I tre geni della longevita’ incapsulati entro 3 anni.

Contiene i tre geni della longevità – due che incrementano la produzione del cosiddetto colesterolo buono, riducendo il rischio di malattie cardiache e ictus, e uno che previene il diabete – e provengono dal corredo genetico degli ebrei Ashkenaziti, famosi per vivere fino a 100 anni: sono gli ingredienti della futura “pillola della longevità” – che potrebbe essere pronta entro tre anni – su cui stanno lavorando i ricercatori dell’Institute for Aging Research at the Albert Einstein College of Medicine di New York guidati dal genetista Nir Barzilai. La compressa miracolosa prometterebbe di eliminare patologie come il diabete, il morbo di Alzheimer e le malattie cardiache, concedendo una vita centenaria e in salute.

La possibilità di vivere fino a 100 anni sono una su 10 mila, spiega Barzilai, ma nel gruppo dei 500 ebrei Ashkenaziti esaminati le possibilità salivano a 20 volte di più nonostante, spiega il genetista, “il 30% di loro fosse obeso o in sovrappeso e un altro 30% avesse fumato due pacchetti di sigarette al giorno per più di 40 anni”.

2 Responses to “I tre geni della longevita’ incapsulati entro 3 anni.”

  1. Questi aschenaziti farebbero di tutto per dire che sono meglio degli altri nel mondo. Io sono un Gentile (e felice di esserlo) e a dicembre mia madre festeggerà sua zia Caterina che fa i 100 anni. Nella famiglia di mio padre muoiono tutti dopo i 90 anni. A Limone sul Garda è risaputo da decenni che la gente campa fino a 100 anni e oltre e così a Gubbio. In tutti questi esempi non c’ è un aschenazi. Gli asch. ( che manco sono ebrei, sono kazhari ) prima dicono che sono più intelligenti, e si attirano gli sputi della comunità scientifica internazionale, poi dicono che sono più longevi, quando di gente stravecchia ce n’ è una caterva, guarda gli scozzesi. E per finire, uno studio di un genetista americano lo cito io: gli asch. hanno due volte di più problematiche legate alle mutazioni genetiche degenerative, mentre i sefarditi ne hanno pochissime. Questi tipi che dicono di essere meglio degli altri e cercano la purezza del sangue farebbero meglio a mischiarsi un po’ così si risolvono qualche magagna. Per inciso secondo questo genetista tra di loro la possibilità di Alzheimer è più alta che tra gli altri. Corredo genetico longevo? Forse, ma a che serve arrivare a 100 anni se i tuoi geni sono sottoposti a patologie degenerative molto più che gli altri?

Trackbacks

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: