Archive for gennaio 25th, 2010

gennaio 25, 2010

Buonanotte compagni.

Buonanotte ai duecentomila che hanno partecipato alle primarie in Puglia.

Buonanotte al vincitore, che sarà stanco.

buonanotte anche al perdente, sarà stanco anche lui.

Buonanotte al Sindaco di Bologna, ha fatto la cosa giusta.

Buonanotte all’arcivescovo di Agrigento, perchè è giusto così.

Buonanotte a Casini che va da solo alle regionali di Puglia ed è già qualcosa.

 

gennaio 25, 2010

Inventarsi un mestiere: i nuovi contadini.

In America si chiamano lovacores, da noi farmers: sono i nuovi contadini che vendono prodotti genuini a prezzi convenienti. La loro filosofia è semplice: per risparmiare, per stare meglio in salute e per fare un favore al pianeta, bisogna comprare prodotti locali, quelli che si coltivano nell’orticello e poi finiscono sul banco del mercato. Insomma: frutta e verdura appena colta e che viene da vicino, molto vicino. Il farmer tipo, allora, è una persona giovane (si, proprio così) con una spiccata attenzione alla qualità di ciò che coltiva, in pratica con una mentalità bio e che ha un angolino riservato presso i farmer’s market, appunto, le isole di bancarelle “biologiche” che, peraltro vanno alla grande in America ma anche da noi. Ma come fare, se si è dei semplici coltivatori a realizzare un “mercato contadino”, cioè ad entrare nel mondo dei farmer’s market? Per vendere i propri prodotti con questa formula è necessario essere degli imprenditori agricoli, un consorzio o un’Associazione, mentre l’iniziativa del mercato può essere avviata dal Comune stesso o dall’associazione previa richiesta al Comune in oggetto. I requisiti per avere risposta positiva sono: iscrizione alla Camera di Commercio, ubicazione dell’azienda in ambito regionale o, meglio ancora, Comunale, vendita di prodotti locali, anche manipolati. Su http://www.mercatidelcontadino.it, poi, ci sono le spiegazioni step by step per diventare farmers: si parte dagli adempimenti fiscali per poi passare alla realizzazione di un mercato vero e proprio. Il consiglio valido per tutti è: puntare su prodotti stagionali ma diversificando. Il mercato a km zero, infatti, è “frequentato” da palati esigenti in cerca di primizie.

gennaio 25, 2010

tenerezza.

Palmiro di Sauro Ciantini

www.palmiro.it

gennaio 25, 2010

Previsioni di voto elezioni regionali Piemonte.

lunedì 25 gennaio 2010

fonte: sondaitaliablog
gennaio 25, 2010

REGIONALI 2010 CAMPANIA: Maselli lancia De Luca

Ad Avellino, il sindaco di Salerno Vincenzo De Luca può contare anche sull’apporto di Franco Maselli, ex presidente della provincia, ora al vertice dell’Alto Calore servizi. Maselli appoggia l’ipotesi De Luca-governatore. “Candidato crebile e di grande rottura – dice – ma soprattutto uno che ha dimostrato di sapere bene amministrare la cosa pubblica”. Maselli e si è detto disponibile anche a candidarsi con De Luca, qualora ci dovesse essere uno strappo col Pd che porterebbe il primo cittadino di Salerno a correre da solo. Contrari al sindaco, gli esponenti dell’area Bersani che fanno capo al segretario regionale Amendola e al governatore Bassolino: dalla D’Amelio a Fierro, è un coro di no.

Fonte: Irpiniaoggi

gennaio 25, 2010

Canzone per Nichi

Su richiesta del compagno Antonio Nigro, ecco una bella canzone di Caparezza dedicata a Vendola:

gennaio 25, 2010

Vendola : il commento.

la vittoria di Nichi Vendola è un segnale importante, non solo per la Puglia,  Si può e si deve sconfiggere la destra con sistemi diversi da quelli usati dagli apparati burocratici dei partiti che considerano la gente poco più di numeri.  Ha vinto, come dice Vendola, la “buona politica”. Quella buona politica che è l’unica che puo mandare a casa  i fascisti della lega, le truppe cammellate di Berlusconi e i finti democratici. Certo in Puglia ora comincia la battaglia, ma intanto è arrivato un segnale importante che non si può ridurre a fatto folcloristico, come tenta di fare Nencini, il quale dimostra di essere ancora una volta strumento ottuso di un vecchio modo di far politica. Sinistra ecologia e libertà riceve nuovo vigore e nuovi spunti da questa vittoria significativa, ma ciò deve spingere tutti i compagni ad impegnarsi al massimo delle proprie energie per impedire che questa vittoria rimanga un fatto isolato e non l’inizio di una nuova esaltante avventura. Grazie Nichi.

gennaio 25, 2010

La segreteria in dialetto.

La lega non smette di inventare stratagemmi per dimostrare la sua diversità. Il sindaco leghista di Spirano, piccolo comune del bergamasco, dopo aver istallato i cartelli con i nomi storici delle via, un cartellone luminoso con le informazioni in dialetto, il calendario del 2010 in dialetto, il sindaco leghista ha deciso che il centralino del Comune di Spirano risponderà in dialetto spiranese. Quindi fra una settimana chi telefonerà al Comune di Spirano per qualsiasi informazione dovrà conoscere il dialetto Spiranese. Chissà vaffanculo in dialetto spiranese come si pronuncia?

gennaio 25, 2010

Giudici di pace in sciopero per 2 settimane

I giudici di pace entrano da domani in sciopero fino al 5 febbraio. Niente udienze dunque. Alla base della protesta,spiega in una nota l’associazione Unagipa , “il mancato riconoscimento dei diritti fondamentali della tutela previdenziale e assistenziale, della continuità del servizio e delle garanzie di autonomia”.Non è il primo sciopero dei magistrati onorari, infatti già a luglio e dicembre 2009 i giudici di pace avevano scioperato per una settimana e, con l’ultima protesta di fine anno, avevano contribuito al rinvio del ddl sulla magistratura onoraria di fatto già pronto per essere esaminato in consiglio dei Ministri ma sgradito alla categoria. Il fatto che con un emendamento al decreto sulle sedi disagiate il governo abbia previsto una proroga fino al 31 dicembre 2010 ai giudici di pace in scadenza viene ritenuto “inaccettabile” dall’Unagipa.
Si tratta – sostiengono il presidente e il segretario dell’associazione, Gabriele Longo e Alberto Rossi – di soluzioni “parziali e di mera proroga”, mentre i giudici di pace chiedono “l’approvazione di un provvedimento organico che riconosca alla categoria i diritti rivendicati e assicuri ai cittadini e alle imprese pari dignità e garanzie di efficienza, professionalità e imparzialità della funzione giurisdizionale da chiunque svolta”.

gennaio 25, 2010

REGIONALI. NENCINI: SERVONO REGOLE COMUNI PER PRIMARIE VERE

 “Quanto sta avvenendo in Puglia, secondo un copione che forse si ripeterà in Umbria, dimostra che le primarie così come sono state concepite, sono probabilmente inutili e certamente dannose”.
Lo ha detto il segretario del Psi, Riccardo Nencini.
“Una platea di votanti anonima – ha continuato Nencini – è chiamata a scegliere il candidato da mettere in pista senza regole chiare in una sorta di cabala autoreferenziale che ha poco a che fare con la democrazia. Col sistema che c’è oggi, anche Beppe Grillo potrebbe presentarsi candidato e vincere tutte le primarie, perdendo però poi tutte le elezioni. Un conto infatti sono i simpatizzanti organizzati, un altro gli elettori veri. Il centrosinistra dovrebbe far tesoro di questa lezione – ha concluso Nencini – e concordare regole comuni, chiare e condivise, per poter fare quando è giusto, delle primarie vere”.
fonte: sito PSI