Berlusconi fa vittime anche all’estero

Il quotidiano francese France Soir avrebbe licenziato le corrispondenti da Roma e Mosca perché critiche nei confronti del potere politico. Lo afferma Le Monde, che ha contattato le dirette interessate. Liquidate perché troppo “negative” sull’operato del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e del premier russo Vladimir Putin. Dallo scorso gennaio lo storico quotidiano francese è di proprietà di Alexandre Pougatchev, figlio del banchiere russo Sergueï.
La collaboratrice da Roma Ariel Dumont è stata licenziata il 13 novembre, dopo che le era stato detto di non scrivere più nulla su Berlusconi. La giornalista dice di essere stata “molto prudente”. Nonostante ciò, è stata più volte rimproverata di “anti-berlusconismo” e costretta a “riscrivere un pezzo sulla Mostra di Venezia” in cui parlava del film ‘Videocracy’ e delle critiche di Michael Moore al presidente del Consiglio. A Nathalie Ouvaroff, corrispondente da Mosca, negli ultimi mesi sono stati rifiutati tutti i pezzi politici. Accusata di essere “troppo critica” nei confronti di Putin, è stata dirottata su argomenti sociali. Ma anche questi non sono risultati graditi, e la collaborazione è stata interrotta senza alcuna spiegazione.
La direttrice generale delegata, Christiane Vulvert, uscita indenne dal riassetto voluto da Pougatchev, ha spiegato che le collaborazioni con Dumont e Ouvaroff non sono state affatto interrotte. “Non rimproveriamo loro nulla, tentiamo semplicemente di equilibrare i servizi dall’estero per ragioni di budget. Non dobbiamo alle corrispondenti alcun indennizzo poiché occasionalmente ci avvaliamo ancora della loro collaborazione”.

One Comment to “Berlusconi fa vittime anche all’estero”

  1. Cara MaryStar,
    volevo sapere come mai dietro tutta la vostra gridata necessità di meritocrazia, iper-specializzazione e professionalità nell’insegnamento si verifica la situazione che al momento stanno subendo moltissimi MAESTRI elementari. Mi riferisco al corso OBBLIGATORIO di lingua inglese. Innanzitutto che significa OBBLIGARE un insegnante a frequentare un corso di inglese? (semmai date la libertà di scelta di una delle lingue comunitarie!) e poi, che cosa direbbero i laureati in lingue e letterature straniere, che si vedono usurpato il posto da chi ha frequentato un semplice corso di formazione? Mi sembra tanto una decisione da vecchio regime sovietico…
    CARA MARYSTAR… CONTINUATE COSì!
    E poi…
    son sicuro che come te, tutte le future mamme italiane non perderanno un sol giorno di lavoro! Comincia dal suggerir loro il nome del tuo ginecologo che sarà tanto miracoloso da non farti avere il benchè minimo disturbo e continuerà a far di te il perfetto robot della mitica Guzzanti; secondo, FORNISCI A TUTTE LE MAMME ITALIANE UNA NURSERY SUL POSTO DI LAVORO, COME VOLGARMENTE DICI DI VOLER FARE TU, a scapito e beffa di tutte le altre mamme-donne NORMALI!!!!!
    MA DEL RESTO… CHE COSA CI POSSIAMO ASPETTARE DA CHI E’ COMANDATA DA UN FILIBUSTIERE CHE DICE: “SE POSSO LAVORARE IO FINO A 75 ANNI PERCHE’ NON LO DEVONO FARE ANCHE GLI ALTRI?!?!?!?!”

    FATE SCHIFO, PENA E SOPRATTUTO VERGOGNA IN TUTTO IL MONDO!!!!!!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: