Archive for Mag 11th, 2010

Mag 11, 2010

Buonanotte compagni.

Caldoro non riesce a fare la giunta in Campania perchèi consiglieri vogliono fare gli assessori senza dimettersi cone prescrive lo Statuto e De Mita, quello di Nusco famelico come un lupo  vorrebbe un potere che Caldoro gli nega. Verrebbe da dire ” lo avete voluto e tenetevelo.”   Ha distrutto Bassolino che era uno tosto, figuratevi quanto ci mette a far fuori Caldoro. Bisogna solo saper aspettare. Noi intanto ci consoliamo con Elton John, che si chiama così perchè il sassofonista della sua prima band si chiamava Elton Dean  e Long John Baldry, un musicista con cui suonava da ragazzo. Siamo nel 1973 e Elton John vorrebbe registrare il suo ottavo disco in Jamaica,  ma non ci riesce e torna al Castello di Hèrouville vicino Parigi e qui con Dee Murray, Davey Johnstone e Nigel Holsson scrive e incide diciassette canzoni. Taupin scrive i tasti e Elton John le musiche. Viene fuori l’album che è una sorta di raccolta dei miti del nostro tempo e si chiama Goodbye  Yellow Brick Road. L’album  contiene pezzi come Saturday Night’s Alright For Fighting, Bennie and the jets, Candle in the Wind, The ballad of Danny Bailey. E’ l’inizio dell’apoteosi.

Mag 11, 2010

Che succede se Fini se ne va?

Il liberale ha svolto un’indagine statistca per comprendere le intenzioni di voto degli italiani nel caso in cui si andasse a votare oggi con Finifuori dal PDL.Sono state prospettate una ipotesi base  e due ipotesi dove erano indicati i vari candidati Premier ed i partiti a sostegno delle candidature. Vediamole:

1) Popolo della Libertà: 29,9%

Partito Democratico: 22,9%
Lega Nord: 12,2%
Italia dei Valori: 6,6%
Unione di Centro: 6,2%
Partito Fini: 5,9%
Movimento 5 Stelle: 3,6%
Sinistra Ecologia Libertà: 3,8%
Federazione delle Sinistre: 1,8%
Alleanza per l’Italia: 1,3%
Lista Pannella-Bonino: 1,1%
La Destra: 1,0%
Movimento per le Autonomie: 0,9%
Partito Socialista: 0,8%
Partito Comunista dei Lavoratori:  0,6%
Fiamma Tricolore: 0,6%
Forza Nuova: 0,4%
Verdi: 0,4%
Scenario uno: Berlusconi candidato da un CDX che perde Fini e l’MPA ma recupera La Destra. Il centrosinistra apre verso il centro ed organizza, una vastissima coalizione sul nome di Mario Draghi; rimangono fuori i Radicali ed i Comunisti per i veti centristi. Spunta la candidatura di Beppe Grillo, altre candidature estreme sia da una parte che dall’altra.
SILVIO BERLUSCONI: 44,3%
coalizione PDL, LN, LD
MARIO DRAGHI: 44,0%
coalizione Fini, UDC, API, MPA, PD, PSI, SVP, VER, SEL, IDV
BEPPE GRILLO: 4,6%
coalizione M5S
PAOLO FERRERO: 2,8%
coalizione FDS
EMMA BONINO: 2,2%
coalizione LPB
MARCO FERRANDO: 0,9%
coalizione PCL
LUCA ROMAGNOLI: 0,8%
coalizione FT
ROBERTO FIORE: 0,4%
coalizione FN
Commento: La candidatura di Draghi disperde in astensione e a sinistra un grande quantitativo di voti, tuttavia la coalizione a molto ampia e porta comunque ad un testa a testa. In questa configurazione è molto forte Beppe Grillo non lontano dal 5%. Berlusconi tiene discretamente grazie alla grande astensione a sinistra e all’apporto di alcuni centristi che non si riconoscono in un’alleanza col CSX. 
Vediamo la seconda ipotesi:
Scenario due: Berlusconi candidato da un CDX che perde ancora Fini e l’MPA e recuperan ancora La Destra. Il centrosinistra ripropone quasi l’Unione e candida Vendola, ipotizzato vincente alle primarie, ma la vera sorpresa è la candidatura di Casini che unisce Fini, MPA, UDC e API. Spunta sempre la candidatura di Beppe Grillo e le altre candidature estreme.
SILVIO BERLUSCONI: 42,7%
coalizione PDL, LN, LD
NICHI VENDOLA: 36,3 %
coalizione PD, PSI, SVP, VER, SEL, IDV, FDS, LPB
PIERFERDINANDO CASINI: 15,3%
coalizione Fini, UDC, API, MPA
  
 
BEPPE GRILLO: 3,8%
coalizione M5S
MARCO FERRANDO: 0,9%
coalizione PCL

LUCA ROMAGNOLI: 0,7%

coalizione FT
ROBERTO FIORE: 0,3%
coalizione FN
Commento: Spunta il terzo polo, Casini va bene anche grazie a Fini che è forte in questa configurazione, questa coalizione strappa consensi ad entrambe le altre due. Berlusconi perde verso il centro ma batte Vendola alla Camera. Al Senato non dovrebbe esserci una maggioranza. E’ lo stallo, probabilmente si andrebbe verso un governo istituzionale.
fantapolitica? Chi lo sa?
Mag 11, 2010

Ma Saviano pensa di essere Mangano?

Fede su Saviano e la mafia: “Non è lui il solo che l’ha denunciata, ci sono registi autorevoli, ci sono magistrati che l’hanno combattuta e sono morti”. E poi ci sono quelli che la ospitavano in casa camuffandoli da stallieri.

Mag 11, 2010

Fede la vergogna dei giornalisti.

Non è il film che disonora l’italia. E’ un documentario che racconta di fatti…sono i fatti che la disonorano, e non è certo chi li racconta, perchè invece di aggredire la Guzzanti non dimostrano che sta mentendo?

Guzzanti si limita a raccontare. fa il proprio dovere. Smentitela se vi riesce.

Fede con il suo telegiornale è un abusivo o mi sbaglio?
                                                             VERGOGNATI FEDE!

Mag 11, 2010

Protettore incivile.

Bertolaso si scaglia contro la Guzzanti ed il suo film-denuncia contro le schifezze operate dopo il terremoto aquilano.
L’Italia non ci fa una bella figura, dice, mentre con le sue massaggiatrici forse si !!

Mag 11, 2010

REGIONE LIGURIA: PRESENTATA GIUNTA, ALL’IDV LA PRESIDENZA

  Il presidente della Giunta Claudio Burlando ha presentato la Giunta e il programma di legislatura. Il dibattito si terra’ nella prima seduta del Consiglio regionale dopo la presentazione del nuovo esecutivo. Le deleghe a porti e logistica rimangono al presidente Burlando che ha tenuto per se’ anche le competenze relative a pianificazione, controllo strategico, partecipazioni regionali, affari istituzionali, legislativi e legali, coordinamento relazioni internazionali e programmi comunitari, rapporti con il governo e l’Unione europea, informazione e comunicazione istituzionale, semplificazione normativa e amministrativa, informatica, coordinamento attivita’ di protezione civile. La vicepresidenza e un assessorato sono stati affidati all’Italia dei Valori, sei assessorati al Partito Democratico, uno all’Udc, uno al Pdci-Federazione della Sinistra, uno alla lista civica per Burlando, uno a una indipendente. Tre gli assessori uscenti riconfermati: Renzo Guccinelli (Pd), confermato assessore allo Sviluppo economico, industria, commercio, commercio equo e solidale, artigianato, tutela dei consumatori, ricerca e innovazione tecnologica, energia; Claudio Montaldo (Pd), confermato alla Salute, politiche della sicurezza dei cittadini; Giovanni Enrico Vesco (Pdci – Federazione Sinistra), confermato alle Politiche attive del lavoro e dell’occupazione, politiche dell’immigrazione e dell’emigrazione, trasporti. A Marylin Fusco (Idv) va la vicepresidenza e le competenze su Pianificazione territoriale e urbanistica. Gli altri assessori sono: Giovanni Barbagallo (Pd) Agricoltura, floricoltura, pesca (marittima) e acquacoltura; Angelo Berlangeri (Lista Civica per Burlando) Turismo, cultura, spettacolo; Giovanni Boitano (Udc) Politiche abitative ed edilizia, lavori pubblici; Renata Briano (Indipendente) Ambiente e sviluppo sostenibile, attivita’ di protezione civile, caccia e pesca acque interne, altra economia e stili di vita consapevoli; Gabriele Cascino (Idv) Sport e tempo libero, organizzazione e personale; Ezio Chiesa (Pd) Infrastrutture; Lorena Rambaudi (Pd) Politiche sociali, terzo settore, cooperazione allo sviluppo, politiche giovanili, pari opportunita’; Sergio Rossetti (Pd) Risorse finanziarie e controlli, patrimonio e amministrazione generale, istruzione, formazione, universita’. 

La maglia nera, a questo punto, va alla regione Campania che per una serie di veti incrociati non riescere a trovare il consenso necessario per varare la nuova giunta. Si parla  di appoggio esterno da parte del partito di Casini e De Mita.

Mag 11, 2010

L’uva riduce il rischio diabete.

L’uva da tavola potrebbe rallentare l’insorgere di condizioni come l’ipertensione e l’insulino-resistenza la quale porta a malattie cardiache e diabete di tipo 2. Gli scienziati della University of Michigan Health System hanno trovato in questo frutto delle sostanze fitochimiche, antiossidanti presenti in natura, dal potere quasi miracoloso.

I risultati di uno studio effettuato sugli animali presentato al convegno Experimental Biology ad Anaheim, in California, mostra risultati incoraggianti di una dieta con molta uva, la quale è in grado di prevenire i fattori di rischio per la sindrome metabolica, una patologia che affligge centinaia di milioni di persone in tutto il mondo ed è spesso un precursore del diabete di tipo 2.

I ricercatori hanno studiato l’effetto delle uve da tavola di ogni tipo sulla dieta dei topi da laboratorio che prevedeva un’alta percentuale di grassi, com’è nello stile americano odierno. Tutti i ratti utilizzati appartenevano ad una razza che tende ad essere in sovrappeso. Dopo tre mesi, i ratti che avevano ricevuto la dieta con molta uva avevano abbassato la pressione sanguigna, presentavano una funzione cardiaca migliore, trigliceridi più bassi, una migliore tolleranza al glucosio, e gli indicatori di infiammazione nel cuore e nel sangue si erano ridotti rispetto ai topi che seguivano la dieta normale.

Mag 11, 2010

Non dite ad Anemone che è morto vianello

Anemone: ” Sono grato a chi mi ha consigliato di non leggere i giornali durante gli ultimi tre mesi’’. Mio Dio!!! Quindi non sa niente di Raimondo Vianello!!

Mag 11, 2010

La crisi economica viene dal petrolio.

Aspo Italia: la crisi economica? Viene dal petrolio. Il picco tra 18 mesi

Aspo Italia, ramificazione italiana dell’Associazione per lo studio del picco del petrolio e delgas, ha inviato ieri una lettera ai presidenti delle Regioni e Province italiane e alla Conferenza Stato-Regioni contenente una nota informativa su petrolio, economiasocietà.

Nel documento si legge che l’attuale crisi economica deriva anche, se non in gran parte, dalle dinamiche del mercato del petrolio:

Sussistono ragioni molto fondate per ritenere che la crisi finanziaria, partita nel 2007 in modo graduale ed evoluta nel 2008 in un vero e proprio ridimensionamento dell’economia globale, tragga in gran parte la propria origine nell’incapacità di estrarre petrolio greggio in quantità sufficienti, e a costi sufficientemente bassi, tali da sostenere la crescita imposta dall’economia aperta di mercato ormai affermata in tutto il mondo.(ecoblog)

Mag 11, 2010

La Camorra padrona.

Ortofrutta Connection, Legambiente: 27 clan fanno affari nel settore delle agromafie

L’antimafia napoletana, all’alba di oggi, ha fatto scattare la maxioperazione contro i clan camorristici e mafiosi che si spartivano il grosso business del trasporto su gomma dei prodotti ortofrutticoli italiani. Numerosi i mercati all’ingrosso interessati dal sodalizio tra la criminalità organizzata siciliana e quella campana in tutto il sud Italia ma il centro nevralgico, a quanto pare, era il mercato di Fondi, in provincia di Latina.

L’affare smantellato dalle squadre mobile di mezza Italia verteva principalmente sul trasporto ma, a detta di Legambiente, il problema è molto più vasto e anche la produzione e la trasformazione dell’ortofrutta potrebbero rientrare negli interessi dei clan:

Sono 27 i clan censiti da Legambiente nel settore delle agromafie, che operano nell’acquisizione fondiaria, nella gestione delle coltivazioni, nella sofisticazione dei prodotti alimentari fino al sistema dei trasporti e della distribuzione con l’imposizione dei prezzi ai commercianti.(ecoblog) Qua è stato chiesto lo scioglimento del comune di Fondi per infiltrazioni mafiose il Governo si è rifiutato di farlo.