Trigliceridi alti: una proteina mancante alla base del disturbo.

I topi privi della proteina possiediono un enzima essenziale per la metabolizzazione dei trigliceridi, ma esso non riesce a raggiungere i capillari dove deve svolgere la sua funzione

Per quale motivo alcuni individui soffrono di alti livelli di trigliceridi, con conseguente maggior rischio di incorrere in patologie cardiovascolari oltre che a stati infiammatori del pancreas? A questa domanda ha cercato di rispondere uno studio pubblicato sulla rivista Cell Metabolism, a firma di Loren Fong e Stephen Young dell’Università della California a Los Angeles.

I ricercatori hanno identificato il componente – denominato lipoproteina lipasi, o LPL – responsabile del trasporto di un enzima cruciale per l’elaborazione dei trigliceridi all’interno dei capillari, dove svolge la sua funzione.

“La LPL è richiesta per il normale metabolismo dei trigliceridi nel sangue”, ha spiegato Fong. “in assenza di LPL, i trigliceridi si accumulano”.

Da decenni si sapeva che l’enzima LPL è prodotto nel tessuto adiposo e muscolare prima che svolga la sua funzione nei vasi sanguigni, ma finora non era noto come vi arrivasse.(liquidarea)

2 Responses to “Trigliceridi alti: una proteina mancante alla base del disturbo.”

  1. Hello, I read your blogs like every week. Your writing style is witty, keep up the good work!

Trackbacks

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: