Archive for giugno 5th, 2010

giugno 5, 2010

Buonanotte compagni.

Buonanotte Edoardo.

giugno 5, 2010

Tanto pè cantà.

giugno 5, 2010

Invalidità:cambiano le regole.

Con la moanvra edonomica approntata dal governo, dal 1° giugno 2010, passa, dall’attuale 74% all’85%, il limite per accedere al beneficio economico dell’assegno mensile di invalidità civile. Per potenziare i controlli contro i “falsi invalidi”, viene esteso, poi, l’istituto della rettifica, previsto in ambito Inail, anche alla normativa assistenziale relativa all’invalidità civile. Giro dei vite sui medici che certificano false invalidità: saranno soggetti, ferma l’applicazioni delle norme penali, anche alle disposizioni in tema di false attestazioni o certificazioniRaddoppiano, poi, le verifiche, dalle 100mila previste per il 2010, alle 200mila verifiche aggiuntive annue per gli anni 2011 e 2012. Viene riscritta anche la normativa che attesta l’invalidità di un alunno. La certificazione dovrà venire dalle Aziende sanitarie, attraverso strutture collegiali. Nel verbale, poi, che accerta la sussistenza della situazione di handicap, deve essere indicata la patologia stabilizzata o progressiva e specificato l’eventuale carattere di gravità. Ciò al fine di rendere più rigorosa la procedura per il riconoscimento dell’alunno disabile con diritto all’insegnante di sostegno.

giugno 5, 2010

Le perle di Silvio.

1. Con buon senso e attenzione nell’arco di 3-4 anni ridurremo la pressione fiscale dal 47% al 35%

(Silvio Berlusconi, Porta a porta, 9 aprile 2001)

2. L’Irpef sarà portata al 33% per i redditi sopra i 200 milioni
(Silvio Berlusconi,Corriere della Sera, 22 aprile 2001)

3. Meno tasse dal 2003
(Silvio Berlusconi, Il Messaggero, 5 maggio 2002)

4. Tasse più leggere nel 2004
(Silvio Berlusconi, Forum executive del Tesoro, 25 luglio 2002)

5. Confermo, meno tasse entro il 2005
(Silvio Berlusconi, La Stampa, 3 aprile 2004)

6. (…) per garantire entro la legislatura la riduzione delle aliquote del 33% e 23% come promesso nel contratto con gli italiani
(Silvio Berlusconi, cronaca Ansa 10 maggio 2004)

7. Conto di ridurre l’aliquota massima delle imposte al dal 45 al 33%
(Silvio Berlusconi 30 marzo 2004)

8. Le aliquote saranno tre: 23,33 e 39%
(Silvio Berlusconi 11 settembre 2004)

9. La quarta aliquota fiscale sarà cancellata il prossimo anno, ridurremo le tasse del 40%
(Silvio Berlusconi, La Repubblica, 16 marzo 2005)

10. Sogno una vera riforma tributaria, con due sole aliquote: 22 e 33%
(Silvio Berlusconi, 9 gennaio 2010)

giugno 5, 2010

Attenti a che mangiate.

Enzo Scarton

giugno 5, 2010

Cellule staminali: UE sviluppa un metodo di coltura rivoluzionario.

Ricercatori finanziati dall’UE hanno sviluppato un metodo rivoluzionario per la coltura di grandi quantità di cellule staminali embrionali umane, in condizioni completamente controllate chimicamente, senza bisogno di altre cellule o sostanze animali. I ricercatori del Karolinska Institutet in Svezia, guidati dal professor Karl Tryggvason, hanno collaborato con l’Harvard Stem Cell Institute negli Stati Uniti in questa impresa pionieristica, che consentirà lo sviluppo di vari tipi di cellule da utilizzare per il trattamento delle malattie.

Lo studio, pubblicato su Nature Biotechnology, è stato in parte sostenuto dal progetto ESTOOLS (“Platforms for biomedical discovery with human ES cells”), finanziato nell’ambito dell’area tematica “Scienze della vita, genomica e biotecnologie per la salute” del Sesto programma quadro (6° PQ). Il progetto integrato, che coinvolge 10 paesi ed è composto da 21 gruppi di ricerca, è dedicato alla ricerca etica sulle cellule staminali embrionali supportata da una solida formazione.

Le cellule staminali funzionano come un sistema interno di riparazione perché possono dividersi illimitatamente per ricostituire le altre cellule e possono rigenerarsi anche dopo un lungo periodo di inattività. Nell’intestino e nel midollo osseo, ad esempio, le cellule staminali si dividono regolarmente per riparare e sostituire i tessuti consumati o danneggiati.(http://www.liquidarea.com/)

giugno 5, 2010

La dieta Atkins.

