Archive for marzo 31st, 2010

marzo 31, 2010

…e adesso tutti al lavoro.

Cosa ci aspettiamo dai nuovi eletti ?
Soprattutto il rispetto della legalità …
ma non ci speriamo troppo !!!

marzo 31, 2010

L’aglio è un potente anticancro.

L’aglio è già noto, leggendariamente, per allontanare i vampiri, è conosciuto popolarmente come toccasana per la protezione dello stomaco da infezioni di diversa natura. Non solo: grazie a uno studio pilota condotto da un gruppo di ricercatori dell’Ohio State University’s Comprehensive Cancer Center guidati da Earl Harrison e pubblicato sulla rivista Analytical Biochemistry, all’aglio viene ora riconosciuta anche una proprietà anti-cancerogena: tanto più se ne consuma, tanto più basso è il rischio che si sviluppino processi chimici potenzialmente cancerogeni.

L’insorgenza del tumore, si legge nella ricerca, può dipendere da specifici composti contenenti azoto in grado di trasformare in agenti cancerogeni alcune sostanze presenti in determinati cibi, come carni lavorate o alimenti trattati ad alte temperature: l’aglio sarebbe in grado di intervenire nel processo chimico che porta alla formazione delle cellule tumorali, interrompendolo.

 “Abbiamo sviluppato un metodo per misurare nelle urine due composti diversi, quello che mette in evidenza il rischio di incorrere nel cancro e quello che indica l’entità del consumo di aglio – spiega Harrison, docente di Nutrizione umana della Ohio State University e principale autore dello studio -. I nostri risultati hanno dimostrato che questi due valori sono inversamente correlati tra loro: maggiore è la presenza del marcatore del consumo di aglio, tanto più basso è il livello del marker per il rischio di sviluppare una neoplasia”.

marzo 31, 2010

Caro bollette per colpa dell’aumento del greggio? Si, ma non in Germania

Prezzo greggioDa sempre siamo abituati al fatto che le bollette energetiche e i loro rincari siano spesso collegati all’aumento del prezzo del greggio. Proprio su questo tema è però particolarmente interessante segnalare una novità assoluta. La notizia non arriva dall’Italia, ma dalla Germania un Paese che, in quanto a temi energetici e sostenibilità ambientale, negli ultimi anni ci ha visto sicuramente meglio di noi.

La corte federale di Karlsruhe ha infatti emesso una sentenza secondo cui le compagnie energetiche tedesche non potranno collegare automaticamente i prezzi del gas alle fluttuazioni del prezzo del petrolio. Sarebbero quindi illegittime le clausole inserite nei contratti che collegano eventuali aumenti al variare dei prezzi sui mercati internazionali.

Queste condizioni, secondo i giudici, finiscono infatti per svantaggiare ingiustamente i consumatori determinando degli extra profitti illegittimi, in quanto non determinati da leggi di mercato, ma semplicemente da un rapporto matematico fisso. Secondo quanto si apprende, i giudici hanno deciso che gli eventuali aumenti dovranno essere assorbiti attraverso tagli in altri settori come per esempio nell’area vendite, oppure grazie ai benefici relativi ai maggiori margini di profitto quando il prezzo del petrolio risulta in calo.(ecoblog)

Anche in Germania ci sono i giudici comunisti. (e menomale)

marzo 31, 2010

Alessandro Cecchi Paone si dà alle energie rinnovabili

 Alessandro Cecchi Paone dopo aver vissuto mille vite, inclusa quella di naufrago all’Isola 5 ha deciso che da grande vuole occuparsi di energie rinnovabili. E lo fa alla sua maniera, da giornalista cioè, fondando e dirigendo una nuova rivista Eco Design; non solo, essendo presidente dell’associazione Anter sta iniziando a dare vista a una serie di progetti, tra cui Anter Park, un parco divertimenti ecologico, che hanno l’obiettivo di diffondere la cultura delle energie rinnovabili.(ecoblog)

Spiega Cecchi Paone  a proposito di Eco Design:

L’intento principale è quello di contribuire ad allargare la discussione nell’ambito della green economy. Le riviste dal taglio esclusivamente tecnico in questo campo sono numerose e poco comprensibili dal lettore comune. Noi cerchiamo invece, di diffondere una cultura delle energie alternative e di alimentarne il più possibile il dibattito culturale.

marzo 31, 2010

Il gioco delle tre carte.

Il Psi ha eletto il maggior numero di consiglieri regionali tra i cosiddetti piccoli partiti del Centro Sinistra. E’ quanto si può tranquillamente  evincere dalla consultazione dei dati ormai pressochè definitivi delle elezioni regionali del 28 e 29 marzo.Questo è il commento che il PSI lancia nel suo sito ufficiale.
Nencini come al solito bara. infatti l’immaginifico segretario si accredita ben 14 consiglieri regionali. Partiamo dal dato dei consiglieri uscenti e registriamo che ne avevamo 19, quindi almeno in linea teorica ne abbiamo persi 5 a prescindere da ogni altra considerazione . Poi sempre Nencini afferma che Nelle 13 regioni in cui si è votato infatti  i socialisti hanno eletto 14 consiglieri regionali contro i 13 di Sel, gli 8 della Federazione della sinistra, i 5 dell’Udeur, i 4 dei Verdi e i 3 ciascuno di Api e Radicali. Il segretario dimentica però un piccolo particolare che i consiglieri di cui parla sono stati eletti sotto altre sigle, principalmente Sinistra e Libertà  e PD. Quindi accreditarsi 14 consiglieri senza almeno una nota esplicativa è da disonesti. D’altronde abbiamo avuto modo di sperimentare in varie occasioni la disonestà intellettuale di Nencini. 
Ma opportuno mi sembra il commento del compagno Vetrano che qui di seguito riportiamo
Che cos’è il PSI? Quanto pesa realmente in Italia?
Ma mi domando anche quanto pesa realmente SEL visto che con i socialisti ha fatto solo un cartello elettorale. Che succederà in Campania visto che non è pensabile che la linea di SEL possa essere espressa dai compagni socialisti.
Insomma: prima avevamo lo SDI dentro l’Unione ora abbiamo socialisti sparsi un po’ di quà e un po’ di là in un centro-sinistra disunito, senza identità e senza leadership.
Suonare la fanfara, in simili condizioni, è da cretini!”
Per i socialisti l’onestà è la prima regola. Purtroppo Craxi è stato un cattivo maestro e Nencini mi sembra un degno discepolo.