Archive for dicembre 29th, 2009

dicembre 29, 2009

Ricette anticancro: fagiolini e peperoni al limone

Lo chef Giovanni Allegro, insegnante di cucina a “Cascina Rosa”, della Scuola di cucina dell’Istituto nazionale tumori di Milano, propone delle ricette sane utili a prevenire il tumore. Allegro collabora con l’Istituto e con il dipartimento di Scienze biomediche di Torino nell’ambito di progetti di ricerca sulla prevenzione dei tumori

Ingrendienti per sei persone:
500 g fagiolini;
1/2 peperone rosso;
1/2 peperone giallo;
1 cipolla di tropea;
1 pomodoro fresco maturo;
1 limone;
1 cucchiaino di capperi sotto sale;
q.b. pepe bianco e sale marino.

Preparazione:
Lessate la cipolla, i fagiolini e i peperoni in acqua bollente salata lasciandoli al dente. Raffreddateli. Tagliate i fagiolini lessi a metà per il lungo. Riducete le falde di peperone a striscioline. Riducete a filetti sottilissimi la parte gialla della buccia di limone, tagliatelo in due e spremetene una metà.

Preparate una citronette con il succo ricavato, emulsionandolo con pochissimo sale, pepe, una cucchiaiata di capperi risciacquati dal sale e tritati finemente, l’olio extravergine. Mescolate in una ciotola i fagiolini, i peperoni, il pomodoro ridotto a dadini e i filetti di buccia. Condite il tutto con la salsa preparata e portate subito in tavola.

(fonte Repubblica)

dicembre 29, 2009

Il governo incentiva la produzione di energia da fonti rinnovabili.

Un decreto da’ attuazione ad alcune delle misure per l’incentivazione della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili. In particolare il provvedimento reca le disposizioni in materia di incentivazione dell’energia elettrica prodotta da impianti alimentati da biomasse solide, oggetto di rifacimento parziale, mentre viene rinviata a un successivo decreto la determinazione degli elementi per la valutazione dell’energia elettrica incentivata. Oggetto delle misure di sostegno e la produzione di energia elettrica mediante impianti alimentati da fonti energetiche rinnovabili, entrati in esercizio in data successiva al 31 dicembre 2007, a seguito di nuova costruzione, rifacimento o potenziamento. In particolare viene regolata la materia relativa alla produzione di energia elettrica da biomassa, proprio poiche’ presenta proprie specificita’ rispetto alla produzione di elettricita’ da altre fonti rinnovabili, soprattutto in ragione dei sui costi di approvvigionamento e del fatto che la fonte include una varieta’ di prodotti estremamente diversificata. Il decreto quindi si preoccupa di salvaguardare prioritariamente la produzione di energia elettrica da biomassa solida, in particolare in impianti di potenza superiore a 1 MW, mediante misure economiche di sostegno a interventi di rifacimento ritenuti adeguatamente idonei, considerato che i costi di investimento, esercizio, manutenzione e approvvigionamento della biomassa dipendono dalla tipologia di biomassa, e risultano usualmente piu’ elevati se solida. Tiene inoltre conto che in ragione del costo di approvvigionamento della biomassa solida, per gli impianti esistenti che cessano dal diritto alle tariffe di cui al provvedimento Cip 6/92, ovvero dal diritto ai certificati verdi, non sussisterebbero in assenza di appropriati interventi di sostegno, le condizioni per il mantenimento in esercizio degli impianti.

dicembre 29, 2009

Meno cani per strada.

Meno cani randagi sulle strade. Nel 2009 gli abbandoni sono diminuiti del 21,6% con un picco di diminuzione estivo del 48% rispetto all’estate 2008. Ma al centro-sud e’ sempre emergenza e nel Lazio addirittura l’ incremento e’ stato del 13%, quasi mille cani in piu’. A tracciare un bilancio della lotta al randagismo e’ l’ Associazione italiana difesa animali e ambiente (Aidaa) che, nonostante i buoni risultati, lancia un appello a non abbassare l’attenzione e a tenere sempre alto l’impegno. In particolare, riferisce Aidaa, nei 100 canili monitorati dall’Associazione, nel 2009 sono entrati 6.984 cani rispetto agli 8.940 del 2008, con una diminuzione complessiva del 21,6% degli abbandoni su scala annuale. Sempre secondo questi dati, riferiti al periodo 1 Gennaio 2009-15 Dicembre 2009, sono stati 582 i cani entrati in media mensilmente nei canili sparsi su tutto il territorio nazionale. Per quanto riguarda gli abbandoni, il picco delle diminuzioni si e’ registrato nel quadrimestre Giugno-Settembre con una diminuzione media del 48% rispetto al 2008, mentre nel periodo Gennaio-Maggio e fino al ponte del 2 Giugno si era registrato un incremento delle entrate in canili, e di conseguenza degli abbandoni, del 6-7 per cento rispetto allo scorso anno. In particolare la maggior diminuzione di entrate rispetto allo scorso anno si ha in Lombardia, Emilia Romagna, Veneto e Liguria. Mentre si registra un’entrata pari o superiore nelle regioni del Centro-Sud Italia