Archive for febbraio 25th, 2010

febbraio 25, 2010

Buonanotte compagni.

Una musica allegra, perchè ieri sera sono venuti i ladri. Mia Piniccia è sconvolta e forse cambieremo casa. lascerò la casa dei miei nonni.

Buonanotte ai ladri, che non sanno i danni che hanno fatto.

febbraio 25, 2010

Sfumature

Flash
Flash1
Flash2

Mentre il governo italiano fa una campagna contro l’omofobia puntando il dito contro le diversità, la chiesa valdese s’ispira invece al principio per cui «la diversità è un dono».

Segnali deboli, ma di differenze forti.

febbraio 25, 2010

Nucleare Candidati alle elezioni regionali 2010 favorevoli e contrari

Legambiente ha stilato una lista su candidati favorevoli e contrari al nucleare. Tanti gli incerti, ma nel complesso prevalgono i no. Per il sì sono schierati: Cota, Biasotti, Caldoro, Palese e Scopelliti,  tutti candidati di centrodestra. Nella lista sono presenti anche le regioni in cui non si vota (Chiodi, presidente di centrodestra della Regione Abruzzo dal 2008, sarebbe favorevole al nucleare). È interessante un dato, non riportato all’interno della lista, ma riscontrabile nella lettura delle dichiarazioni giornaliere dei candidati di centrodestra: la maggiorparte dei candidati contrari alle centrali nucleari all’interno delle proprie regioni, vedrebbe invece di buon occhio il nucleare nel resto d’Italia.

Piemonte: Mercedes Bresso (Cs) – NO,  Roberto Cota (Cd) – SI

Liguria: Claudio Burlando (Cs) – NO, Sandro Biasotti (Cs) – SI

Lombardia: Filippo Penati (Cs) – NO, Roberto Formigoni (Cd) – NO

Veneto: Giuseppe Bortolussi (Cs) – NO, Luca Zaia (Cd) – NO, Antonio De Poli (Udc) – NO

E.Romagna: Vasco Errani (Cs) – NO, Giancarlo Mazzuca (Cd) – ?

Toscana: Enrico Rossi (Cs) – NO, Monica Faenzi (Cd) – ?, Francesco Bosi (Udc) – ?, Alfonso De Virgiliis – NO (Radicali) –

Lazio: Emma Bonino (Cs) – NO,  Renata Polverini (Cd) – No

Marche: Gian Mario Spacca (Cs) – NO,  Erminio Marinelli (Cd) – ?

Umbria: Catiuscia Marini (Pd) – NO, Fiammetta Modena (Cd) – ?, Maria Antonietta Coscioni- NO (Radicali) –

Campania: Vincenzo De Luca (Cs) – NO,  Stefano Caldoro (Cd) – SI

Puglia: Nichi Vendola (Cs) – NO, Rocco Palese (Cd) – NO, Adriana Poli Bortone(Udc)- NO

Basilicata: Vito De Filippo (Cs) – NO, Nicola Pagliuca (Cd) – NO, Magdi Allam (Centro) – ?

Calabria: Loiero (Cs) – No ,  Callipo (Idv) – No ,  Scopelliti(Cd) – Si

Valle d’Aosta: Augusto Rollandin – ?

Prov.Aut.Bolzano: Luis Durnwalder – ?

Prov.Aut.Trento: Lorenzo Dellai – NO

Friuli V.G.: Renzo Tondo – NO

Abruzzo: Giovanni Chiodi – SI

Molise: Angelo Iorio – NO

Sicilia: Raffaele Lombardo – NO

Sardegna: Ugo Cappellacci – NO

febbraio 25, 2010

Sandro Pertini: un grande esempio.

Napolitano: «Pertini grande esempio di integrità morale». Chissà cosa avrebbe fatto se gli avessero portato il Lodo Alfano.E pensare che il Sindaco di Milano si è dimenticato di commemorare il nostro grande Presidente. Meglio così.

febbraio 25, 2010

Quando la vita diventa leggenda.

Un grande cantante per una leggenda. Dalla-Senna.

Buona musica compagni.

febbraio 25, 2010

Regionali 2010: l’Italia a 30 giorni dall’apertura delle urne. Indagine Demopolis sulle intenzioni di voto

Secondo una indagine di Demopolis sulle intenzioni di voto degli italiani alle prossime regionali, a trenta giorni dal voto, sono soltanto sette le regioni italiane nelle quali si registra un deciso vantaggio di una delle due coalizioni: Lombardia, Veneto, Campania andrebbero all’asse PDL-Lega; Emilia-Romagna, Toscana, Marche e Basilicata al Centro-Sinistra.

La partita per l’elezione dei governatori appare aperta nelle altre sei regioni. Sfida all’ultimo voto in Puglia e in Liguria. Lieve prevalenza dei candidati del Centro-Destra nel Lazio e in Calabria e dell’alleanza di Centro-Sinistra in Umbria e in Piemonte.

Molti gli indecisi infatti più di un cittadino su cinque, in un clima di crescente sfiducia nel sistema dei partiti, dichiara di dover ancora scegliere, pur avendo maturato al momento un orientamento di massima.

L’elettorato appare meno stabile del passato e il gioco per la conquista delle Regioni è, sotto molti aspetti, piuttosto aperto. In crescita, rispetto alle Politiche, appaiono Lega e Partito Democratico.

Il voto disgiunto e personale ai candidati presidenti potrebbe pesare nel Lazio (dove appare bidirezionale nella competizione tra Emma Bonino e Renata Polverini), in Piemonte (dove oggi favorisce Mercedes Bresso) e a vantaggio di Niki Vendola in Puglia, regione nella quale sarà l’incognita Adriana Poli Bortone, candidata dell’UCD, a pesare sull’esito finale della sfida di Rocco Palese al governatore uscente. Decisamente più arduo, per la debolezza della coalizione di Centro-Sinistra, nonostante un consistente voto personale, sembra il recupero di Vincenzo De Luca in Campania.

Secondo le odierne intenzioni di voto registrate dall’Istituto Demopolis, Roberto Formigoni (PDL) verrebbe riconfermato alla Presidenza della Lombardia e Luca Zaia (Lega) sarebbe il nuovo governatore del Veneto. Passerebbe al Centro-Destra la Campania, con la vittoria di Stefano Caldoro (PDL).

Netta conferma alla guida dell’Emilia Romagna per Vasco Errani (PD) e per Vito De Filippo in Basilicata; elezione di Enrico Rossi (PD) in Toscana e di Gian Mario Spacca (PD) nelle Marche. Discreti margini di vantaggio – secondo l’indagine DEMOPOLIS – per Giuseppe Scopelliti (PDL) in Calabria (sull’uscente Loiero) e per Catiuscia Marini (PD) in Umbria su Fiammetta Modena.

Decisamente più esiguo il vantaggio del governatore uscente del Centro-Sinistra Mercedes Bresso su Roberto Cota in Piemonte e di Renata Polverini su Emma Bonino in Lazio: peseranno gli indecisi, oggi intorno al 20%. Restano apertissime, secondo i ricercatori dell’Istituto Demòpolis, le sfide in Puglia tra Niki Vendola e Rocco Palese ed in Liguria tra l’uscente Claudio Burlando e Sandro Biasotti.

“Se Nord e Centro rimangono nel complesso in linea con le scelte compiute negli ultimi anni – afferma il direttore dell’Istituto Demopolis Pietro Vento – il Mezzogiorno, dopo l’enorme astensione delle Europee, appare anche in queste elezioni diviso, instabile, con un elettorato sempre più liquido. Mentre la Sicilia, con Lombardo, sperimenta da due mesi un’inedita alleanza tra MpA, PD e pezzi del PDL, e la Lucania si accinge a confermare il governo uscente di Centro-Sinistra, Campania e Calabria si apprestano a tornare a Destra, con Caldoro e Scopelliti. Unica vera incognita – conclude il direttore di Demopolis – rimane la Puglia, in bilico tra Rocco Palese e Niki Vendola, che potrebbe restare l’ultimo comunista al governo in una regione italiana”.

febbraio 25, 2010

previsioni meteo giovedi 25 febbraio 2010

GIOVEDI 25: tempo inizialmente più stabile e mite al centrosud,nebbie o nubi basse su pianure del nord, Valpadana, pianura veneta, friulana, nubi basse anche sul Piemonte, qualche pioggia su Salento, Calabria Tirrenica verso catanzarese e Reggio C,qualche pioggia su alto Friuli, peggiora su zone interne di Toscana, alta Toscana, fiocchi di neve su confini valdostani, nubi in aumento al nord, neve dal pomeriggio su Val d’Aosta, fiocchi su confini alpini,peggiora verso Piemonte e alta Lombardia, piogge su est Liguria fino all’alta Toscana-Lunigiana.  La sera piogge al nord da ovest verso est, anche abbondante su Lombardia, con neve fino a 1000m. Mite al centrosud, oltre 15/16°C. Nella notte peggiora al nord e Toscana fino al Lazio e nord Campania, meno su Riminese.
febbraio 25, 2010

Il nuovo ‘lettore mp3′ per la glicemia.

È grande come un cellulare, leggero come un lettore mp3 e controlla la glicemia tutte le volte che è necessario nell’arco della giornata. Un sollievo per chi soffre di diabete. Il dispositivo è arrivato in 200 strutture pubbliche e sarà sperimentato a breve da un primo migliaio di malati. Un segnale acustico avvisa quando gli zuccheri stanno calando troppo e sospende per due ore, senza l’intervento del paziente, l’infusione di insulina in caso di grave ipoglicemia, che provoca un terzo dei decessi. Episodio questo che si verifica almeno una volta all’anno in un paziente su 10 dei 200.000 che soffrono di diabete di tipo uno.
Gli esperti del settore hanno pensano a questo dispositivo come a un pancreas artificiale. Il microinfusore, infatti, mima le funzioni e le caratteristiche fondamentali del pancreas umano. L’apparecchio è stato realizzato da Medtronic e approvato in oltre 50 Paesi tra cui l’Italia dove è in uso da gennaio su oltre 100 pazienti ed è già disponibile in più di 200 centri di rilievo per la diabetologia dell’adulto e del bambino.

febbraio 25, 2010

Fiat Punto Evo, BlueZero e le altre auto ecologiche del MoTechEco

Si è appena concluso a Roma il MoTechEco, la terza edizione del salone della mobilità sostenibile, dedicato alle nuove tecnologie in campo automobilistico per muoversi in libertà nel rispetto dell’ambiente.

Hanno partecipato alla manifestazione, evento a Impatto Zero certificato da LifeGate, circa 50 mila visitatori, interessati ai modelli di auto ecologiche presentati. Tra i modelli più attesi BlueZero E-Cell, il Concept di Mercedes-Benz e la 500 elettrica di Fiat, la city car elettrica a 4 posti perfetta per la guida nei centri delle città. Oltre alla piccola di casa, Fiat ha portato al salone anche la Punto Evo e il suo Qubo, per ribadire la propria posizione in fatto di ibride.

Presenti anche Ford con la Focus dotata del sistema Start e Stop per consumare meno e la Opel con i suoi modelli a Gpl.

febbraio 25, 2010

Pagheremo il canone Rai nella bolletta elettrica?

Rai radio televisione italianaProblemi nel leggere la bolletta elettrica? Non preoccupatevi, ben presto potrebbe esserlo ancora di più. Infatti, per combattere l’evasione dal canone Rai, in Viale Mazzini è spuntata l’ipotesi di farlo pagare in bolletta. L’ipotesi, della quale si è parlato più volte in passato, è emersa dopo l’approvazione in consiglio d’amministrazione del nuovo contratto di servizio 2010-12 che fa esplicito riferimento alla lotta all’evasione.

La volontà dell’azienda Rai sarebbe concreta e lo stesso Governo nostrano si sarebbe dichiarato possibilista circa l’integrazione di questa tassa nella nostra bolletta. Gli alti dirigenti Rai fanno inoltre notare come, oltre al fatto che la soluzione sarebbe la migliore possibile, in altri Paesi (vedi Grecia) questo già succede.

Questo sistema, concludono dagli alti piani della Rai, azzererebbe l’evasione del canone Rai, la quale, secondo alcuni calcoli, sarebbe stimata intorno ai 300 milioni di euro. Sulla questione vorrei però fare un appunto. Se da un lato potrebbe essere lecito mettere a punto un piano antievasione, dall’altro permangono forti dubbi circa l’integrazione di una tassa (quella della bolletta elettrica appunto) con un’altra che di energetico non ha nulla a che vedere.