Spoleto, città virtuosa.

 Con l’obiettivo di diventare la prima citta’ a emissioni zero di Co2, Spoleto inaugurera’ la prossima primavera un virtuoso progetto di mobilita’ sostenibile che togliera’ dal centro storico una grossa fetta di traffico. L’intervento, ormai in fase conclusiva, convoglia le auto su tre nuovi parcheggi interrati, realizzati fuori dalle mura della citta’, che sono in grado di contenere circa un migliaio di mezzi, fra cui anche camper e autobus turistici. Cittadini e visitatori raggiungono poi il cuore di Spoleto attraverso un sistema di tapis-roulant e scale mobili, in gran parte sotterranei. Il progetto di Mobilita’ Alternativa e’ stato sperimentato oggi dal BMW Sustainability Press Experience, in un incontro di sinergie che puntano ad un ammodernamento dei sistemi, nel rispetto dell’ambiente. Grazie alle nuove strategie, Spoleto sara’ in grado di ridurre le emissioni di 630 tonnellate annue, risparmiare 670 tonnellate di carburante, oltre che abbassare i livelli di polveri sottili e rumore, restituendo al centro storico tre ettari di vie e piazze dove ora sostano le auto. Entro marzo 2010 saranno installati i varchi con telecamere nelle due strade che portano al centro, a cui si aggiunge un sistema di telecamere per la sicurezza e per il monitoraggio dei monumenti. Cofinanziato dal Ministero dell’Ambiente, il riassetto sara’ completato da un sistema di veicoli elettrici per rifornire i negozi e da una campagna di sensibilizzazione rivolta ai cittadini.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: