentante legale, e’ stato denunciato a piede libero all’autorita’ giudiziaria per attivita’ di gestione rifiuti non autorizzata e per traffico illecito di rifiuti in violazione delle norme previste dal d.lgs. 152/06.(AGI)

settembre 5, 2010

SALUTE: TEST ‘LOW-COST’ SCOVA DOPING GENETICO IN SANGUE ATLETI.

I furbetti dello spogliatoio hanno i giorni contati, anche se ricorrono a sofisticate tecniche di doping genetico. La mannaia cadra’ su medici stregoni e atleti truffaldini grazie a un test del sangue che rivela chi ha ricevuto un ‘aiutino’ genetico per andare piu’ forte anche a due mesi di distanza dal trattamento. Lo hanno sviluppato ricercatori tedeschi delle Universita‘ di Tubinga e Magonza, grazie anche ad un generoso finanziamento da 980mila dollari del World anti doping agency (Wada), impegnata a far fronte all’aumento del fenomeno tra i professionisti, che rischiano la vita sottoponendosi a pratiche mediche sempre piu’ pericolose. La pratica del doping genetico sfrutta, infatti, ”il processo di inserimento di singoli geni nelle cellule umane, spesso attraverso virus-vettori, nato in origine per curare gravi malattie”, ricorda Michael Bitzer, uno degli autori dello studio pubblicato su Gene Therapy. Si tratta di una manipolazione di Dna transgenico che sfugge agli anti-doping convenzionali, utili a rilevare sostanze chimiche e farmaci. La sperimentazione sui campioni di sangue di 327 atleti professionisti o dilettanti ha decretato l’efficacia del metodo. Nei topi, alcuni dei quali trattati per rinforzare geneticamente la massa muscolare, il test e’ stato in grado di scovare se avessero o meno il Dna dopato ”anche quando il trattamento era stato effettuato 56 giorni prima del prelievo”, spiega Perikles Simon, dell’Universita‘ Johannes Gutenberg di Magonza e coautore della ricerca. ”E’ come se il corpo dell’atleta diventasse il suo unico fornitore di doping”, commenta Bitzer. E’ il caso, ad esempio, dei geni che stimolano la produzione di Eritropoietina (Epo), sostanza naturale o artificiale che incrementa il numero di globuli rossi e l’ossigeno.

settembre 5, 2010

Dal Canada ecco la Kestrel, la “stupefacente” auto elettrica fatta di canapa.

 

Stupefacente”; “Avrà delle prestazioni da sballo”… I giochi di parole potranno sprecarsi. Ma sarà difficile negare che la Kestrel, la prima auto al mondo… fatta di canapa, non sia ecologica. Lo è, invece, e non solo per la particolare materia con la quale è stata realizzata, ma anche per il fatto che è green anche nel motore, rigorosamente elettrico.

Dalla canapa un… materiale composito

Vantaggi di questa pianta: è facilmente coltivabile, si “mescola” bene con altri materiali. E “costa” poco. Inoltre, contribuisce a conferire leggerezza al veicolo. E’ anche per questi motivi (non certo, o non solo, per una “insana” voglia di scandalizzare l’opinione pubblica) che la Motive Industries, un’azienda di Calgary, la maggiore città dello Stato canadese dell’Alberta, ha sviluppato e creato la Kestrel.

In realtà, i dirigenti dell’azienda cercavano un materiale composito che potesse unire doti di leggerezza e resistenza, per consentire alla vettura una maggiore velocità e più autonomia.

settembre 5, 2010

Una tassa per favorire il nucleare?

Una tassa per favorire il nucleare?

I costi degli impianti nucleari stanno schizzando alle stelle? Favoriamo il nucleare tassando gli impianti di produzione di energia da fonti fossili, come il gas e il carbone.

L’idea, secondo quanto riporta il blog Inchiesta Nucleare (curato da Luca Iezzi, giornalista economico di Repubblica e autore del saggio Nucleare? Sì grazie), sarebbe venuta in Inghilterra al ministro dell’Energia Charles Henry, dopo aver preso atto del fatto che anche gli impianti nucleari inglesi hanno qualche problema di costi fuori controllo.

Sempre Iezzi, poi, riporta la notizia data dal New York Times sui costi degli impianti nucleari in costruzione in Bulgaria: una centrale in costruzione lungo il Danubio, infatti, ha visto crescere i costi dai 4 miliardi di dollari originali a 11,5 miliardi.

settembre 5, 2010

Spunta una seconda lista Anemone col nome di Berlusconi.

C’è una seconda lista “Anemone”, sulla quale stanno indagando i pm di Perugia, e tra i cognomi noti ce n’è uno più noto degli altri: Berlusconi. Sulla lista manca il nome, però, e gli investigatori vogliono capire se si tratti del presidente del Consiglio oppure di suo fratello Paolo. La lista “due”, ancora una volta, riguarda i lavori effettuati dalle imprese di Anemone ed è più stringata della precedente, scoperta a maggio, che contava circa 400 nomi. Estrapolata dal computer del commercialista di Diego Anemone, Stefano Gazzani, l’elenco comprende un centinaio di persone, tra le quali ricompaiono l’ex ministro Claudio Scajola e la dicitura “via del Fagutale”, dove l’ex ministro aveva preso la casa con vista Colosseo – quella pagata in parte dall’architetto Angelo Zampolini per conto di Anemone. C’è anche il generale della Guardia di Finanza, ai vertici dell’Aisi fino a pochi mesi fa, Francesco Pittorru.