Archive for aprile 22nd, 2010

aprile 22, 2010

Buonanotte compagni.

Si dorme bene quando vedi Berlusconi incazzato e il PDL spaccato. E’ l’inizio della fine.

I Grateful Dead sono une delle maggiori band americane, con un seguito di drogatoni araldi della psichedelia. Il primo successo lo raccolgono con Workingman’s Dead, che diventa uno degli album più venduti in America.Nell’estate del ’70 i Grateful Dead sono in studio in San Francisco per registrare American Beauty, definita una rassegna di grande musica folk americana.

 American Beauty, secondo molti è l’apice del loro periodo post-psichedelico. Sono questi due album che nonostante tutto ottengono il successo nelle classifiche di vendita. Con questi due album i Dead ottengono per la prima volta un grande successo commerciale, al prezzo della delusione di parte dei fan di lunga data.

aprile 22, 2010

Il 25 aprile non è solo una data.

aprile 22, 2010

Pedofilia: negli Usa presentata denuncia a Papa, Sodano, Bertone

E’ stata presentata al tribunale federale di Milwaukee in Wisconsin, da un uomo dell’Illinois, la denuncia nei confronti della Santa Sede, di Papa Benedetto XVI e dei cardinali Angelo Sodano e Tarcisio Bertone per aver coperto un prete del Wisconsin che ha abusato di lui quando era ragazzo. All’azione legale, annunciata in mattinata, sono allegate due lettere, una con ricevuta di ritorno, inviate dall’uomo al cardinal Sodano, all’epoca segretario di Stato, in cui la vittima, un sordomuto, chiede se papa Giovanni Paolo Secondo “scomunicherà” padre Lawrence Murphy, che ‘ha ammesso di aver molestato 34 bambini sordi”. Questi bambini, si legge nella prima lettera a Sodano datata 5 marzo 1995, ‘vivevano in dormitori senza possibilita’ di fuga. Io sono uno di loro”.(ANSA)

aprile 22, 2010

Obama: nuove regole per la finanza.

Il presidente degli Stati Uniti Obama palrla di regole nella finanza. “Credo nel potere del libero mercato e in un settore finanziario forte, ma il libero mercato non vuol dire prendere tutto quel che si può, in qualunque modo”, ha detto Obama ai 700 invitati a Cooper Union, un’università privata di New York: “Qualcuno a Wall Street si è dimenticato che dietro ogni dollaro investito in Borsa c’é una famiglia che prova a comprarsi la casa, a pagare gli studi, ad aprire un negozio o a mettere da parte per la pensione”, ha aggiunto il presidente chiedendo ai banchieri – pochi in sala, e tra questi Lloyd Blankfein di Goldman Sachs, il colosso che la Sec ha messo sul banco degli imputati – di aiutarlo e di aiutare il Congresso a varare la riforma: “Siate con noi, non contro di noi”.Obama non è l’unico in America a pensarla così. Infatti John K. Galbraith, arriva a scrivere che “il mercato descritto dai sacerdoti del liberismo appare sempre più fragile e vaporoso”. Galbraith demolisce i tre pilastri della politica reaganiana: deregulation, monetarismo e riduzione della pressione fiscale, ritenendo che la deregulation sia stata solo un mezzo per arricchire le lobbies, il monetarismo uno strumento per uccidere i sindacati e glorificare Wall Street, e la riduzione del peso fiscale un fallimento completo, non traducendosi in un aumento della domanda, ma piuttosto in un aumento dei risparmi e in una redistribuzione a favore delle classi più ricche. Temi, del resto, al centro dell’ultima campagna elettorale americana.
Il nuovo “New Deal” che Obama propone agli Stati Uniti si fonderà innanzitutto su un forte investimento nelle fonti rinnovabili di energia e nella cosiddetta green economy. Un intervento massiccio per frenare l’aumento della disoccupazione e rilanciare l’economia, ma allo stesso tempo l’inizio di un cambiamento strategico della politica ambientale del Paese.
Negli Stati Uniti molti economisti sperano che questa sia l’occasione per tornare a guidare con intelligenza e prospettiva il rinnovamento del sistema economico, restituendo alla politica l’importanza e la responsabilità che le sono proprie. Bisogna ripensare le fondamenta di un sistema in crisi strutturale, dove i conflitti di interesse sembrano aver eclissato le virtù della “mano invisibile”. Per questo c’è bisogno di una guida ispirata e audace, ma anche di un pensiero che riporti al centro la persona, superando la schizofrenia dell’individuo-atomo dei modelli tradizionali e ricomponendo la frattura creata tra preferenze dell’individuo-consumatore e responsabilità comunitaria del cittadino-persona. Ricordando anche che, come ha scritto l’economista belga Christian Ansperberger, “la via d’uscita dai mali del capitalismo è un cammino esistenziale prima che una ricetta economica”.

aprile 22, 2010

Lite in diretta Berlusconi vs Fini

aprile 22, 2010

Plateale rottura fra Fini e Berlusconi.

 Durante la direzione nazionale del Pdl Silvio Berlusconi ha risposto per le rime a Gianfranco Fini, dopo il suo lungo intervento, contestandogli di aver fatto continui controcanto alle sue esternazioni da presidente della Camera. Alla richiesta di chiarimenti politici arrivata dall’alleato di partito, il premier ha risposto attaccando: lo ha rimproverato per non aver partecipato, in virtù del suo ruolo istituzionale, né alla campagna elettorale né alla manifestazione a San Giovanni. «Ma quello è un comizio, non si fanno i comizi», ha risposto Fini dalla platea, alzandosi in piedi, visibilmente infastidito. A quel punto è arrivata la chiusura del premier: «Se vuoi fare dichiarazioni politiche, ti accogliamo a braccia aperte, ma lo fai da politico, non da presidente della Camera».

Non ha fatto sconti il presidente della Camera neanche ai giornali vicini al presidente del Consiglio: «Siamo stati demonizzati – dice – ma noi non vogliamo indebolire il Pdl». Poi sul federalismo fiscale ha detto che «va fatto tenendo i fermi i paletti della coesione sociale e dell’unità nazionale. Serve subito – aggiunge Fini – una commissione sul federalismo fiscale del Pdl con i governatori del sud e del nord per valutare i costi e i rischi».

Sulla giustizia, poi, Fini è andato giù durissimo. Legalità, dice «vuol dire certamente andare fieri di quello che le forze dell’ordine fanno e del preciso e puntiglioso elenco di successi conseguiti. Ma significa anche qualcosa di più: è certamente indispensabile riformare la giustizia. Ma nel farlo, e combattere la politicizzazione di una parte della magistratura, non può dare anche la più lontana impressione che la riforma della giustizia sia tesa a garantire sacche di impunità». Sul processo breve ha precisato  «era un’amnistia mascherata ».

aprile 22, 2010

A tocchi a tocchi.

Ecco una melodia romanesca ,che è stata cantata da numerosi interpreti e arrangiatoridei nostri giorni in versioni diverse. Nel testo si parla di Turchi(i pirati mussulmani), che nei secoli scorsi infestavano le nostre coste. Bella questa interpretazione di Carmen Consoli.

Oras purtroppo li turchi prima di arrivare in vista nelle nostre coste o affogano perchè la barca che li porta affonda o vengono respinti. Grazie Lega.

aprile 22, 2010

Il corsaro Nero colpisce ancora.

Enzo Scarton

aprile 22, 2010

Alcool, invecchiamento precoce e rischio tumori: italiani spiegano correlazioni.

Svelati i legami biologici tra il consumo elevato di alcol, il rischio di tumori e l’invecchiamento precoce. Legami che iniziano a livello cellulare con l’accorciamento dei telomeri. La scoperta e’ di un gruppo di ricercatori italiani, dell’Universita’ di Padova (Laboratorio di Mutagenesi Ambientale del Dipartimento di Medicina Ambientale e Sanita’ Pubblica), con la collaborazione con l’Universita’ di Milano (Dipartimento di Medicina del Lavoro), e la Fondazione Irccs Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico (Centro di Epidemiologia Molecolare e Genetica). I risultati di questo studio sono stati presentati al 101st Annual Meeting 2010 della American Association for Cancer Research.(liquidarea)

aprile 22, 2010

Origini genetiche dell’eiaculazione precoce.

L’eiaculazione precoce potrebbe avere un’origine genetica. Secondo uno studio condotto da ricercatori svedesi e finlandesi, e pubblicato sulla rivista Journal of Sexual Medicine, gli uomini che soffrono di eiaculazione precoce hanno maggiori probabilita’ di avere un’anomalia genetica. Si tratta di un difetto nel gene che controlla il rilascio della dopamina, neurotrasmettitore che svolge un ruolo cruciale nella percezione del piacere. Gli scienziati sono convinti che i farmaci in grado di aumentare i livelli di dopamina nel cervello potrebbero essere un nuovo metodo per affrontare questo problema. In studi precedenti, i farmaci alla dopamina, utilizzati nel trattamento contro il morbo di Parkinson, sono stati associati a effetti afrodisiaci in alcuni pazienti.(liquidarea)