Archive for febbraio 27th, 2010

febbraio 27, 2010

Buonanotte compagni.

Buonanotte a Raffaele Aurisicchio, che non so in che letto dormirà questa notte. In quello di sinistra e libertà o dove? Chi di spada ferisce di spada perisce.

E buona notte anche a Gennaro Imbriano. I compagni di strada bisogna saperseli scegliere, perchè la via è lunga ed è  piena di pericoli.

A loro offro un Bob Dylan d’annata. Come un vino di qualità bello da sorseggiare:

Il pezzo fa parte dell’album The Freewheelin’ Bob Dylan (traducibile come Bob Dylan a ruota libera) è il titolo di un album pubblicato da Bob Dylan nel maggio del 1963; è il secondo album ufficiale (il primo con composizioni interamente sue) dell’autore di Duluth dopo il disco d’esordio che portava il suo nome (Bob Dylan, del 1962, composto da cover di brani traditional del folk statunitense e da un paio di pezzi scritti da lui).

Oltre a Bob Dylan alla voce, chitarra e armonica, sono presenti come “session man” in Corrina, Corrina (l’unico brano non acustico) R.Wellstood al pianoforte, Bruce Langhorne e G.Barnes alla chitarra elettrica, A.Davis al basso e H.Lovelle alla batteria.

Registrato a New York, fu prodotto da John Hammond; riporta sulla contro-copertina note con descrizione dei brani e presentazione del compositore e cantante scritte da Nat Hentoff. La foto di copertina ritrae invece un giovane Dylan a passeggio sottobraccio con la allora fidanzata Suze Rotolo in una strada innevata di New York, scattata l’inverno precedente, al momento del suo arrivo a New York dall’Iron Range del Minnesota.

Il brano dell’album destinato a restare nella storia della musica rock – e a lanciare su scala planetaria il giovane Dylan – fu Blowin’ in the Wind, che diverrà da allora la canzone di protesta per eccellenza e al tempo stesso una vera e propria bandiera del pacifismo, per i versi dal contenuto universale e senza tempo.

L’album comprende tra gli altri motivi anche A Hard Rain’s A-Gonna Fall, monito esplicito espresso senza mezzi termini sulle conseguenze di un possibile conflitto nucleare.

Altri brani degni di essere ricordati sono Masters of War, brano che si scaglia contro i “signori della guerra” , vale a dire i fabbricanti di armi, anch’essa diventata quasi un inno per i pacifisti, soprattutto negli anni in cui il conflitto in Vietnam era alle porte.

Infine Talkin’ World War III Blues, acido talkin’ blues (blues parlato, quasi antesignano dei successivi rap) su una possibile nonché temuta terza guerra mondiale.( fonte wikipedia)

… e beccatevi anche questo.

A mia figlia adele, a domenico a pinuccia a paola,elisa e laura dedico invece:

febbraio 27, 2010

A rischio la lista provinciale Roma del PDL nel Lazio

Mentre Bonino  sospende sciopero fame, battaglia va avanti,  La lista provinciale Roma della Pdl rischia l’esclusione dalle elezioni regionali di fine marzo. La possibile eliminazione sarebbe legata ad una presunta irregolarità nella consegna documentazione delle liste elettorali. Secondo alcuni rappresentanti di altre liste il presentatore di lista per la Pdl Alfredo Milioni avrebbe tentato di consegnare parte della documentazione necessaria fuori tempo massimo.Il Pdl, che ha presentato ricorso all’Ufficio centrale circoscrizionale presso il Tribunale di Roma per sostenere la regolarità della procedura nella presentazione della sua lista elettorale per la provincia di Roma in vista delle Regionali di fine marzo,  sostiene invece che il faldone delle firme sarebbe stato portato fisicamente vicino all’ufficio elettorale del Tribunale di Roma prima delle 12, quando scadeva la consegna. Milioni però si sarebbe allontanato portandosi con sé i fogli con l’accettazione delle candidature ma al momento di rientrare, è stato bloccato dai rappresentanti di altre liste perché, sostengono questi, “erano ormai le 12:45”. Anche le forze dell’ordine hanno impedito a Milioni l’accesso all’ufficio. Ora il faldone con le firme della lista della Pdl si trova in corridoio mentre il resto della documentazione è ancora in mano a Milioni. Speriamo bene. Questa è la prova che Dio esiste.

febbraio 27, 2010

regionali: emilia romagna sei liste ed esposto dei radicali.

Il primo ad arrivare e’ stato Il Movimento Cinque Stelle di Beppe Grillo, seguito dal Centro sinistra per l’Emilia Romagna, da Udc, Pdl per Emilia Romagna, Lista Bonino Pannella e Pcl (Partito comunista lavoratori): sono sei i listini regionali presentati entro le 12 di oggi alla Corte D’Apppello di Bologna per le prossime elezioni regionali: gia’ nel pomeriggio si dovrebbero avere notizie sulla regolarita’ e ammissibilita’ delle liste (ci sono dubbi sull’ultima, arrivata con un paio di fogli di firme) mentre il sorteggio per l’ordine di presentazione sulle schede elettorali probabilmente si terra’ lunedi’ prossimo. A movimentare la mattinata, una decina di esponenti della Lista Bonino Pannella che hanno manifestato davanti a Palazzo di Giustizia con alcune bandiere e uno striscione: “Illegalita’, cosi’ fan tutti, noi no”. Alla Corte D’Appello, Werter Casali – candidato per i radicali alla Presidenza dell’Emilia Romagna – ha presentato anche l’annunciato esposto col quale si chiede di pronunciarsi sulla terzo mandato di Vasco Errani alla Presidenza della Regione, facendo riferimento alla legge 165 del 2004 che all’articolo 2 (comma f) elenca come principio fondamentale di ineleggibilita’ “la non immediata rieleggibilita’ allo scadere del secondo mandato”.  Una eventuale pronuncia sulla questione, se ci sara’, dovrebbe comunque arrivare prima del voto. Analogo esposto era stato annunciato per i prossimi giorni dal responsabile provinciale del Pdl Enzo Raisi, ma piu’ come risposta a quello avanzato in Lombardia nei confronti della ricandidatura di Formigoni. “O tutti e due ci stanno o tutti e due vengono esclusi” sintetizza il senatore Filippo Berselli, coordinatore del Pdl Emilia Romagna, citando il detto latino “simula stabunt, simul cadent” e sottolineando che “il segretario del Pd Piergluigi Bersani si e’ affrettato a dire che Formigoni non ha superato i limiti di legge”. “Per cui- conclude Berselli- simul stabunt….” . Per quanto riguarda i listini provinciali, la presentazione e’ avvenuta sempre entro le 12, ma in Tribunale. Nove le liste depositate: Federazione della sinistra, Movimento 5 Stelle, Idv, Pd, Sinistra ecologia e liberta’, Udc, Lega Nord, Lista Bonino Pannella, Pdl. Nel pomeriggio si conosceranno le ammissione dopo i controlli sulla regolarita’ delle liste: lunedi’ il sorteggio per l’ordine in lista.

febbraio 27, 2010

REGIONALI: CALABRIA, QUATTRO I CANDIDATI ALLA PRESIDENZA

 Quattro candidati alla presidenza della Regione Calabria si contenderanno l’elezione il prossimo 28 e 29 marzo. Si sono infatti concluse alle ore 12 le operazioni di presentazione delle liste, senza scossoni rispetto alle previsioni di partenza. In lizza sono Filippo Callipo, Giuseppe Scopelliti, Agazio Loiero e Antonio Siclari.
  Filippo Callipo, imprenditore vibonese, sara’ sostenuto da tre liste: Italia dei valori, “Io resto in Calabria” e Radicali.
  Giuseppe Scopelliti corre con otto liste: Pdl, Udc, Insieme per la Calabria (che comprende Udeur, Nuovo Psi e Pri), Fiamma Tricolore, Scopelliti presidente, Socialisti uniti, Alleanza di centro e Noi Sud. Il governatore uscente Agazio Loiero e’ sostenuto da sei liste: Pd, Federazione della sinistra, Psi Sinistra con Vendola, Autonomia e diritti, Slega la Calabria, Alleanza per la Calabria (composta da Api, Verdi, Mpa e liste locali).
  Antonio Siclari corre, invece, con il sostegno del Partito comunista dei lavoratori. Le operazioni di presentazione delle candidature alla presidenza si sono svolte regolarmente, nella sede della Corte di appello di Catanzaro. Nelle prossime ore la commissione elettorale centrale procedera’ con la verifica della documentazione, quindi il via libera definitivo alla campagna elettorale che si concludera’ con il voto del 28 e 29 marzo prossimi. (AGI) Cli/Adv

febbraio 27, 2010

James Brown: live in the apollo

Abbiamo saltato la buonanotte ai compagni perchè siamo stati a lungo a parlare fra compagni, con un bicchier di vino, del buon salame e un piatto di spaghetti alla carbonara. Egoismo socialista.

Rimedio con un brano di James Brown, tratto dal  disco registrato dal vivo all’Apollo nel 1962. Un concerto che ha fatto epoca e ha reso James Brown un gigante del rock.

Godetevelo per intero.

febbraio 27, 2010

Mangiare meno per vivere più a lungo.

Il segreto per non ingrassare è quello d’alzarsi da tavola ancora con un po’ di fame. In una parola, è bene mangiare meno per non sentire gli acciacchi dell’età. È questo il messaggio che proviene dallo studio InCHIANTI (Invecchiare in Chianti), una ricerca che dal 1998 segue centinaia di anziani che vivono sulle colline attorno a Firenze. Lo scopo è di capire i segreti per vivere meglio e più a lungo.

Alzarsi da tavolo con un po’ di fame – I risultati saranno pubblicati sulla rivista “Age and Ageing” e sono stati discussi, a Firenze, al 54° Congresso della Società Italiana di Gerontologia e Geriatria. Si preciserà che ridurre di 100 calorie l’introito energetico quotidiano negli anziani, abbassi del 10 per cento il rischio di ritrovarsi nel giro di tre anni con una disabilità motoria qualsiasi, dall’incapacità di eseguire normali attività quotidiane come lavarsi o vestirsi da soli, all’impossibilità di camminare a lungo o salire le scale senza aiuto.

febbraio 27, 2010

Milano, dal 1° marzo pane scontato dell’80% alle famiglie numerose

Dal 1° marzo, per tre mesi, i panifici di Milano adottano le famiglie numerose. Cosa vuol dire? Per le famiglie numerose, adottate da 62 panifici di Milano e provincia, il pane sarà scontato dell’80%, fino ad una spesa di 50 euro al mese.
L’iniziativa è promossa dall’Associazione nazionale famiglie numerose in collaborazione con l’Associazione milanese dei panificatori.

Il presidente dell’Associazione panificatori di Milano, Antonio Marinoni, spiega che “da sempre, il pane è termometro di abbondanza e da sempre si coniuga con la solidarietà e con la famiglia. Per questo, attraverso i nostri panifici associati che hanno aderito, abbiamo deciso di dare un nostro contributo”. “Un esempio piccolo ma concreto di solidarietà – aggiungono Gabriella e Robbin Hubbard, coordinatori dell’Associazione Famiglie Numerose per la provincia di Milano – che speriamo possa fare da apripista per le altre associazioni di categoria, ma soprattutto per le Istituzioni cronicamente poco attente al soggetto sociale famiglia, che in questo periodo di crisi si è dimostrata essere il miglior ammortizzatore sociale. Sostenere la famiglia aiuta il progresso sociale, più famiglia significa più futuro”.Ogni tanto una buona notizia ci vuole.

febbraio 27, 2010

Enzo Scarton; tanto per sorridere un pò.

Enzo Scarton

Etichette:

febbraio 27, 2010

Gran Bretagna, nel 2030 la prima centrale nucleare a fusione

Mentre in Italia decidiamo di ritornare al nucleare con la costruzione di vecchie centrali nucleari, in Gran Bretagna iniziano a pensare alla costruzione di centrali nucleari a fusione. Lo annuncia il Sunday Times che spiega: La fusione nucleare, il processo usato da sole che offre la prospettiva di produzione di energia pulita e sicura era al centro delle ricerche scientifiche che però avevano riscontrato problemi che sembravano insormontabili. Il Research Councils UK (RCUK), l’organismo che supervisiona la spesa del governo britannico in materia di scienza e tecnologia, però ha detto che ritiene che molti di questi ostacoli siano vicini all’essere superati.

Ecco allora la proposta, conosciuta come progetto Hiper, (questo il nome del laser che fonderà piccole quantità di carburante, idrogeno congelato per produrre energia) per iniziare la costruzione dal 2030 di una centrale nucleare a fusione a Didcot in Oxfordshire. Il problema, fino a oggi, però è che si è usata più energia per generare il processo di quella che poi si è ottenuta.

Il test cruciale arriverà questo autunno, quando in teoria, si dovrebbe iniziare a generare più energia di quanta se ne utilizzi. Ammesso che ciò si verifichi ci sarà allora la dimostrazione che il laser è pronto per essere usato.

febbraio 27, 2010

Elezioni regionali 2010: sondaggi freschi di giornata

LAZIO: Polverini +4,0% (+2,0%)
UMBRIA: Marini +5,5%
LIGURIA: Biasotti +1,5% (+0,5%)
PIEMONTE: Cota +1,5% (INV)
PUGLIA: Palese +2,0% (+1,0%)   
CRESPI 22/02
LAZIO: Polverini +1,0%
LOMBARDIA: Formigoni +26,5%
PIEMONTE: Bresso +1,0%
BASILICATA: De Filippo +9,5%

 

 

 

IPSOS 22/02
ITALIA: Centrodestra +6,0%
PIEPOLI 18/02
LAZIO: Polverini +4,0%
CRESPI 18/02
VENEZIA: Brunetta +10,0

 

 PIEPOLI 17/02
PIEMONTE: Bresso +2,0%/+3,0%
IPSOS 12/02
LAZIO: Polverini +2,0%

 

LORIEN 09/02
TOSCANA: Rossi +22,0

in serata scovati nuovi Euromedia

EUROMEDIA 16/0
PUGLIA: Vendola +3,0% (-5,0%)
LIGURIA: Burlando +1,0% (+2,5%)
MARCHE: Spacca +6,0% (+2,0%)
LAZIO: Polverini +2,0% (-2,0%)
CAMPANIA: Caldoro +2,5% (-0,5%)
BASILICATA: De Filippo +13,5% (+8,0%)

CALABRIA: Scopelliti +9,0% (+3,0%)

LOMBARDIA: Formigoni +21,5% (-12,5%)
PIEMONTE: Bresso +2,5% (+2,0%)
VENETO: Zaia +19,5% (-2,5%)
EMILIA ROMAGNA: Errani +17,0% (-4,0%)
TOSCANA: Rossi +17,5% (-4,5%)
UMBRIA: Marini +13,5% (+4,5%)