 La dieta Atkins, molto popolare negli USA, consiste, in termini generali, nel ridurre molto i carboidrati e nell’aumentare il consumo di proteine e anche di grassi.
Ritenuta per molto tempo una dieta piuttosto pericolosa per la salute, potenziale fonte di disturbi cardiovascolari, malattie renali e aumento del colesterolo, è stata recentemente rivalutata da due studi condotti negli Stati Uniti che sembrano dimostrare il contrario, cioè che chi pratica tale regime alimentare ha un più alto livello di HDL, il colesterolo “buono”, che contribuisce alla prevenzione dell’ arteriosclerosi. 

Alla base della dieta Atkins c’è un percorso in quattro fasi, associato ad un apporto supplementare di vitamine e sali minerali e esercizio fisico regolare.
Tale percorso permette al soggetto di selezionare su base consapevole gli alimenti necessari per diminuire il peso e per poi mantenerlo, ottenere un buono stato di salute e prevenire le malattie.

Alla base della dieta Atkins c’è un percorso in quattro fasi, associato ad un apporto supplementare di vitamine e sali minerali e esercizio fisico regolare.
Tale percorso permette al soggetto di selezionare su base consapevole gli alimenti necessari per diminuire il peso e per poi mantenerlo, ottenere un buono stato di salute e prevenire le malattie.

giugno 5, 2010

Il giorno del vento.

Per far conoscere l’energia del vento, fonte pulita e inesauribile, per sensibilizzare la popolazione e le istituzioni sulle questioni relative all’utilizzo di questa tecnologia, il 15 giugno in tutta Europa si festeggia lo European Wind Day, la giornata mondiale del vento promossa dall’Ewea l’associazione europea dell’energia eolica e dal Gwec, il Global Wind Energy Council.Per l’Europa l’eolico rappresenta una chiave per contribuire a risolvere l’incombente crisi climatica e raggiungere gli obiettivi di produzione di energia da fonti rinnovabili entro il 2020 deciso dall’UE nel rispetto del Protocollo di Kyoto. 

Aderiamo alle iniziative promosse dall’ANEV, l’Associazione Nazionale Energia del Vento, che a partire dal 20 giugno allestirà uno spazio espositivo dedicato al Wind Day a Roma, nel Parco dei Daini a Villa Borghese, dove si alterneranno iniziative, convegni, eventi, laboratori proiezioni e mostre sull’energia dal vento.(http://www.legambiente.eu/)

Attualmente nel nostro Paese gli impianti eolici installati superano i 5mila MW e una produzione di 6,7 TWh, risultati che ancora una volta confermano l’affidabilità e l’efficacia di questa tecnologia. Per proseguire con la crescita degli impianti di grande e piccola taglia è fondamentale ora aprire un confronto sulle regole, in modo da garantire trasparenza, legalità e integrazione dell’eolico nel paesaggio.

 Ci auguriamo che il Wind Day 2010 sia l’occasione per ottenere il consenso da parte del Governo sulle linee guida per l’approvazione degli impianti, attese dal 2003, che permetterebbero di valorizzare nel modo migliore l’energia del vento nelle diverse regioni italiane.

giugno 5, 2010

L’Onu ci vuole a dieta per salvare l’ambiente: “Stop al consumo di carne e derivati”

Già altre volte l’Onu aveva lanciato il suo appello contro il consumo eccessivo di carne, pesce e derivati (latte, uova, burro, formaggi ecc.) e chiesto di optare per una dieta vegana. L’analisi dell sfruttamento irrazionale delle risorse del nostro Pianeta è stata pubblicata dall’UNEP con il titolo Assessing the Environmental Impacts of Consumption and Production. La proposta è quella di non mangiare carne, pesce e derivati per almeno una volta a settimana. Insomma, neanche un grosso sacrificio se si vuole. Ma appunto se su scala planetaria fosse adottato questo cambio di dieta il Pianeta ringrazierebbe.

Il motivo? Gli allevamenti intensivi (inclusa l’acquacoltura) sono una bomba ecologica per il Pianeta. Il punto è questo: i paesi ricchi consumano troppa carne e pesce; per produrre le enormi quantità di carne e pesce richieste dai mercati a prezzi accessibili sono stati organizzati allevamenti intensivi; per produrre con l’allevamento intensivo di animali si sottraggono risorse, come acqua e ossigeno, al Pianeta; L’agricoltura è impegnata a produrre foraggio per allevamento e non cibo per esseri umani; le persone consumano i prodotti ottenuti con molte risorse ma di qualità scadente perché spesso ricchi anche di ormoni e antibiotici; le persone sebbene ben nutrite si ammalano; le loro malattie gravano sui costi dei Governi; ergo mangiare troppa carne fa male a tutti.

Per produrre derivati lattiero-caseari, si consuma il 70% di acqua dolce a livello mondiale, il 38% dell’utilizzo totale delle terre emerse e sono emessi il 19% dei gas serra.(ecoblog)