La CEI bacchetta l’Italia.

Il governo italiano non puo’ autonomamente decidere in riferimento a una politica europea che invece stabilisce sostanzialmente il diritto di insediamento e di movimento”. E’ quanto dice alla Radio Vaticana monsignor Giancarlo Perego, direttore generale della Fondazione Migrantes della Cei, replicando alle parole del ministro Maroni sugli immigrati comunitari. “Le espulsioni – ha sostenuto il responsabile del Viminale in una intervista al Corriere della Sera – dovrebbero essere possibili per tutti i cittadini comunitari, non solo per i rom”. Per Migrantes serve poi una nuova legge sulla cittadinanza. “La Francia – ha detto monsignor Perego – purtroppo ha seguito la strada dell’Italia di un’espulsione indiscriminata dei rom. Un’espulsione che, di fatto, che cosa ha generato? Nuovi campi abusivi, ha generato ancora abbandono della popolazione rom, ha generato l’annullamento, sostanzialmente, di tutta una politica sociale che era stata fatta per la scolarizzazione dei bambini”. Il direttore di Migrantes ha poi affermato che “l’azione che avviene contro i rom oggi, non e’ un’azione di politica migratoria, non dimentichiamo che anche in Italia, l’80% dei rom e’ italiano. Ma e’ una politica discriminatoria nei confronti di una popolazione, che sostanzialmente, non si e’ riusciti a gestire attraverso canali che sono soprattutto di tipo sociale, di tipo scolastico, di accompagnamento. Anche la tutela di una popolazione che ha subito fortemente la modifica di una societa’ agricola industriale”. Per monsignor Perego “serve un nuovo percorso che va anche a difendere, ad esempio, le minoranze non riconosciute, come sono le minoranze rom. Un percorso di cittadinanza che premi soprattutto i bambini che nascono in Italia, o che sono gia’ nati in Italia in modo che possano diventare cittadini al momento della nascita, che premi soprattutto la partecipazione al voto e in particolare amministrativo; che sia sempre piu’ una legge che aiuti da subito l’integrazione, la partecipazione e la responsabilita’ comune”.

One Trackback to “La CEI bacchetta l’Italia.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: