Nuovi studi per combattere l’obesità

Il National Institutes of Health sta lanciando un programma di 37 milioni dollari che per sviluppare interventi più efficaci per ridurre l’obesità utilizzando  i risultati di una ricerca di base sul comportamento umano. Il programma,  finanzierà un team interdisciplinare di ricercatori in sette ambiti di di ricerca facendo interagire  il  comportamento sociale e  le scoperte scientifiche  interventi per ridurre l’obesità. Il programma è condotto dal National Heart, Lung, and Blood Institute (NHLBI), in collaborazione con il National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases (NIDDK), il National Cancer Institute (NCI), il Eunice Kennedy Shriver National Institute of Child Health and Human Development (NICHD), e l’Ufficio di Behavioral and Social Sciences Research (OBSSR).

“L’obesità è una sfida importante di sanità pubblica perché aumenta il rischio di un individuo per il diabete di tipo 2, malattie cardiache, ipertensione, ictus, alcuni tumori, artrosi, e altre patologie”, ha detto NIH Director Francis S. Collins, MD, Ph.D. “Queste borse sono destinate a sviluppare nuove e innovative vie per affrontare questo importante problema. Questo approccio si differenzia dai precedenti ampi studi clinici di interventi comportamentali per ridurre l’obesità, ponendo l’accento su come applicare i risultati di base scienze comportamentali e sociali per migliorare le strategie comportamentali”.

l programma di studi si concentrano su diverse popolazioni ad alto rischio di sovrappeso o obesi, compresi i Latino e gli afro-americani adulti, gli adolescenti afro-americani, popolazioni a basso reddito, le donne incinte, e le donne in transizione verso la  menopausa. Gli interventi in fase di sviluppo comprendono creazione di nuovi approcci per promuovere la conoscenza di specifici comportamenti alimentari, diminuire il desiderio di cibi ad alto contenuto calorico, ridurre lo stress-correlato al mangiare, aumentare la motivazione ad aderire alle strategie di perdita di peso, coinvolgere le reti sociali di un individuo e le comunità a promuovere il fisico attività, e di migliorare i modelli di sonno. Scansioni cerebrali saranno utilizzati anche per comprendere i meccanismi cerebrali di obesità che potrebbero guidare lo sviluppo di nuovi interventi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: